EDITORIALE

Lettera da San Leonardo: un quartiere difficile

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
3

Caro direttore,
sono una delle titolari di un'attività commerciale nel quartiere San Leonardo, che non è solo degrado, violenza e illegalità ma è fatta di persone e negozi, come il mio che, se già nella realtà di una crisi economica attuale cerca di restare a galla, oltretutto non è facilitato dal contesto. È giusto dare risalto e notizia di quello che accade nel nostro quartiere, non dobbiamo finire nell'oblio ma le foto usate per gli articoli, dove compare anche la mia insegna, (e la potenza delle immagini, come delle parole, non è da sottovalutare) sono uno smacco al cuore ma anche al portafogli. Col mio negozio ci devo vivere e mantenere una famiglia, occorre cercare soluzioni ma nel frattempo cerchiamo di non danneggiare con "pubblicità negativa" anche quei pochi che cercano di resistere.
Rossana Conti - Parrucchiera Rossana, via Trento 24/d, Parma

Gentile Rossana,
mi spiace se il suo negozio ha ricevuto una pubblicità negativa dal nostro servizio dell'11 novembre; e, per quello che valgono, le porgo le mie scuse. Credo però, me lo lasci dire, che nessun lettore al mondo potrebbe pensar male del suo negozio solo per averlo visto sullo sfondo, in una fotografia, in un servizio sul quartiere San Leonardo. È evidente che i problemi di quell'area non sono colpa delle persone oneste che vi abitano e vi lavorano; persone che, anzi, sono le prime a essere danneggiate dagli spacciatori e dagli altri loschi figuri che stanno occupando le vostre notti, e forse non solo le notti.
San Leonardo non è solo degrado e violenza, lei dice. Non c'è dubbio. È fatto appunto da persone che vi abitano e da negozianti che vi lavorano. Certo. Ma è proprio per aiutare queste persone e queste negozi a non sentirsi soli che noi della Gazzetta richiamiamo l'attenzione su una microcriminalità (termine che non mi piace: la criminalità non è mai micro) che rende San Leonardo un quartiere difficile. Lo facciamo, credo, con equilibrio, senza drammatizzare: abbiamo scritto più volte che Parma non è Scampia e San Leonardo non è il Bronx. Però i parmigiani ricordano quando la città era tutta più tranquilla e più vivibile, e non bisogna rassegnarsi al peggioramento.
Cara signora: sa perché pubblico la sua lettera in prima pagina, come editoriale? Perché mi offre uno spunto che mi intriga. E cioè, quello di ricordare a tutti che la polvere va rimossa, non nascosta sotto il tappeto. Ci sono troppe persone che vorrebbero che di certe cose non si parlasse. Non mi riferisco a lei (la sua lettera è anzi comprensibile e molto garbata) ma, mi creda, la tentazione di minimizzare i problemi, quando non di tacerli, è sempre molto forte da parte di chi avrebbe la responsabilità e il dovere di affrontarli.
Quando c'era Lui, cioè Mussolini, il problema della delinquenza fu affrontato, tra l'altro, anche abolendo la cronaca nera. Delitti, rapine, furti (lo spaccio di droga ancora non c'era, almeno nelle strade) non finivano sui giornali e gli italiani si convinsero che il fascismo aveva garantito l'ordine e la legalità. Ma non era vero.
Oggi Lui non c'è più, e non c'è più neppure il monopolio dei giornali nell'informazione, per cui replicare una censura del genere sarebbe impossibile. E ovviamente sarebbe anche, oggi come allora, sbagliato. Per questo i giornali almeno quel ruolo - di denuncia e di richiamo - lo conservano, e lo debbono esercitare.
michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    13 Novembre @ 16.42

    Comunque,io ringrazio Iddio e tutti i santi del calendario di essere riuscito, nel 2008, a vendere un appartamento in zona. E la polvere nascosta sotto il tappeto, fatta di spacciatori nigeriani e posteggiatori abusivi senegalesi, viene rimossa dalle massime autorità parmigiane, solo per il timor di apparire razzisti e xenofobi agli occhi delle solite minoranze ideologiche sinistroidi pseudo-marxiste,che non fanno che sputazzare slogans triti e ritriti dal famigerato '68, tutti radical-chic di nicchia della borghesia più pura ed annoiata.

