19°

33°

blocco studentesco

Lo striscione della vergogna

Striscione di Casa Pound contro la Resistenza davanti alle scuole. Maestri: “La Parma democratica deve mobilitarsi per isolarli”
Ricevi gratis le news
124

La denuncia dei parlamentari Pd - "La Resistenza è una cagata pazzesca". Gli studenti di diverse scuole di Parma se lo sono trovati scritto davanti agli occhi, sugli striscioni comparsi sulle cancellate di alcuni istituti superiori di Parma tra cui il Toschi, il Rondani, l’Itis e l’Ipsia. Parole rivendicate con un post su Facebook dal Blocco studentesco di Parma, il gruppo degli studenti che fa riferimento a  Casa Pound. E che stanno facendo salire l'indignazione di molti. 

“Un episodio inqualificabile e inquietante – commenta la deputata del Pd Patrizia Maestri – come temevamo l’apertura della nuova sede di Casa Pound in città ha portato al tentativo di far passare idee revisioniste e antistoriche contro cui tutta la Parma antifascista deve reagire al più presto”.

"E’ un gesto gravissimo, è un gesto fascista - scrive il senatore Pagliari del Pd -. Il tema della dodicesima disposizione transitoria della Costituzione si ripropone con forza nei confronti di CasaPound".

 “Iniziative di questa natura non possono lasciare indifferenti: a Parma non c’è spazio per il revisionismo antistorico. La Resistenza, la Liberazione e la guerra partigiana sono il fondamento della nostra democrazia, negarli significa negare l’essenza stessa della nostra convivenza civile ed è quindi inaccettabile”.
Con queste parole il deputato PD Giuseppe Romanini ha commentato l’iniziativa dei giovani di estrema destra di fronte a diversi istituti superiori cittadini.
“Non solo striscioni, purtroppo, ma anche diversi interventi sui social network hanno fatto da cassa di risonanza a questo episodio che non può essere derubricato. Sono certo che studenti ed insegnanti sapranno reagire a questa iniziativa con una controffensiva culturale e di approfondimento storico. Sarà questo il modo migliore per isolare e marginalizzare questi rigurgiti antistorici estranei alla nostra città”.

Insieme agli altri colleghi parlamentari, la Maestri sta preparando una interrogazione al ministero dell’Interno su quanto successo. “Archiviare questi episodi come marginali e dare loro poca importanza – sottolinea Maestri - è un grave errore, ci vuole la massima attenzione in particolare perché si stanno rivolgendo ai giovani che, in alcuni casi, non hanno le competenze per approfondire queste tematiche”. Per l’esponente Pd è fondamentale che ci si mobiliti per isolare queste soggetti. “A pochi giorni dalla fondamentale ricorrenza del 25 aprile – spiega - quelle di questi fascisti del terzo millennio, come si autodefiniscono, sono parole che devono farci riflettere. Con la loro retorica revisionista cercano di radicarsi in una città che è medaglia d’oro alla Resistenza. Per questo le associazioni, i sindacati, i partiti, le forze democratiche e tutti i parmigiani che hanno a cuore i valori conquistati con la Liberazione, devono rispondere con fermezza per combattere e isolare questi neofascisti per ribadire il loro no al fascismo, sia quello del passato che quello del presente”.

Il sindaco - In questi giorni a Parma sono comparsi striscioni volgari contro la Resistenza. Davanti alle scuole, luoghi per eccellenza della conoscenza e della cultura. È un fatto grave da condannare ma che ci deve fare riflettere profondamente. Casapound è un covo di estremisti, e gli estremismi proliferano in Europa laddove nascono e si consolidano paure, insicurezze, tensioni e divisioni. I fascisti di Casapound non sono la risposta al problema, ma sono un sintomo drammatico del problema. È per questo che vale ancora la pena di Resistere di fronte a queste vigliaccate: Parma è la Resistenza, e non vuole Casapound.
Per questo non possiamo arretrare di un solo centimetro, la Resistenza non è cosa dell’altro secolo. La Resistenza deve essere sempre viva in noi.
Contro gli estremismi, Parma si mobiliti con le buone idee e con la buona politica.

