20°

31°

PARMA

Riina: l'addio senza lacrime (e lite con i cronisti) della vedova e dei figli

Maria Concetta Riina se la prende con i giornalisti. L'avvocato: "Andatevene, è scandalismo". Conclusa l'autopsia sul corpo del boss (Ipotesi tecnica di "omicidio colposo" contro ignoti) : i risultati tra 60 giorni

Ricevi gratis le news
15

Si è svolta nell’istituto di Medicina legale di Parma l’autopsia di Totò Riina, morto a 87 anni dopo un ricovero iniziato a dicembre 2015 e da una decina di giorni in terapia intensiva. 
Difficilmente sarà in giornata il nulla osta della Procura di Parma per il trasferimento in Sicilia della salma di Totò Riina. «Farò la mia parte, invierò tutto al dottor Ausiello», ha detto il medico legale Rosa Gaudio, incaricata dal pm Umberto Ausiello, che darà il nulla osta, «quando lo riterrà opportuno, ma non credo in giornata». Un’ipotesi che circola è che il trasferimento avvenga lunedì.
All'esame erano presenti il medico legale Rosa Gaudio, nominato dalla Procura e entrata da un ingresso secondario, e un consulente tecnico incaricato dalla famiglia Riina. Anche la figlia Maria Concetta è all’interno dell’edificio, accompagnata dal proprio avvocato, Luca Cianferoni. Attorno alle 13,30 sono arrivati anche la moglie del boss, Ninetta Bagarella, e il figlio Salvo. 


L’esame medico legale rientra nell’ambito di un fascicolo per omicidio colposo contro ignoti: ipotesi tecnica che consente di svolgere l'accertamento, per fugare ogni dubbio sul decesso del boss di Cosa Nostra. Oltre a «cause e epoca» della morte, al medico è chiesto di evidenziare «ogni altro elemento che possa risultare utile al prosieguo delle indagini e in particolare la compatibilità tra i segni obiettivi riscontrabili e l’ipotesi eziologica del decesso in atti». I familiari di Riina sono stati avvisati, come previsto in questi casi e sono attesi a Parma in giornata. L’autopsia sarà eseguita nella Medicina legale dell’ospedale, presidiata dalla Polizia penitenziaria e questa mattina da una pattuglia della Guardia di Finanza. 

MARIA CONCETTA RIINA RESPINGE I CRONISTI: "NON HO NIENTE DA DIRE, VI DENUNCIO". «Ho dei figli minori, non ho niente da dire. Vi denuncio». Maria Concetta Riina, la maggiore dei quattro figli di Totò Riina, lo ha detto ai giornalisti arrivando insieme all’avvocato Luca Cianferoni alla sezione di Medicina Legale dell’ospedale Parma, dove sarà fatta l’autopsia del padre, boss di Cosa Nostra. 
«Non posso parlare, ho dei figli minori, tre bambini piccoli che vedono la foto della madre sui giornali. Forse voi non avete capito. Ho dei figli da tutelare, per cortesia smettetela» ha ripetuto, accerchiata da fotografi e cameramen, chiedendo «rispetto per il dolore di una famiglia» e non rispondendo alla richiesta di spiegare il messaggio postato ieri su Facebook, dove invitava al silenzio.
A quanto si apprende la figlia di Riina era stata poco prima in Procura a Parma, dove era stato conferito l’incarico per l'esame medico legale per cui la famiglia ha nominato un proprio consulente tecnico.
Maria Concetta quindi è entrata nell’istituto, "scortata" dal suo legale e accompagnata da personale delle forze dell’ordine.

ANCHE L'AVVOCATO CONTRO I CRONISTI: "E' SCANDALISMO, ANDATEVENE". «Là c'è un cadavere, ve ne dovete andare, questa non è stampa. Questo è scandalismo». Il difensore di Totò Riina e legale della famiglia del boss di Cosa Nostra, avvocato Luca Cianferoni, si è rivolto così ai giornalisti che hanno avvicinato lui e Maria Concetta Riina, all’ingresso della Medicina Legale dell’ospedale di Parma che custodisca la salma del capo mafia.
«Ma come si permette?», ha detto in risposta ad un cronista che ha ricordato come Riina non si sia mai pentito, fino all’ultimo.

I LEGALI DELLA FAMIGLIA RIINA: "AGGRESSIONE DEI MEDIA". Gli avvocati Tiziana Dell’Anna e Luca Cianferoni, «difensori dei signori Maria Concetta Riina e Giuseppe Salvatore Riina, condannano la aggressione nei modi condotta da giornalisti e fotografi davanti al portone dell’Istituto di Medicina Legale dell’Ospedale Maggiore di Parma nei confronti della signora Maria Concetta Riina, madre di tre figli minori in età scolare».
Lo scrivono in una nota all'Ansa i due legali, inviata pochi minuti dopo l’accesso all’istituto, aggiungendo che «si riservano di inoltrare immediato esposto agli Ordini professionali di appartenenza e ogni altra azione in ogni sede».

RIINA E' MORTO DA SOLO IN OSPEDALE. Riina in ospedale a Parma è morto da solo, poche ore dopo aver compiuto 87 anni. Viste le condizioni disperate del detenuto, i familiari avevano ottenuto il permesso straordinario di ritrovarsi al suo capezzale, concesso dal ministro della Giustizia Andrea Orlando. Quell'ultimo saluto autorizzato tuttavia non c'è stato. E' rimasta a Corleone la moglie, Ninetta Bagarella.
(...)
La figlia Maria Concetta ha lanciato un messaggio, ancora una volta scegliendo Facebook come formidabile grancassa: una rosa nera, un volto femminile che si porta sulle labbra l'indice su cui spicca la scritta: shhh. Silenzio: come probabilmente avrebbe voluto suo padre che in questi 24 anni chiuso in cella in regime di 41bis - arrestato nel 1993 a Palermo, 26 ergastoli addosso - non si è mai lasciato sfuggire una parola su complicità e connivenze. (...) 


