13°

28°

EDITORIALE

Quel che manca per fare un governo

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
3

Quel che manca per fare un governo non è una maggioranza solida sia alla Camera che al Senato, non è l'intesa sul nome del nuovo premier o su un Renzi-bis, non è un programma condiviso su come affrontare la crisi economica e non è neanche un accordo su una nuova legge elettorale per andare al voto rapidamente. Quel che manca è, molto semplicemente, la voglia di trovare un accordo. In una parola, manca il senso di responsabilità nei confronti del Paese. Ciascuno pensa al proprio interesse di bottega, e basta.
Discorsi demagogici? Può darsi. Però osserviamo quello che sta accadendo dopo il referendum. Renzi si è dimesso, ma non è detto che non resti in carica ancora per un po', magari fino alle prossime elezioni. Aveva detto che si sarebbe ritirato a vita privata, e sul cambio di programma non ci sentiamo di biasimarlo, perché per quanto abbia perso il referendum, il risultato dimostra che un seguito ce l'ha, e forte. Resta segretario del Pd, ma nel Pd come sempre succede i fedelissimi sono diventati un po' meno fedeli dopo la sconfitta: si è aperta la fronda e sono cominciate le manovre di palazzo per cambiare leader, oltre che a palazzo Chigi, anche in largo del Nazareno.
Nel centrodestra non c'è neppure bisogno di cambiare il leader, per il semplice motivo che il leader non c'è. O meglio ce ne sarebbe uno, l'immortale Berlusconi. Il quale però ha ottant'anni e qualche problema di salute: in certi momenti perfino lui ha pensato che si dovesse nominare un successore e ne ha ipotizzati alcuni, però poi li ha soffocati tutti in culla: Alfano, Toti, infine Parisi. E poi, nel centrodestra non c'è solo Forza Italia: c'è anche la Lega, che ha un altro leader, Salvini, il quale vuole le elezioni subito. Berlusconi invece non le vuole. Prima del referendum aveva detto che, in caso di vittoria del no, si sarebbe seduto a un tavolo con Renzi per cambiare la legge elettorale e andare al voto con calma. Oggi invece dice che di larghe intese non ne vuole neppure sentir parlare.
Poi ci sono i grillini. Per mesi hanno gridato al golpe sostenendo che la legge elettorale voluta da Renzi, l'Italicum, è una porcheria che favorisce svolte autoritarie. Oggi spingono per andare a votare subito con l'Italicum: non perché non pensino più che è una porcata, ma perché hanno capito che è una porcata che in questo momento li farebbe vincere.
Ma vincere con chi? Ci vorrebbe un candidato premier. E fra i grillini c'è chi vorrebbe Di Maio, chi vorrebbe Di Battista e perfino chi non è d'accordo sul voto con l'Italicum.
Ecco perché diciamo che ciascuno sta pensando ai propri interessi, e non a quelli del Paese. Ed è deprimente che questo si ripeta oggi, cioè subito dopo una discussione sulla Costituzione. Si sono riempiti in tanti la bocca, in questi mesi, con «lo spirito dei Padri Costituenti». Ma avrebbero dovuto prima sciacquarsela, la bocca. Perché la Costituzione la fecero italiani dalle diverse, perfino opposte visioni del mondo, cattolici e laici, comunisti e liberali: ma italiani, e come tali impegnati a unirsi per il bene del Paese. Italiani che avevano una visione sul futuro, mentre quelli di oggi ce l'hanno al massimo sulla percentuale da prendere alle prossime elezioni.

michele.brambilla@gazzettadiparma.it 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ab9pr

    11 Dicembre @ 18.56

    alberto_bianco@alice.it

    Il Direttore ha capito benissimo quello che si percepisce in tv e sulla carta stampata, ovvero che in Italia, i politici, si riempiono la bocca di tante belle parole e di affascinanti promesse non per il bene del Paese ma esclusivamente per raccogliere voti e "vincere" le elezioni o il referendum di turno. Bisognerebbe spiegare a questa gente che vincere le elezioni e governare è solo il punto di partenza non quello di arrivo e che bisogna festeggiare solo dopo aver lavorato onestamente ed aver risolto i veri problemi del Paese. Questo, Vercingetorige, è molto più di una ragione per votare si o no al referendum ... manca la base a questa classe politica, cioè l'interesse vero per tentare di risolvere i problemi. Valori che invece nella classe politica di chi ha scritto la Costituzione erano belli presenti, altro che essere sempre in tv o sui social network ... i problemi sono una cosa seria non un giochino da risolvere con tweet o post su facebook. Concludo poi chiedendoLe ... perchè parlare al plurale? ("lei ha capito la ragione per cui ABBIAMO votato NO"), si prende una bella responsabilità, prendere parola per tutti quelli che hanno votato no...

    Rispondi

  • Ivo

    11 Dicembre @ 18.35

    Magari se riascoltasse Di Maio oggi a mezz'ora dall Annunziata , dovrebbe correggere quello che ha scritto sui 5 stelle.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    11 Dicembre @ 16.46

    Egregio Direttore , lei ha capito la ragione di fondo per cui abbiamo votato "NO" . Non sono costoro a poter mettere le mani nella Costituzione. Devono solo , rigorosamente, rispettarla , e noi fargliela rispettare.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

S-Chiusi in galleria

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

Bruce Springsteen ha compiuto 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen ha compiuto 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, nel mirino sponsorizzazioni a squadra di basket parmigiana

16 indagati e sequestro per 25 milioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

MONTAGNA

Corniglio, 14enne infortunata durante una gita con classe: interviene il Soccorso alpino

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

arte

Restaurata la Cassetta Farnese di Capodimonte: presto sarà (temporaneamente) a Parma

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

decreto sicurezza

Salvini: "Via tutti i campi rom entro fine legislatura"

SPORT

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

CASTELFRANCO EMILIA

Sparano a uno straniero ed esultano: indagini in corso

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

2commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno