20°

31°

Truffe

Parmigiani in trappola

Parmigiani in trappola
Ricevi gratis le news
0

Raggiri in aumento. Lo dice Federconsumatori: «Le offerte commerciali sono sempre più rischiose». Tutti i consigli per non essere truffati.

AUTO USATE

Attenti al chilometraggio delle automobili usate, anche quando vengono acquistate in una concessionaria, perché può capitare di «inciampare» in qualche venditore scorretto. L’avvertimento arriva da Stefania Ugolotti, consulente Federconsumatori, reduce da un caso che poteva terminare con una denuncia per truffa.

Denuncia mai formalizzata vista la buona volontà dimostrata dal venditore, subito disposto a risolvere la situazione in modo bonario, attraverso la restituzione della somma versata dai compratori.

«Le persone che si sono rivolte all’associazione - spiega la Ugolotti - avevano acquistato un’auto usata da un concessionario. Il contachilometri segnava 50 mila chilometri, ma l’acquirente, mentre puliva il mezzo, scoprì un tagliando fatto alla stessa auto a 153 mila chilometri. In seguito ad un controllo con la casa produttrice è emersa l’esistenza di un altro controllo, eseguito due anni prima dell’acquisto, a 79 mila chilometri. A questo punto avevamo la possibilità di sporgere denuncia per truffa».

«Questo diritto - fa notare la Ugolotti - può essere esercitato dal truffato entro tre mesi dalla scoperta del presunto illecito». Come già anticipato, la denuncia non è stata sporta in quanto il venditore ha restituito l’importo (circa 10 mila euro) già versato dai clienti.

«Ricordo - lancia un ultimo avvertimento - che la garanzia sulle auto nuove è di minimo 24 mesi, mentre per i veicoli con più di dieci anni la garanzia di 12 mesi è stabilita per legge. A volte vengono proposte delle assicurazioni, al posto della garanzia, ma tali assicurazioni coprono solo certi tipi di danni, lasciando sguarnito l’acquirente su una gamma di altre problematiche».P.Dall.

CARTE DI CREDITO

E’ un mondo complesso quello dell’accesso al credito, popolato da sigle e meccanismi complicati che possono penalizzare il consumatore invece di aiutarlo, se lo stesso non presta particolare attenzione alle clausole contrattuali.

«Le carte di credito revolving possono avere un tasso soglia, per il trimestre in corso, del 24,44 per cento per classi di importo fino a 5mila euro», avverte Marcello Spaggiari di Federconsumatori, prima di tradurre il significato di questa percentuale per le tasche del possessore della revolving.

«Possono risultare spese particolarmente elevate, quindi è consigliabile un uso parsimonioso della carta», dichiara. Le revolving funzionano così: il titolare ha a disposizione una somma per le spese, che viene ricostituita attraverso il pagamento di rate. Un opuscolo prodotto da Adoc, Adusbef, Asso-Consum, Federconsumatori e Movimento consumatori spiega: «I tassi di interesse sui prestiti concessi con le carte di credito revolving sono generalmente più alti rispetto alle altre forme di credito ai consumatori».

Serve cautela anche quando si parla della cessione del quinto dello stipendio, che richiede la presentazione di polizza per il rischio di vita e per il rischio di impiego. «Il costo di tali polizze spesso è a carico del consumatore», si legge nell’opuscolo, «per questo motivo è necessario accertarsi che il costo effettivo del finanziamento (Taeg) che ingloba questi costi non sia troppo elevato».

Infine, il caso delle polizze vita: prima di sottoscriverle è consigliabile presentare dichiarazione medica circa il proprio stato di salute, perché alcune assicurazioni, in caso di prematura scomparsa del cliente, si sono rifiutate di pagare l’indennizzo.P.Dall.

OPERATORI TELEFONICI

La realtà dei fatti non conferma le promesse. Capita, con una certa frequenza, nel campo delle offerte telefoniche quando si tratta di siglare un nuovo contratto. E ciò succede tanto ai clienti business (tipo le aziende) quanto ai privati. «Bisogna fare moltissima attenzione, perché ciò che viene proposto dagli agenti raramente corrisponde al vero», avverte Daniela Raeli, consulente di Federconsumatori.

«Ho affrontato un caso in cui al cliente - racconta - veniva promessa una tariffa vantaggiosa su diverse linee telefoniche, più una postazione che funzionava come centralino. Purtroppo l’offerta non è stata applicabile ai numeri in essere, ed il cliente è stato costretto a cambiare tutta la numerazione, con evidenti costi per pubblicizzare i nuovi recapiti, pur di riuscire a far partire il servizio». Raeli mette in guardia su un altro problema: «Gli operatori attivano autonomamente servizi aggiuntivi a pagamento mai richiesti dall’utente». Come mettersi al riparo da questi grattacapi? «Non abbiate fretta - suggerisce - non firmate un contratto prima di aver letto le varie clausole. Prendetevi il tempo necessario».

Esiste poi un’ulteriore insidia. «A volte - spiega - un nuovo operatore chiede all’utente di entrare a far parte della propria clientela a pochi giorni dallo scadere del contratto col vecchio operatore. E’ capitato però che non venisse rispettata la scadenza contrattuale fissata dall’operatore uscente, tanto che il cliente è stato costretto a pagare 259 euro per recesso anticipato. In questo caso consigliamo di fare la migrazione dopo la scadenza del contratto, mai prima».P.Dall.

