15°

21°

il caso

Molestie sul bus, il Centro Antiviolenza: "Non giudicate quella ragazza"

Ricevi gratis le news
2

Ha fatto il giro del web la testimonianza di una studentessa universitaria parmigiana che ha raccontato un episodio accaduto sulla linea numero 7: un approccio di un ragazzo a una ragazza che passa dalle chiacchiere alle molestie, alla paura. La testimone è intervenuta quando ha pensato che le cose potessero prendere una brutta piega ma, oltre alle colpe evidenti del ragazzo, ha posto una riflessione: "Ciò che mi preoccupa veramente è che una ragazza di vent’anni non abbia saputo riconoscere il limite PRIMA di averlo sorpassato. Perché ha dato tutte quelle informazioni a un ragazzo che la trovava bella? Perché, fino al punto limite che l’ha avviata alla paura, c’era in lei un certo sorriso “appagato”, quasi lusingato dalle attenzioni ricevute, proprio quel sorrisetto ingenuo e innocente, che ho osservato sin dall’inizio e che mi aveva fatto pensare che fossero amici? A mio parere, se non insegniamo alle nostre giovani ragazze, alle future donne, ad amarsi da sole, a non rincorre banali lusinghe che mascherano beceri istinti puramente sessuali, a non essere così ”credulone”, ad autoapprezzarsi…beh, non credo si possa fare un vero cambiamento".

Proprio su questo tema interviene il Centro Antiviolenza di Parma, continuando una collaborazione avviata da tempo con la Gazzetta di Parma.

"Da qualche giorno circola in rete la testimonianza di una ragazza di Parma che racconta come, nell’indifferenza della maggior parte delle persone, sulla linea degli autobus 7 – quella che collega la stazione con il campus universitario – una studentessa sia stata vittima di violenza da parte di uno sconosciuto.
Non mettendo in dubbio la buona fede della ragazza che scrive e anzi plaudendo all’attenzione mostrata nei confronti di un’altra donna, essendo stata lei l’unica ad intervenire per aiutare una persona evidentemente in difficoltà, vorremmo però cercare di superare i soliti pregiudizi che accompagnano queste vicende. Proprio per questo motivo ci pare doveroso dire che noi siamo dalla parte della ragazza. Non di quella che racconta quanto successo, ma quella che ha vissuto l’episodio in prima persona, di quella che solitamente viene definita la “vittima” della violenza e che in questo caso, proprio a causa del racconto diffuso sulla rete, è stata vittimizzata un’altra volta dalle parole della impavida “testimone”. Vorremmo dire a quella ragazza che ha subito la violenza che noi siamo dalla sua parte. Sempre. Che per noi dovrebbe essere libera di sedersi ovunque voglia, che siano i sedili di ultima fila di un autobus o le panchine della stazione in piena notte perché non esistono posti sicuri e posti “infelici” (come si spiegherebbe allora che la maggior parte delle violenze vengono commesse in ambiente domestico, in quella casa che da sempre è l’emblema della sicurezza?). Vorremmo dirle che deve essere sempre libera di accettare un complimento, di apprezzarlo e anche di sorriderne senza che per questo debba essere “chiamata” ingenua e/o superficiale e senza che per questo venga messa in dubbio la sua autostima. Vorremmo dirle che non è colpa sua. Mai. Ci piacerebbe farle sapere che tutte queste cose non la rendono responsabile di ciò che è successo su quell’autobus. Perché c’è un solo responsabile ed è il ragazzo.
E poi vorremmo dire alla “testimone” per niente silenziosa e a tutte/i quelle/i che hanno condiviso le sue parole che “il vero cambiamento” ci sarà quando gli uomini impareranno a rispettare una donna e le sue decisioni, quando gli uomini si innamoreranno della sua libertà e quando nessuna donna verrà giudicata o colpevolizzata per un atteggiamento che noi riteniamo sbagliato. Perché tra dire «ah ma la ragazza era vestita provocante….così bella poi!» e «insegniamo alle nostre giovani ragazze, alle future donne, ad amarsi da sole, a non rincorre banali lusinghe che mascherano beceri istinti puramente sessuali, a non essere così ”credulone”, ad autoapprezzarsi» non c’è davvero nessuna differenza."

