20°

33°

parma

Politica in lutto: morto Giampaolo Mora

Un'anima della Dc di Parma: fu a lungo parlamentare

Giampaolo Mora

Giampaolo Mora

Ricevi gratis le news
1

Un grave lutto per la politica e per la città. E' morto Giampaolo Mora.

Aveva 88 anni, ed è stato per decenni un protagonista della vita politica cittadina. Esponente di primo piano della Democrazia cristiana, con fare pacato ed agire deciso ha rappresentato la DC fino ai massimi livelli: è stato infatti deputato e senatore in diverse legislature, spesso in "tandem" con l'altro DC Borri (anche se i due rappresentavano correnti diverse, nel partito dello scudo crociato).

Fu anche, per diversi anni, presidente del Consorzio del Parmigiano Reggiano.

Ecco l'articolo di Luca Molinari:

Giampaolo Mora è il decano degli scout parmensi. L’ex senatore della Dc ha 87 anni e ha pronunciato la promessa scout il 16 agosto 1941, 74 anni fa. Si tratta di una delle due ultime «Aquile Randagie», il gruppo di scout nato a Milano - di cui faceva parte anche l’indimenticato sacerdote parmigiano don Ennio Bonati - che per quasi diciotto anni (dal ‘28 al ‘45, periodo della «Giungla Silente», da quando il regime fascista sciolse le associazioni scout dichiarandole fuorilegge) ha proseguito in clandestinità le attività, tra le campagne lombarde e la Val Codera. Ripercorrendo le esperienze vissute in quel periodo, Giampaolo Mora racconta diversi aneddoti unici, rimasti nel silenzio per lunghissimi anni. «Don Ennio - racconta - dopo l’8 settembre del '43 viene contattato dai partigiani e accetta di fare da tramite tra il comando regionale di Bologna e i capi locali. Ha il delicatissimo compito di trasmettere i verbali». La sua attività però fatica a rimanere nell’ombra e la polizia fascista inizia a sospettare del sacerdote, che per tutto il periodo del conflitto nasconde una famiglia ebrea nella sua abitazione. «Un giorno don Ennio mi chiede di portare uno dei messaggi ricevuti nel ciborio della chiesa di San Pietro - ricorda Mora - il nascondiglio segreto dove venivano portati i delicati verbali trasmessi da Bologna. Avrò avuto circa 13 anni e ricordo di aver portato il messaggio senza esitazioni. Don Ennio si serviva di me per non dare nell’occhio». Nonostante questi stratagemmi un giorno il sacerdote viene arrestato dai carabinieri. «Quando i carabinieri lo arrestano - sottolinea Mora - don Ennio ha nei pantaloni un delicatissimo messaggio dei partigiani». Pur di non consegnarlo il sacerdote lo ingoia e si salva soltanto grazie all’intervento del vescovo. «Non lo ha mai detto a nessuno - spiega Mora - è stato il vescovo Colli a comunicarmelo dopo la sua morte». Il primo campeggio del giovane scout parmigiano avviene nell’estate del 1941, in Val Codera. «Siamo andati con mezzi di fortuna - spiega l’ex senatore -. Quando abbiamo montato il campo, è arrivato un maresciallo dei carabinieri, avvertito da alcune persone per la presenza di giovani con dei cappelli canadesi che facevano attività sospette». Don Bonati viene interrogato, ma grazie all’intervento di uno dei padri dei ragazzi presenti al campeggio, l’esperienza estiva prosegue senza intoppi. Pochi anni dopo, sempre durante un campeggio, don Bonati accusa un dolore al ginocchio. Poco dopo a Milano gli viene diagnosticata la Sla (sclerosi laterale amiotrofica). «Ha vissuto la malattia con grande dignità - ricordo che gli ultimi tempi, per farlo respirare andavano in 3-4 persone nella sua camera e gli schiacciavamo il petto». Mora, profondamente legato all’Azione Cattolica, rimane innamorato da subito del mondo scout. «Sono rimasto affascinato da subito da questa realtà - dichiara - soprattutto perché lo scoutismo ti insegna a servire. Sono convinto che al fianco dei ragazzi debba esserci sempre un sacerdote perché non deve mancare la spiritualità, altrimenti è soltanto un esercizio pedagogico e fisico». «Ai giovani - conclude - voglio dire che nello scoutismo c’è tutto: il servizio, l’amore per la natura, il valore delle buone azioni. E’ un’esperienza che vale la pena di vivere».