Ghiretti - Per chi come me ha avuto un padre deportato dai nazisti leggere lo striscione irripetibile affisso dagli attivisti di Casa Pound all'esterno di alcuni istituti superiori della nostra città comporta un dolore prima di ancora che politico, umano. Per quanto mi riguarda si tratta di una cosa che non può essere semplicemente derubricata come una goliardata ma segna piuttosto un punto di non ritorno che deve essere stigmatizzato da tutte le forse politiche che si riconoscono in quel percorso democratico che è fondante del nostro Paese e che giustamente vede nella Resistenza il suo punto di origine. Casa Pound con questa sua uscita si pone al di fuori del consesso democratico e come tale deve essere trattata da tutta quella politica che non si riconosce in un estremismo becero e obsoleto che certo non può trovare udienza in una città che, lo ricordo, è Medaglia d'oro per la resistenza. Qualsiasi tentativo di ridurre la portata e il significato politico di quanto scritto dai sostenitori di Casa Pound rischia di apparire come espressione di una debolezza che non può e non deve esistere ed è per questo motivo che è mia intenzione portare quanto prima l'argomento in Consiglio comunale con l'obiettivo di condividere tutte le azioni possibili e necessarie affinché si possa isolare e contrastare efficacemente realtà come questa.   (Roberto Ghiretti - Parma Unita)

Blocco studentesco - Riteniamo assolutamente infondate e del tutto fuori luogo le accuse fatte dalla deputata del Partito democratico Patrizia Maestri che ha definito l'episodio 'ignobile, inqualificabile e inquietante'. La deputata Maestri, infatti, parla di noi e dell'apertura della nostra nuova sezione in città facendo riferimento ad un revisionismo e ad un'antistoricitá che fino a prova contraria è identificabile con l'antifascismo tanto millantato dalla Maestri e dai suoi amici parlamentari.
Ci chiediamo come mai, infatti, nel mese di febbraio, mese in cui si ricordano i Martiri delle Foibe, la Maestri, il senatore Pagliari, e i loro colleghi, non si siano indignati allo stesso modo quando, i loro antifascisti militanti, hanno strappato gli striscioni con cui il Blocco Studentesco onorava i martiri italiani uccisi dai partigiani di Tito tra il 1943 e il 1947. Dobbiamo allora pensare che esistano "morti di serie A e morti di serie B"? Nessuna dichiarazione indignata, nessuna interrogazione al Ministero dell'Interno è stata fatta quando, nella stessa occasione, sempre gli stessi antifascisti militanti, protetti dai loro parlamentari "piddini", hanno pubblicamente consegnato davanti alle scuole di Parma volantini in cui si inneggiava alla "morte dei fascisti" e in cui si negava apertamente l'esistenza delle Foibe. Per non parlare del totale silenzio riguardo allo stupro ai danni di una simpatizzante antifascista nel centro sociale di Via Testi.
Ci sembra, quindi, un po' azzardato da parte di politici dichiaratamente antifascisti parlare del Blocco Studentesco e di Casapound, definendo i movimenti dalle idee "revisioniste e antistoriche", e aggiungiamo anche "violente e sessiste".
Vogliamo inoltre precisare, che questa azione è stata fatta dal Blocco Studentesco a seguito di lamentele da parte degli alunni delle scuole di Parma, che accusavano il fatto di dover sentire quotidianamente la solita pantomima da parte di professori e presidi dichiaratamente "parenti di partigiani" e "antifascisti" sulla Resistenza, e nessuna parola sulle Foibe o sui morti della Repubblica Sociale Italiana.
'I giovani, in alcuni casi, non hanno le competenze per approfondire queste tematiche', afferma la deputata Maestri. Ma non si è mai pensato che forse, se alcune tematiche sono poco affrontate nelle scuole, è proprio colpa di professori e presidi che cercano di celare la verità storica?
Ma d'altronde, gli antifascisti si sa, sono bugiardi per indole. Tanto da inculcare nella testa di alcuni studenti delle scuole di Parma, la convinzione fasulla che alcuni ragazzi del Blocco Studentesco dopo aver affisso lo striscione contro la Resistenza davanti ad una scuola abbiano malmenato un professore. Per fortuna, gli studenti, e i cittadini, ormai stanchi e stufi delle solite bugie e falsità degli antifascisti, sanno da che parte stare.
Chiediamo, in conclusione, un incontro con la deputata Maestri e il senatore Pagliari, per avere un confronto e per approfondire le tematiche citate sopra.
In ogni caso, se l'incontro sarà rifiutato, il Blocco Studentesco non deve spiegazioni.