    Rispondi

    • Vercingetorige

      13 Novembre @ 17.52

      "Solite minoranze ideologiche sinistroidi pseudo-marxiste" , la cui "longa manus" è il Ministro degli Interni destroide Alfano.

      Rispondi

  • Michele

    13 Novembre @ 16.01

    mandra_sala@libero.it

    Questa giunta ha affossato mezza città. Emergenza criminalità altissima ed ormai insostenibile. Situazione FUORI CONTROLLO. La Incapacità a 360 gradi è evidente e dimostrata dai fatti. Ora parlo io ... diceva Casa l'assessore alla sicurezza qualche giorno fa. Ma Casa non ha detto nulla e non farà nulla. #effetto Parma.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen presenta il suo "playboy", Mirco Levati

gossip

Belen presenta il suo "playboy", Mirco Levati

3commenti

E' morto il grande regista Eimuntas Nekrosius

TEATRO

E' morto il grande regista Eimuntas Nekrosius

Mike Piazza e consorte a Parma

paparazzato

Mike Piazza e consorte a Parma

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Sara' 'Black Friday' anche alla Fondazione Toscanini

La Fondazione Arturo Toscanini

PARMA

Anche la Fondazione Toscanini fa il Black Friday

Lealtrenotizie

Tenta la rapina (con un chiodo) al supermercato: la reazione della cassiera lo fa fuggire

via dei mercati

Tenta la rapina (con un chiodo) al supermercato: la reazione della cassiera lo fa fuggire Video

Una ragazzina di 11 anni

Si sporge dalla finestra e resta sospesa nel vuoto

meteo

La neve mantiene la parola: Appenino imbiancato. A Schia 13 centimetri Foto Video

Le foto dei lettori

CONQUIBUS

Mutti scrive ai colleghi: «Mi dimetto»

DUPLICE OMICIDIO

I periti: «Solomon? Totalmente incapace». E ora si va verso l'assoluzione

guardia di finanza

Lavoro "sommerso": 33 addetti irregolari in due prosciuttifici

In un anno scovati 14 lavoratori in nero e 51 irregolari

1commento

12 tg parma

Lucchi annuncia: "Mi candido per la terza volta a sindaco di Berceto" Video

gazzareporter

Via Lanfranco, se il parcheggio è con... piscina

SALSOMAGGIORE

Ritrovata in un campo una cassaforte chiusa: di chi è?

AUTOBUS IN PANNE

Linea 23, due guasti in pochi giorni. La rabbia di un genitore

VIA DE MARTINO

I residenti: «Strada abbandonata, terra di nessuno»

1commento

Calcio Eccellenza

La Piccardo delle meraviglie

LANGHIRANO

L'ambasciatore del prosciutto di Parma? E' a Belfast

consiglio comunale

Una scuola e documenti dell'Archivio di Stato nell'area militare di via Zarotto

"Bollino antifascista" per gli spazi pubblici, la Lega vota contro, Pizzarotti: " Dove eravate il 25 aprile? "

calcio

Lizhang, ecco le 5 inadempienze - Video. Nuovo Inizio: "Ha messo a rischio il Parma"

gazzareporter

Via Calatafimi e quelle campane che restano stracolme di rifiuti

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lizhang e i tanti impegni disattesi

di Claudio Rinaldi

VELLUTO ROSSO

La comicità al femminile di Debora Villa al Paganini

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

ONG

"Traffico illecito di rifiuti infettivi": sequestrata la nave Aquarius, indagata Msf

MILANO

Quindicenne sequestrato e torturato da coetanei

SPORT

Formula 3

Sophia Floersch, dopo 11 ore di intervento muove gli arti

Calciomercato

Emergenza terzini. Il Parma bussa alla porta della Fiorentina?

SOCIETA'

HI-TECH

È la settimana del Black Friday: occhio alle offerte. I consigli per spendere meno

cultura

Un milione di buone ragioni per andare a teatro

MOTORI

IL TEST

Bmw X5, atto quarto: lusso senza compromessi

RESTYLING

Mercedes Classe C, l'ammiraglia compatta