L'onore di indossare il foulard verde al collo

Il viale principale della tenuta di San Rossore, nel luogo dove è stata svolta lo scorso anno la Route Nazionale della Branca Rovers - Scolte dell’Agesci, è stato dedicato alle Aquile Randagie. La cerimonia di intitolazione si è tenuta nelle scorse settimane alla presenza di Giampaolo Mora. Un tributo della città di Pisa «a chi si spese per riscattare il paese dall’infamia del regime fascista». Si tratta dell’ultimo evento, in ordine di tempo, a cui Mora ha partecipato da scout, con il suo inseparabile foulard verde. «E’ stata una cerimonia emozionante - dichiara - durante la quale è stato reso onore alle Aquile Randagie che hanno perso la vita nella loro battaglia per la libertà». Mora oltre ad essere un’Aquila Randagia è anche uno dei capi che ha ricostruito gli scout a Parma dopo il conflitto bellico. Nel maggio del 1945 ha fondato il Riparto Parma 3 «San Giorgio» insieme a Don Ennio Bonati (1915 - 1950) e Luigi Andreoli (Alce Rossa, 1906 – 1991) uno dei fondatori dell’Asci parmense nel 1924. Dopo aver partecipato ai Campi scuola associativi e aver conseguito la nomina a capo ha fondato il Clan nel gruppo Parma 5 e nel 1953 è stato nominato Incaricato regionale della stampa. Gli incarichi sono stati mantenuti fino al 1957, anno in cui ha riconsegnato la tessera dell’Asci all’allora commissario provinciale Rodolfo Vettori (1910 – 2009), per non coinvolgere l’Associazione in nessun modo nella sua scelta di intraprendere la carriera politica nella segreteria giovanile della Dc di Parma. Successivamente è stato nominato deputato e senatore della Repubblica Italiana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Patti

    18 Febbraio @ 18.50

    ...di certo preferisco i politici di un tempo a quelli attuali!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grave tamponamento in A4, coinvolto l'attore Marco Paolini

L’attore Marco Paolini

VERONA

Grave tamponamento in A4: ferite due donne, indagato l'attore Marco Paolini

Festa a Pontetaro: tutti sulla via Emilia

PGN

Festa a Pontetaro: tutti sulla via Emilia Foto

Il battesimo reale del principe Louis: le foto

LONDRA

Il battesimo reale del principe Louis: le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate"

FOTO

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate" Gallery

Lealtrenotizie

L'Onu dichiara guerra al Parmigiano: come il fumo. Coro di critiche

Il caso

Sale e grassi: l'Onu dichiara "guerra" al Parmigiano. Poi la marcia indietro: "Solo una dichiarazione politica"

21commenti

parma

Portata con l'inganno in Italia e costretta a prostituirsi: minorenne salvata dai vigili

CALCIO

L'amministratore delegato del Parma Luca Carra: "Siamo fiduciosi e lavoriamo per la serie A" Video

Ecco l'intervista del 12 Tg Parma

Processo sms

La Procura picchia duro

11commenti

VIABILITA'

Lavori in corso: code sulla via Emilia a Parola. Problemi anche in tangenziale a Parma

SPACCIO

Affari d'oro con i ragazzini: condannati i baby pusher di piazzale Borri

5commenti

PARMA

"Sì al divertimento sicuro": l'alcoltest davanti a locali e ingressi di feste Video

Ecco il calendario delle uscite dal 20 luglio in poi

BORGOTARO

Si sente male dopo la puntura di un calabrone: paura per una 55enne

Soragna

E' morto il professor Demaldè, una vita per i campi e per l'Università

Funerale

A Collecchio l'ultimo saluto a Filippo, morto a 32 anni nell'incidente di Stradella

gazzareporter

Parco di via XXIV Maggio, i vandali spezzano i nuovi alberi Foto

mobilità

Piste ciclabili, in Emilia il top della crescita. Con Parma a metà classifica

scuola

Via libera al trasferimento di 4 presidi

12 tg parma

Migranti: numeri in calo nel Parmense, chiuso l'hub di Baganzola Video

Varano

Addio a Villani, una vita per l'agricoltura

TRIBUNALE

La insegue e quando lei scende dall'auto la molesta: condannato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Va in scena «Il processo» di Kafka

di Francesco Monaco

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento di Claudio Rinaldi

di Claudio Rinaldi

2commenti

ITALIA/MONDO

PALERMO

Pitbull stacca a morsi il braccio a una ragazza nel Palermitano

4commenti

TORTONA

Precipita dal terzo piano: 11enne grave nell'Alessandrino

1commento

SPORT

ciclismo

Tour: Thomas vince l'11ª tappa ed è la nuova maglia gialla

CALCIO

Il mercato del Parma: è arrivato Luca Rigoni, centrocampista ex Genoa

1commento

SOCIETA'

curiosità

Spopola sul web il primo robot in cerca di un'anima

GAZZAFUN

Giochi sotto l'ombrellone: divertiti con i quiz sul dialetto

MOTORI

MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita

Motori

Allarme Assogomma: sempre più lisci gli pneumatici degli italiani