.........................

 A Parma, con espressione un po' volgare ma efficace si ricorda la necessità di non aggravare i danni quando si pesta qualcosa di poco simpatico. Ecco: sarebbe bello se, invece di questa difesa abbastanza contorta (al di là di temi su cui si può davvero discutere e approfondire), quelli del Blocco studentesco, e Casapound che l'ha rilanciato sui facebook, avessero l'umiltà e l'onestà di ammettere che quello striscione è uno sbaglio e una vergogna. Poi portino pure avanti le loro idee e i loro temi: ma non in questo infelicissimo modo. Perchè non è vero che "il Blocco studentesco non deve spiegazioni": chi si arroga il diritto di esibire pubblicamente, e davanti agli occhi degli studenti di Parma, una frase simile la deve proprio spiegare. Ma forse, soprattutto, deve prima studiare. (Gabriele Balestrazzi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • conny

    11 Maggio @ 19.18

    La Maestri dice che tutta la Parma antifascista deve reagire al più presto, io vorrei sapere cosa intende, chiede forse ai centri sociali di intervenire con le devastazioni che a loro sono tanto congeniali? E tutto questo can can per uno striscione che non è stato capito o che, per meglio dire, fa più comodo non capire? C'è un'altra Storia da studiare, quella che molti ma non tutti vogliono tenere nascosta...è ora di parlarne.....

    Rispondi

    • 11 Maggio @ 20.02

      REDAZIONE - Il can can si sarebbe già fermato se questi ragazzi (e chi fa il tifo per loro come te) avessero avuto il buonsenso e l'onestà di ammettere di avere fatto, loro sì, una c...ta. Dopo di che, come ho scritto più volte, sia loro che voi avete tutto il diritto di continuare a professare le idee in cui credete, sempre entro i limiti della legge così come (sono d'accordissimo con te) questo deve valere per i centri sociali. (G.B.)

      Rispondi

  • Indiana

    11 Maggio @ 13.42

    Indiana

    Oggi il cantante Povia,che è tutto fuorché di destra,si è sfogato sulla radio di Linus perché è stato aggredito dai soliti pirla dei centri sociali. Lui,marzialista,é riuscito a difendersi anche se solo contro tanti (i soliti vigliacconi codardi). Motivo dell'aggressione? L'ultima canzone di Povia: Era meglio Berlusconi. É bastata una canzonetta simpatica contro il governo di Frottolo per essere subito aggredito,censurato,boicottato (le altre radio non la fanno mai sentire).Può sembrare fuori argomento,ma non lo é! Dov'è la tanto declamata libertà di dire,fare,pensare...? I comici in tv offendono,anche in maniera pesante,politici di destra e nessuno fiata. Ma se tocchi un trinariciuto subito partono all'attacco. Perché non scrivete un articolo su Povia e la sua canzone censurata?

    Rispondi

    • 11 Maggio @ 16.28

      REDAZIONE - Potrei risponderti che ci chiamiamo Gazzetta di Parma, quindi ci concentriamo soprattutto sulle cose di Parma. Ma ti aggiungo (e dovresti saperlo da solo, visto che non è il primo giorno che ci conosci) che questa aggressione a Povia ha per me lo stesso grado di condanna di qualunque violenza da qualunque parte venga. Premesso tutto questo, lo striscione di CP è un'idiozia.