SOCIAL

Su Facebook gira un quiz che nasconde un abbonamento a servizi incomprensibili e non richiesti. «E’ un quiz simpatico, volto a testare le proprie conoscenze nel campo della moda», premette Silvia Dodi, legale che collabora con Federconsumatori, «peccato che dopo aver risposto a tutte le domande compaia una scritta relativa all’attivazione di un abbonamento per la fornitura di contenuti non ben specificati». «Per scoprire l’oggetto dell’abbonamento ho chiesto alla società di mandarmi le condizioni generali del contratto - prosegue - le quali non erano chiare, con pagine e pagine sulla normativa della privacy. Solo al termine del documento si parlava dell’attivazione di un costo mensile di 5 euro. In seguito ad una mail inviata alla società sono riuscita ad ottenere la restituzione dell’importo».

Anche se la somma è irrisoria, la Dodi difende un principio che tutela i consumatori: «Non puoi propinare un abbonamento solo perché qualcuno è finito incautamente in uno dei tuoi giochi. E’ giusto e corretto far pagare esclusivamente i contenuti effettivamente scaricati da internet». Passando dai «social» ai beni materiali, arriva l’ennesimo avvertimento. «State attenti - dichiara - a quei venditori che si presentano a domicilio e propongono l’acquisto di beni su misura, cioè con dimensioni diverse da quelle standard, in quanto è un modo per aggirare il diritto di recesso». Diritto che non vale quando il consumatore apre la confezione di un bene non più riutilizzabile per motivi igienici (tipo gli apparecchi acustici). «Se il dispositivo non funziona, bisogna ricordarsi di contestare il vizio di conformità». P.Dall.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giacomo e Serena: matrimonio in Comune con la "benedizione"... di Pupi Avati

PARMA

Giacomo e Serena: matrimonio in Comune con la "benedizione"... di Pupi Avati Foto

Dogana opening party al Best: ecco chi c'era Foto

FESTE PGN

Dogana opening party al Best: ecco chi c'era Foto

La prima prova della Maturità: foto dalle scuole di Parma

ESAME

La prima prova della Maturità: foto dalle scuole di Parma

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La canzone dell'estate 2018?

PGN

La canzone dell'estate 2018?

di Mara Varoli

Lealtrenotizie

Incidente mortale in A15

Foto d'archivio dal sito di Autocisa

AUTOSTRADE

Incidente mortale in Autocisa: operaio travolto e ucciso da un camion

1commento

PARMA CALCIO

Caso whatsapp: "pippein", "cazzein" ecco i tre messaggi di Calaiò a De Col

caso whatsapp

Ceravolo: "Accuse diffamanti: il Parma non perderà la A per un pippein"

La solidarietà del sindaco Pizzarotti: "Sto con il Parma senza se e senza ma"

1commento

SQUADRA MOBILE

Il market dei pusher in un appartamento di via Buffolara: due arresti, sequestrati 21mila euro Video

1commento

Schianto

La tragedia di Paolo Superchi e l'attesa struggente della sua Saky

PARMA DEFERITO

Vogliono toglierci un sogno

17commenti

Monticelli

Truffa dello specchietto: nomade denunciato

1commento

BARDI

Le Poste risarciranno gli eredi dei derubati

Lutto

Addio a Lino Morini, imprenditore nell'edilizia

PARMA

Incidente tra via Fleming e via Fermi, disagi al traffico

Auto in un fosso a Bezze di Torrile: un ferito

PARMA

Massacro di via San Leonardo: Solomon in tribunale, udienza rinviata a luglio

Disagi

Via Avogadro: dopo i ripetitori, ora anche il rumore

PARMA

Oggi l'assemblea degli industriali al «Paganini»

INTERVISTA

Le Moli e «Molto rumore per nulla»

IL CASO

Sala, piazza Gramsci non cambia nome

CARABINIERI

Traversetolo: «fumo» al parco, ragazzi nei guai

Droga, nuovo giro di vite

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Trump, i pianti dei bambini e il cinismo della politica

di Domenico Cacopardo

SONDAGGIO

Estate, tempo di musica e tormentoni: vota la tua hit Anni '80 preferita

ITALIA/MONDO

CAMPANIA

Lucravano sull'accoglienza dei migranti: 5 arresti a Benevento

3commenti

SALUTE

Il Consiglio superiore della Sanità chiede lo stop alla vendita della "cannabis light"

1commento

SPORT

serie B

Palermo, macchè gol e tifo: la promozione (finale) potrebbe arrivare dal tribunale

CALCIO

"Tentato illecito", deferiti Calaiò e il Parma. La società: "Accusa sconcertante"

36commenti

SOCIETA'

Social Network

Instagram raggiunge un miliardo di utenti e sfida YouTube

MODENA

L'Osteria Francescana di Massimo Bottura è ancora il ristorante migliore del mondo

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Ecco la nuova S60, la prima Volvo costruita negli Usa

RESTYLING

La Mercedes Classe C fa il pieno. Di novità