Quel «shhh» della figlia maggiore del boss pare qualcosa di più di un invito al cordoglio composto. Sulla stessa linea, ieri, anche l'avvocato Luca Cianferoni, storico legale di Riina: «Ho ricevuto mandato dalla famiglia di tenere il massimo riserbo e silenzio sulla vicenda».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • VELENOSO

    19 Novembre @ 14.26

    La madre non vuole che i suoi figli vedano la foto di lei sui giornali per non turbarli poverini.Povera donna come ci tiene ai suoi figli.Scommetto che se ne fregava mentre altri bimbi venivano dal mostro marito sciolti nell'acido ma dimenticavo......non erano suoi figli.

    Rispondi

  • jeffroy

    19 Novembre @ 12.43

    l'unica cosa condivisibile è l'istinto di protezione nei confronti di figli piccoli della figlia di Riina; non ricada su di loro la vergogna che fu il nonno. si auspica che posano vivere diversamente e con valori diversi, sempre che la madre riesca a non tramandare loro quelli della mafia.

    Rispondi

    • antonio

      19 Novembre @ 17.15

      Ma l'hai vista in faccia? La pensi diversa dal padre?

      Rispondi

  • Bastet

    18 Novembre @ 23.01

    Ha anche il coraggio di dire “ vi denuncio” ? Ma che esseri!!!!

    Rispondi

  • simone

    18 Novembre @ 19.58

    Giuseppe Impastato ha rinnegato il padre mafioso e gli ha tolto il saluto. Lui è stato un grande. E le sue inchieste antimafia gli sono costate la vita. Questi vanno parlando di privacy hahahahaah che volete confondere lo stracotto con....

    Rispondi

  • frufru

    18 Novembre @ 18.42

    non capirò mai il bisogno di questa autopsia

    Rispondi

    • silviococconi

      18 Novembre @ 20.43

      Leggi, l'hanno chiesta i famigliari ed è un loro diritto ...

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Iran-Spagna: la carica dei tifosi sugli spalti

mondiali 2018

Iran-Spagna: la carica dei tifosi sugli spalti Foto

Dogana opening party al Best: ecco chi c'era Foto

FESTE PGN

Dogana opening party al Best: ecco chi c'era Foto

La prima prova della Maturità: foto dalle scuole di Parma

ESAME

La prima prova della Maturità: foto dalle scuole di Parma

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Musica Pop anni '80: vota la tua preferita

SONDAGGIO

Estate, tempo di musica e tormentoni: vota la tua hit Anni '80 preferita

Lealtrenotizie

Incidente mortale in A15

Foto d'archivio dal sito di Autocisa

AUTOSTRADE

Incidente mortale in Autocisa: operaio travolto e ucciso da un camion

SQUADRA MOBILE

Il market dei pusher in un appartamento di via Buffolara: due arresti, sequestrati 21mila euro Video

Schianto

La tragedia di Paolo Superchi e l'attesa struggente della sua Saky

PARMA DEFERITO

Vogliono toglierci un sogno

10commenti

Monticelli

Truffa dello specchietto: nomade denunciato

BARDI

Le Poste risarciranno gli eredi dei derubati

Lutto

Addio a Lino Morini, imprenditore nell'edilizia

PARMA

Incidente tra via Fleming e via Fermi, disagi al traffico

Auto in un fosso a Bezze di Torrile: un ferito

PARMA

Massacro di via San Leonardo: Solomon in tribunale, udienza rinviata a luglio

Disagi

Via Avogadro: dopo i ripetitori, ora anche il rumore

PARMA

Oggi l'assemblea degli industriali al «Paganini»

INTERVISTA

Le Moli e «Molto rumore per nulla»

IL CASO

Sala, piazza Gramsci non cambia nome

CARABINIERI

Traversetolo: «fumo» al parco, ragazzi nei guai

Droga, nuovo giro di vite

COLORNO

Ponte sul Po: preoccupazione per i tempi che si dilatano Video

COLORNO

Ponte chiuso: un camion forza il blocco

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dazi, i pericoli di una guerra commerciale globale

di Paolo Ferrandi

1commento

PGN

La canzone dell'estate 2018?

di Mara Varoli

ITALIA/MONDO

CAMPANIA

Lucravano sull'accoglienza dei migranti: 5 arresti a Benevento

1commento

SALUTE

Il Consiglio superiore della Sanità chiede lo stop alla vendita della "cannabis light"

SPORT

CALCIO

"Tentato illecito", deferiti Calaiò e il Parma. La società: "Accusa sconcertante"

33commenti

Modena

Nuotatore di Montecchio morto a 24 anni: la Procura ordina nuovi accertamenti

SOCIETA'

Social Network

Instagram raggiunge un miliardo di utenti e sfida YouTube

MODENA

L'Osteria Francescana di Massimo Bottura è ancora il ristorante migliore del mondo

MOTORI

ANTEPRIMA

Ecco la nuova S60, la prima Volvo costruita negli Usa

RESTYLING

La Mercedes Classe C fa il pieno. Di novità