20°

30°

rifiuti

Inceneritore e Sblocca Italia: Folli non si fida

Inceneritore

Inceneritore

Ricevi gratis le news
6

Inceneritore: il periodo ferragostano non manda in vacanza la questione. E in serata l'assessore Folli ha inviato alle redazioni un comunicato stampa in cui mostra di considerare la vicenda ancora aperta e insidiosa. Ecco il testo:

Si é tenuta stamattina la prima conferenza dei servizi in Provincia in relazione alla richiesta di Iren di adeguamento del'inceneritore di Ugozzolo allo Sblocca Italia che, se accolta, autorizzerà l'azienda a bruciare fino a 195.000 tonnellate e a ricevere rifiuti da tutta Italia. L'accordo di autolimitazione con i gestori annunciato a luglio dalla Regione con toni entusiastici alla vigilia della manifestazione NessunDorma é stato reso pubblico solo pochi giorni fa e dopo averlo letto siamo ancora più convinti di come sia stato corretto mantenere alta la guardia quel sabato di luglio in cui per le vie di Parma hanno sfilato cittadini ed associazioni da tutta Italia per dire no alla logica dell’incenerimento.

I presupposti limiti citati nel comunicato di allora letti nero su bianco nella delibera di giunta del 3 agosto scorso sono quanto di più fumoso e poco vincolante si possa pensare. Si fa riferimento alle autorizzazioni vigenti poi si alza la posta parlando di piano regionale e si chiede comunque che vada avanti il procedimento per l’adeguamento allo Sblocca Italia ma non si fa riferimento ad un piano di dismissione degli impianti come più volte sollecitato dalle amministrazioni locali in cui siano stabiliti tempi, numeri e criteri di priorità di spegnimento.

Il fatto poi che a Forlì sia stata conclusa la conferenza dei servizi per la classificazione in R1 (e che a Parma sia partito lo stesso procedimento senza che il gestore lo abbia ritirato come richiesto dal consiglio comunale e dall’assemblea dei sindaci) lascia spazio a futuri ripensamenti da parte dei gestori che in nessun modo potrebbero essere vincolati dall’accordo fatto con la regione.

A riprova di ciò si può portare l’esempio delle prescrizioni sottoscritte da Iren e dagli enti per l’inceneritore di Parma che al momento dell’accordo nel 2008 impedivano (e impediscono tuttora finchè non verranno cambiati) di ricevere rifiuti da fuori provincia. Orbene dopo 1 anno e mezzo scarso di funzionamento dell’inceneritore, Iren non ritiene più valido quell’accordo e chiede di poter ricevere rifiuti da fuori ed incrementare la capacità dell’impianto! Sulla base di quali rassicurazioni dovremmo credere che l’accordo con la Regione sia per delle multi-utility quotate in borsa vincolante?

Il recente passo indietro dell’assessore Bellini di Forlì è un segnale forte che un esponente dello stesso partito di governo manda alla Regione per esortare ad avere più coraggio e meno sudditanza verso Iren ed Hera, riprendendo in mano quel ruolo di regolatore che ha la potestà e l’obbligo di stabilire le strategie e la visione futura della gestione dei rifiuti nel nostro territorio.

Pure lo schema di decreto attuativo dello Sblocca Italia recentemente pubblicato sembra confezionato su misura per favorire chi con questi impianti ci fa utili con rischio imprenditoriale pari a zero visto che vengono pagati con le tariffe pagate dai cittadini.

Non a caso Iren ed Hera hanno voluto lanciare un messaggio preciso chiedendo di applicare gli effetti dello Sblocca Italia proprio iniziando da Parma e Forli, quei comuni in regione che erano stati più critici verso il piano regionale che mantiene in vita 7 impianti su 8 al 2020, che stanno pensando alla ripubblicizzazione del servizio di raccolta e che stanno ottenendo i migliori risultati nell'incremento della raccolta differenziata e nella riduzione del rifiuto residuo a smaltimento.

A questo punto occorre capire se la giunta Bonaccini, dopo aver adottato un'ottima legge regionale che va nella direzione di favorire l’economia circolare e l’uscita dalla logica di gestione basata sull’incenerimento vuole essere coerente e procedere in quella direzione adeguando di conseguenza il piano regionale e rendendo più vincolanti gli impegni per i gestori in una prospettiva di effettivo abbandono di un'impostazione che appartiene al passato. Noi crediamo che non sia più possibile adottare soluzioni di compromesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    11 Agosto @ 17.49

    FOLLI , ROMA E' SOMMERSA DI RIFIUTI ! La vecchia , grande discarica di Malagrotta è satura . I SUOI COMPARI DELLA GCR DI ROMA non vogliono nè discariche nè inceneritori , ma siccome "rifiuti zero " , per il momento e per diverso tempo ancora , non esiste , quelle montagne di "rudo" da qualche parte dovranno andare , prima che , a dicembre , arrivino decine di migliaia di pellegrini per il Giubileo .

    Rispondi

  • SILENZIOSO

    11 Agosto @ 08.28

    Che dire ? O Folli pensa che siamo tutti stupidi o ci vuole prendere per i fondelli. Uno che ha promesso un calo delle tariffe del 30% e ci ritroviamo a un +23% viene a parlare di fiducia ? Uno che, infischiandosene di tutto e di tutti, ha ridotto questa città a un letamaio, viene a parlare di fiducia ? Uno che consente a IREN di cablare il teleriscaldamento a tutta la città vuol farci credere che non sa come dovrà venire necessariamente alimentato ? Uno che ha messo i suoi uomini ai vertici di IREN viene a parlare di fiducia ? Folli, per cortesia, non so a casa sua .... ma la sua credibilità in giro per Parma è sottozero e dovrebbe rendersene conto senza che qualcuno glielo faccia notare. A meno che non ci siano interessi in ballo per cui valga la pena fare queste figure.

    Rispondi

  • Fede

    11 Agosto @ 07.06

    Meno di 2 anni cari, ve ne dovete andare prima!!!!!! Basta fare danni, parma fa schifo!!!! E Iren fa quello che vuole, caro assessore dovevate liberarci dall'inceneritore e darci la vostra democrazia piu' alta, e si e' visto come e' finita, fallito su tutta la linea!!!! Parma mai cosi' sporca pericolosa e costosa!!! Se aveste un po' di amore per Parma vi dimettereste volontariamente, ma siete gia' diventati politici di professione. A CASA GIUNTA DEL NULLA

    Rispondi

  • ANONIMUS

    10 Agosto @ 19.42

    Ma se vogliono piu rifiuti da bruciare non devono andare tanto lontano a prenderli.. basterebbe dare una bella pulita a parma! O rimettere i vecchi cassonetti e non farci piu fare la differenziata! Ps io da solo dovrei tenere per DUE MESI il residuo in casa! Per restare nelle giuste vuotature!!

    Rispondi

  • Vercingetorige

    10 Agosto @ 19.13

    SE E' QUESTIONE DI FIDUCIA , neanche i Parmigiani , salvo una cinquantina di esaltati , hanno fiducia in Folli .

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vip e fake news, quando la bufala corre sul web: e c'è ci casca Gallery

social

Vip e fake news, quando la bufala corre sul web: e c'è ci casca Gallery

Tweet inopportuni, Disney licenzia il regista dei Guardiani della Galassia

choc

Tweet inopportuni, Disney licenzia il regista dei Guardiani della Galassia

Trintignant, "per me la carriera è finita"

cinema

Trintignant, "per me la carriera è finita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento

di Claudio Rinaldi

9commenti

Lealtrenotizie

Anna Maria Bianchi

lutto

Parma (e non solo) piange Anna Maria Bianchi: domani il rosario, lunedì i funerali - Video

dal ritiro

Parma, contro il Foggia (3-1) "buona forma fisica e applicazione degli schemi" Video

incidente

Schianto con la moto a Collecchio: grave un 21enne, in fuga l'amico 26enne Foto

soccorso alpino

85enne scivola su un sentiero a Lagdei e poi si sente male

Festa della lavanda alla Fattoria di Vigheffio Guarda chi c'era

Jihad

Terrorista iracheno arrestato a Parma torna libero e chiede lo status di rifugiato

1commento

GAZZAREPORTER

Piove, "acqua alta" in via D'Azeglio

1commento

gazzareporter

Caduto un pilastro in via Verona: "tragedia sfiorata" Foto

3commenti

guardia di finanza

Falsi crediti Iva per 14 milioni di euro. Denunciati 59 responsabili Video

E' caccia ai due imprenditori "menti" del sistema: sono irreperibili. Sequestrati quattro fabbricati nel Parmense

SENTENZA

Public money, ecco tutte le condanne

Cinema

Ciak, a Parma si gira: la mappa dei set

3commenti

weekend

Sgranfignone, anatra, disfide tra cuochi: il sabato è a tutto gusto L'agenda

Scuola

I bravissimi della maturità: diplomati con 100 e 100 e lode

1commento

sicurezza

I "furbetti del semaforo di Corcagnano... Video

2commenti

truffa

Mette in vendita online un orologio "fantasma": denunciato 23enne di Langhirano

12 tg parma

Dalla tangenziale Nord al Lungoparma: tutti i cantieri in corso e al via Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Governo, il nemico è nelle scelte quotidiane

di Luca Tentoni

DIGITALE

Ecco la Summer Promo: 2 mesi di Gazzetta a prezzo di 1

ITALIA/MONDO

ROMA

Scontrino omofobo: ristorante offende coppia gay. E dal web parte il boicottaggio

2commenti

PIEMONTE

Temporali sull'Astigiano e sul Torinese, ingenti i danni

SPORT

il commento

Vettel in pole: la netta superiorità della Ferrari

ciclismo

Tour: 14ª tappa, Fraile 1° sul traguardo di Mende

SOCIETA'

social

Il bimbo e il cane giocano divisi dalla staccionata Video

il disco

I Pooh alla ricerca del Graal

MOTORI

IL TEST

Il futuro secondo Bmw? Elettrificato:25 novità da qui al 2025

Motori

Jeep Wrangler, il mito Usa è sempre pronto a tutto