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • bichouk

    17 Dicembre @ 13.45

    Concordo in pieno!quando si è molto giovani e magari timide, non sempre si hanno strategie di allontanamento immediate ed efficaci. Essere belle ed elegantemente vestite poi, mi dispiace per la ragazza che ha scritto la lettera, è una "scusa" vecchia come il mondo è oltretutto piuttosto banale.

    Rispondi

  • Bastet

    17 Dicembre @ 13.08

    Posto che una ha il diritto di vestirsi come accidenti vuole....a volte si risponde garbatamente per paura !...in ogni caso la ragazza è stata ingenua...ma dare colpe a lei è assurdo!!!!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tre figli e... un matrimonio: Hugh Grant  convola a nozze con Anna Eberstein

cinema

Tre figli e... un matrimonio: Hugh Grant convola a nozze con Anna Eberstein

L’ex gieffina Veronica Graf rilancia: presto in Italia per presentare la sua prima collezione di costumi

TELEVISIONE

Da Grande Fratello e Sex Time alla moda: Veronica Graf lancia una linea di costumi

Proposta di matrimonio sugli spalti di San Siro

Immagine da Sky Sport

MILANO

La proposta di matrimonio arriva con uno striscione... a San Siro

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Leoni, zebre, rapaci: il fascino della natura africana vista da un giovane di Soragna

FOTOGRAFIA

Leoni, zebre, rapaci: il fascino della natura africana vista da un giovane di Soragna Foto

Lealtrenotizie

Esplosione alla polveriera di Noceto, una tragedia annunciata

noceto

I sindacati: "Tragedia annunciata: sospendere subito le lavorazioni alla polveriera"

L'operaio di 37 anni è stazionario

Parco Ducale

Chi ha ucciso Milly, la «mamma oca» del laghetto? E' morta per difendere le sue uova

6commenti

taneto

“Vampirizzano" il serbatoio del tir: denunciati tre dipendenti infedeli di un'azienda parmense

Lutto

Addio a Tony Wolf, il «papà» del pinguino Pingu. Era nato a Busseto

1commento

Borgotaro

La bomba nel Taro, riunione in prefettura

calcio

Parma, porta blindata

meteo

Sapore d'estate, nel weekend sole e punte di 30 gradi

Piogge e temporali fino a mercoledì, poi "rimonta" alta pressione

traffico

Tangenziale Nord, la pioggia allunga le code per lavori. Code "per fiera" in A1

1commento

FIDENZA

Rubano capi firmati all'outlet, catturato un ladro

1commento

IL CASO

Nessuno soccorre i caprioli investiti

5commenti

IL CASO

San Secondo: no ai cani nei parchi, protestano i padroni

PARMA

Alimenti preparati fra sporcizia e scarafaggi: chiusi due locali in strada dei Mercati e in via D'Azeglio Foto

11commenti

Fidenza

Camion perde una lastra di cemento a San Michele Campagna Video

Paura per una donna incinta, al volante dell'auto dietro al camion: è stata portata al pronto soccorso

PARMA

Da Forza Nuova un'intimidazione alla stampa

Il movimento minaccia presidi davanti le sedi delle testate parmigiane se non invieranno giornalisti alla loro manifestazione. La solidarietà di Fnsi, Aser e del sindaco Pizzarotti. La condanna del Cdr

GAZZAREPORTER

Vicomero e le auto che sfrecciano in paese: "Pericoli elevatissimi" Foto

PARMA

Grosso ramo cade in via XXII Luglio: strada chiusa, disagi anche sullo Stradone Foto

Problemi al traffico nel tardo pomeriggio anche in Strada Elevata a causa di un incidente

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quelli delle Br non furono “errori”: furono crimini

di Michele Brambilla

4commenti

L'ESPERTO

Lavorare per una società straniera: ecco come muoversi

di Daniele Rubini e Davide Manzelli

ITALIA/MONDO

BOLOGNA

Si lancia da un cavalcavia nel Bolognese, travolto da Tir

1commento

REGGIO EMILIA

Traffico illecito di rifiuti metallici, 4 indagati e perquisizioni

SPORT

parma calcio

Lucarelli: "E ora possiamo dire a chi ci ha fatto male: 'Siamo tornati' " Video

2commenti

Motocross

Fontanesi seconda dietro all'imprendibile Duncan

SOCIETA'

turismo

Emilia-Romagna in cima nel Best in Europe

Band

I Nomadi venerdì a Salso, intervista a Carletti

MOTORI

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv

IL TEST

Mercedes Classe A, l'auto che parla? C'è molto di più