      Rispondi

  • lupo

    11 Maggio @ 12.21

    egregio redattore, scriva chiaramente che vuole solo commenti di indignazione e condanna e non pubblichi quelli che scrivono diversamente, inutile continuare a fomentare nelle sue risposte la condanna e l'indignazione

    Rispondi

    • 11 Maggio @ 16.45

      REDAZIONE - Commenti ridicolo, in un sito nel quale pubblichiamo ogni giorno commenti di tutte le opinioni (compreso questo). Fatta questa premessa, cerco di essere ancora più chiaro: lei ha idee di sinistra? Nessun problema. Le ha di destra? Nessun problema? E' d'accordo con uno striscione che non si limita (attenzione!) ad esporre legittimi dubbi su alcuni aspetti legati alla Resistenza, ma la infanga nel suo complesso ("La Resistenza" è una cagata pazzesca). Se la grammatica e il buon senso hanno ancora un valore, e se le persone sanno ancora essere obiettive, comunque lei la pensi dovrebbe convenire con me che "Lo striscione" è una cagata pazzesca. Infine, sempre per mettere i puntini sulle i, un conto è sentenziare dietro un nickname, e un conto è firmare le proprie opinioni (condivisibili o meno) con nome e cognome. Io lo faccio: Gabriele Balestrazzi (lo stesso che altre volte è stato contestato perchè ha scritto che CP, finchè non infrange la legge, ha tutto il diritto di avere sedi e manifestazioni. Ecco perchè non ho bisogno di lezioni anonime sulla obiettività, mi creda).

      Rispondi

      • lupo

        12 Maggio @ 18.21

        caro il mio balestrazzi se vuole ci possiamo incontrare anche di persona . non mi sono mai nascosto in vita mia. accetti il mio invito e le do nome cognome e indirizzo. io non dico che hanno fatto bene, ma ognuno può pensarla come vuole. se scrivevano le guerre puniche sono una cagata pazzesca, si indignava ugualmente ? perdeva tutto questo tempo, beato lei che ce l'ha, a rispondere a tutti i commenti?

        Rispondi

        • 12 Maggio @ 19.29

          REDAZIONE - Non è me che deve incontrare: chi si nasconde lo fa di fronte ai lettori, anche se ripeto che ognuno è libero di farlo. La domanda sulle guerre puniche gliela ribalto: secondo lei sarebbero due striscioni con lo stesso significato? IL tempo per rispondere ai commenti (questo compreso) me lo tolgo dalla pelle del lavoro di tutti i giorni (quindi veda di evitare giudizi su situazioni che non conosce) e solo perchè credo al dialogo con i lettori: lo ritengo uno degli aspetti potenzialmente più interessanti del web. Potenzialmente, perchè dipende anche qui da come lo si usa. A volte, effettivamente, ho la sensazione di perdere tempo. Ma dopo 8 anni che mi impegno in questo dialogo non smetterò certo nelle ultime due settimane di lavoro.

          Rispondi

        • lupo

          12 Maggio @ 19.45

          i giudizi li da lei, nel primo ha detto ridicolo e poi mi ha giudicato uno che si nasconde. prima di ribaltare, perchè non stiamo giocando a specchio riflesso, risponda lei alla mia domanda

          Rispondi

        • 12 Maggio @ 19.47

          REDAZIONE - Solitamente non mi alzo a dire "ridicolo" al primo che passa. Può darsi che fosse una risposta?

          Rispondi

  • Giovanni

    11 Maggio @ 11.53

    Quello striscione denota e conferma solo una cosa... l'ignoranza storica e culturale di chi l'ha scritta. La scuola su questo ha delle responsabilità enormi e spero che qualche insegnate di quella scuola provi un pò di vergogna. A tutti quelli che stanno facendo comparazioni, tra resistenza e fascismo invito la lettura - una guerra civile - di Claudio Pavone.

    Rispondi

  • Viola

    11 Maggio @ 10.59

    Vergognoso lo striscione ma troppe cose andrebbero riviste, discusse e sottoposte sotto tutte le angolazioni e conseguentemente con obiettività insegnate,. Mio padre, così come migliaia di suoi coetanei ha servito la Patria sotto il regime fascista ,mandato a a combattere per circa 5 anni., cominciando dalla guerra d'Africa. Era fascista? Milioni di italiani sono morti in guerra. perché la Patria allora questo esigeva; perché di questi non si parla neanche quando si fanno le commemorazioni dei defunti di ogni guerra'? Quei poveri "disgraziati "andarono a combattere,lasciando famiglie nella più completa disperazione, perché erano tutti fascisti? Il revisionismo storico andrebbe fatto, eccome, ma senza demagogia ed ipocrisia.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Via Emilia Est: il lungo aperitivo. Ecco chi c'era: foto

Arte&Gusto

Via Emilia Est: il lungo aperitivo Ecco chi c'era: foto

Beyoncé vuole girare un video al Colosseo ma arriva lo stop: è già occupato da Alberto Angela

ROMA

Colosseo off limits per Beyoncé: è già occupato da Alberto Angela, ilarità sul web Foto

Realcake dinastico

LONDRA

Servita al battesimo di Louis la torta nuziale dei principi. Sette anni dopo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento

di Claudio Rinaldi

5commenti

Lealtrenotizie

Paura per un uomo armato di coltello

Viale Duca Alessandro

Paura per un uomo armato di coltello

2commenti

CARABINIERI

Ruba la borsa di un medico a San Secondo: arrestata 50enne Video

PARMA

Un'auto e un camion a fuoco: doppio intervento dei vigili del fuoco Foto

Denunciato

Il commesso ruba nel proprio negozio

2commenti

MUSICA

Il concerto di Mannarino a Fontanellato: ecco chi c'era Foto

12 tg parma

Nuovo anno scolastico, in provincia ci sono ancora 400 cattedre scoperte Video

POLEMICA

Onu contro il Parmigiano, Beltrami: «Grave errore demonizzarlo»

4commenti

POLEMICA

Pizzarotti: "Mangio il Parmigiano e saluto chi lo scredita"

Il sindaco di Parma pubblica un post su Facebook per inserirsi nella polemica sul caso "Onu - Parmigiano Reggiano"

Parma calcio

Carra: «Siamo ottimisti e il mercato procede ma che danno d'immagine per noi»

1commento

GAZZAREPORTER

Le foto del lettore Mattia: "Parco Ducale, quelle statue che attendono di essere ripulite"

PARMA

Tep, crescono viaggiatori e ricavi. Aumentano anche le multe

2commenti

Enpa

Gatti, è allarme randagismo

2commenti

ECONOMIA

Cft si rafforza: acquisita la maggioranza della bergamasca Comac

L'azienda è attiva nel settore delle macchine per il confezionamento della birra

corniglio

La provinciale 116 sarà interrotta per lavori a Ponte Romano

Berceto

Sciacalli a Valbona, rubate le pietre del «Castello»

PARMA

Francesco Barbieri (ex Gcr): "Sull'inceneritore solo delusioni" Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Maltrattare gli animali, tradire l'amicizia

di Filiberto Molossi

1commento

DIGITALE

Ecco la Summer Promo: 2 mesi di Gazzetta a prezzo di 1

ITALIA/MONDO

politica

Salvini querela Saviano: "I suoi post su Facebook ledono il ministero"

A14

Motociclista va contromano in autostrada: "Avevo dimenticato lo zainetto"

SPORT

ciclismo

Tour: bis della maglia gialla Thomas sull'Alpe d'Huez

formula 1

Hamilton rinnova con la Mercedes fino al 2020

SOCIETA'

VERONA

Sberla in faccia a uno studente, condannata prof di matematica

LIVORNO

I cipressi di Carducci a Bolgheri sono malati, 80 saranno abbattuti

MOTORI

Motori

Jeep Wrangler, il mito Usa è sempre pronto a tutto

MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita