17°

28°

TERRORISMO

Belgio: i 2 jihadisti arrestati erano in fuga verso l'Italia

terrorismo
Ricevi gratis le news
2

I due cittadini belgi arrestati in Francia ieri sera nell’ambito della retata anti-jihadisti condotta da Bruxelles erano in fuga verso l’Italia e sono stati bloccati dalla polizia francese nella regione di Chambèry su segnalazione di quella belga. E’ quanto si apprende da fonti di polizia, riferisce l’agenzia Belga.
I due belgi, riferiscono le fonti, volevano passare la frontiera nel momento stesso in cui i doganieri francesi hanno ricevuto la segnalazione da parte delle autorità del Belgio, e sono quindi stati fermati. Appena lanciato l’attacco a Verviers, i due membri della cellula jihadista si sarebbero dati immediatamente alla fuga. La polizia belga aveva subito emesso un mandato d’arresto europeo. Ora la Francia dovrà decidere se estradarli verso il Belgio.

In Italia 100 jihadisti, attivi su social e blog
Nel Centro Nord. Isis li monitora sul web, cerca anche laureati
Un centinaio di jihadisti che vivono regolarmente in Italia e puntano ad accreditarsi di fronte ad Al Qaeda e Isis aprendo blog e gruppi social. E intanto il Califfato li monitora per arruolare non solo soldati, ma anche esperti laureati. Ma nel nostro Paese - come emerge da un’inchiesta, il cui testo integrale è pubblicato su Ansa.it - l'identikit jihadista ha tanti nomi e poche certezze. L'intelligence è focalizzata su una lista di cento nomi, in maggioranza magrebini di seconda generazione già inseriti nel contesto italiano, residenti soprattutto in Lombardia, Emilia Romagna, Liguria, Veneto e Lazio. Di questi, una decina sono donne.
Si tratta di persone abbastanza conosciute negli ambienti investigativi, apertamente favorevoli alla guerra santa. Hanno aperto blog personali e stabilito contatti con altri utenti europei di spicco dell’estremismo islamico, come i curatori di '4Sharià in varie nazioni o i frequentatori di 'Ansar al-Mujahideen English'. Non formano una vera comunità, l’unico legame sono le convinzioni più estreme del salafismo, collante per potenziali terroristi, differenti dai più avanzati jihadisti di Londra, Parigi, Belgio o Germania. E in attesa di una terza generazione anche qui.
Il tutto sotto l’occhio vigile dell’Isis. Come succedeva già nel Medio Oriente, le giovani leve vengono monitorate dai talent scout del terrore, per assoldare i migliori. Lo Stato Islamico cerca nella rete anche studenti universitari, ingegneri e medici con tendenze estremiste, cominciando a dialogare con loro. Il pericolo è concreto: sono centinaia gli utenti che dall’Italia accedono ai forum Shumukh, Ansar al-Mujahideen, al-Qimmah e Ansaral-Mujahideen.
Aldilà della rete, il problema è anche focalizzato su quelle figure di raccordo con le organizzazioni. Pur essendo ancora in pochi, in Italia esistono 'facilitatorì che hanno legami con i gruppi terroristici e possono agevolare le rotte verso altri Paesi e gli scambi di informazioni. Un allarme è stato lanciato - secondo alcune fonti - dai servizi segreti tunisini che descrivono il paese come un buco nero dal quale è possibile imbarcarsi verso la Turchia per la Siria ed altre zone di guerra e fare ritorno, passando inosservati. A questo si aggiungono i particolari legami degli estremisti con il gruppo tunisino di Ansar al-Sharia, gruppo salafita con tendenze jihadiste che dopo la caduta di Ben Ali ha acquisito un grosso seguito. Tutto risale ai primi anni del duemila, quando alcuni tunisini furono arrestati e poi espulsi verso le carceri tunisine all’epoca di Ben Ali. Dopo la caduta del regime, molti di loro hanno mantenuto i contatti con l’Italia e potrebbero sfruttarne appoggi logistici. Così come l’Algeria, altro Paese su cui si focalizzano i flussi sotto questo aspetto. Una porta alternativa, già da qualche anno, sono anche i Balcani, l'Albania e il Kosovo.
In tutto questo traffico gli ambienti di alcune moschee sembrano aver perso la loro peculiarità ormai da tempo. Restano comunque situazioni delicate come quella di viale Jenner a Milano o di Ostia, sul litorale romano, con una forte presenza di egiziani e di Fratelli mussulmani reduci della primavera araba, che non professano la jihad ma che a Roma possono rappresentare la frangia più estrema dell’Islam. Situazioni che stridono con altre centinaia di adolescenti delle terze generazioni in Italia - simpatizzanti per la jihad - che invece vivono il web intrappolati negli ossimori, tra un 'Mi piacè ai video delle star nostrane della tv e i post che inneggiano alla guerra santa contro la decadenza dell’occidentalismo. Nel tempo il rischio è che qualcuno varchi il confine virtuale. E’ allora che i cyber-guerrieri trasformano il loro credo, fino a sistemarlo nella canna di un kalashnikov.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • eugenio

    16 Gennaio @ 22.45

    Certo. Dove possono pensare di trovare più impunitá che in Italia? Quì l'importante e avere le tasche vuote, prosciugate dalle imposte sulle imposte delle imposte alle imposte. Per il resto si può ammazzare liberamente

    Rispondi

    • Gio

      17 Gennaio @ 13.15

      Giorgio R.

      Si Eugenio imposte sulle imposte e sulle imposte con servizi dimezzati PER MANTENERE CHIUNQUE ARRIVI QUI e chi prende soldi dall'Europa per fare certe cose. abbiamo l'iva solo in Italia al 22% per far si che facciano vedere che da Bruxelles elargiscono fondi per l'immigrazione di ogni tipo. Sappiamo che metà dell'iva va a Bruxelles e provate a immaginare dal 19% al 22% quanti MILIONI di euro in più dai soliti coglioni come noi che arrivano. SIAMO ORMAI ESASPERATI !!!!!

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein lascia la stazione di Polizia, dove si è consegnato, in manette

Harvey Weinstein

molestie e violenza

Weinstein lascia la stazione di Polizia in manette Video

Doppietta Ronaldinho, sposa entrambe le fidanzate

nozze

Ronaldinho, che doppietta: sposa entrambe le fidanzate Video

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco

PGN

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Torna bambino e decidi qual è il miglior cartone animato degli anni '80!

Lealtrenotizie

In manette la banda delle fogne: voleva fare il bis

Carabinieri

In manette la banda delle fogne: voleva fare il bis

Violenze alla materna

Una mamma: «In un video ho visto mio figlio maltrattato»

weekend

Tra fiori, cavalli e la Notte del Terzo giorno: l'agenda del sabato

Noceto

Festa per i soci di Parma partecipazioni calcistiche: ecco chi c'era Foto

Arbitri

Clara e Alberto, due generazioni con il fischietto

FIDENZA

Camion perde una barriera «new jersey», tragedia sfiorata

VIA CALATAFIMI

Rubata la borsa lasciata in auto: dentro un tablet e 300 euro

MALTRATTAMENTI

Insulta, picchia e minaccia la compagna con un'accetta: condannato

EVENTO

Langhirano-Parma: camminata per chiedere più sicurezza sulla Massese

Saranno lanciati in cielo dei palloncini nei punti dove furono investiti Filippo Ricotti, Giulia Demartis, Marina Tansini in Schianchi e Marco Bottazzi

CALCIO

Dai tifosi azionisti un caldo abbraccio ai gialloblù

CARCERE

Cento detenuti in più rispetto alla capienza normale

1commento

carabinieri

Via Cavour, nel covo e nel tunnel della banda del caveau: le foto Video

1commento

serie A

Mercato crociato: il procuratore Raiola a Parma. Balotelli al Parma? Video

allarme

Auto in fiamme in viale Vittoria: vigili del fuoco al lavoro Gallery

anteprima gazzetta

Nel carcere, cento detenuti in più alla capienza ottimale

12Tg Parma

Gli audio dei rapinatori: "Faranno un film su di noi"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il nodo Savona e lo scontro istituzionale con Mattarella

di Stefano Pileri

1commento

EDITORIALE

Le gesta del trio Salvini, Di Maio, Berlusconi

di Vittorio Testa

4commenti

ITALIA/MONDO

sangue sulle strade

Incidente stradale: scontro auto-scooter, morto un 25enne a Reggio Emilia

ROMA

Mostro del Circeo, Izzo rivelazione choc: uccidemmo anche un ragazza veneta

SPORT

ciclismo

Impresa di Froome, nuova maglia rosa e le mani sul Giro d'Italia

SERIE A

Parma: il futuro in tre mosse

SOCIETA'

como

Folle inversione ad U di un tir al casello Video

cultura

Il documentario sulle pastore alla volata finale del crowdfunding

MOTORI

il test

Skoda Superb, la sicurezza non è più un optional

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv