-0°

11°

EDITORIALE

La guerra fredda corre su Internet

La guerra fredda corre su Internet
Ricevi gratis le news
2

I nomi sono decisamente fantasiosi: «Fancy Bear», «Cozy Bear», «Guccifer»; si muovono nel mondo virtuale di internet e hanno l'aura libertaria e un po' anarchica dell'hacker, il pirata informatico che tutti si immaginano come un giovane nerd, occhiali dalla montatura spessa, cervello fino e grande cuore, in lotta contro la corruzione della politica e delle grandi corporation. Ma questa volta la realtà è un po' diversa. Dietro Apt 28 e Apt 29 - questi i nomi decisamente più burocratici usati da Fbi e dal Dipartimento per l'Homeland Security nel documento che sta alla base delle drastiche decisioni dell'amministrazione Obama - ci sono i servizi segreti russi: sia l'Fsb, quello civile, che il Gru, quello militare. Il documento è un «joint analysis report», quindi autorevole perché frutto del lavoro di più agenzie statunitensi. Secondo l'intelligence Usa ci sono pochi dubbi, infatti, che le incursioni informatiche che hanno portato alla diffusione di una mole impressionante di documenti imbarazzanti capaci di penalizzare la campagna elettorale di Hillary Clinton, sono stati decise e programmate a Mosca. Forse, ma questo nei documenti non è scritto, dallo stesso Vladimir Putin. Il motivo di questa azione ostile è abbastanza semplice da intuire: non tanto favorire Donald Trump rispetto alla Clinton - c'è anche questo, naturalmente, ma la candidata democratica probabilmente le elezioni le avrebbe perse lo stesso - quanto diminuire la già scarsa fiducia dei cittadini americani rispetto al processo democratico. Quando si comincia a pensare che l'intero processo elettorale è truccato, allora diventa più semplice per i dittatori giustificare il loro disprezzo per le regole della democrazia. In questo caso il disvelamento del tentativo russo in qualche modo è il suggello del successo dell'operazione, non del suo fallimento. Una volta raggiunta quindi la convinzione - naturalmente indiziaria, visto che le prove sono precise, ma non ultimative - dell'intervento russo le sanzioni non potevano essere evitate. Di solito in Italia si tende a iper-politicizzare le motivazioni delle decisioni prese alla Casa Bianca, ma, al di là delle divergenze tra Obama e Trump rispetto a Putin che ci sono e non vanno minimizzate, con le carte che sono state diffuse - e altre seguiranno - sarà difficile che il nuovo presidente Usa si prenda la responsabilità di revocare l'ostracismo delle 35 spie russe. Ieri, per esempio, un editoriale del Wall Street Journal, la roccaforte del pensiero conservatore statunitense, attaccava Obama per aver agito con poco nerbo e dopo aver fatto troppa «melina». Paul Ryan, lo speaker repubblicano della Camera, cioè la personalità più alta del partito di Trump, ha poi notato come questa storia delle sanzioni all'undicesima ora sono il giusto epilogo della fallimentare politica dell'amministrazione Obama nei riguardi della Russia. Il fallimento di un approccio troppo «soft». Il fatto è che la guerra elettronica non è una fantasia. E non solo per fare disinformazione, o se volete l'originale russo «disinformatia». Per esempio ormai è assodato che l'opera di sabotaggio informatico messa in atto da Israele e Usa ha di fatto bloccato lo sviluppo del progetto nucleare iraniano portando poi Teheran al tavolo dei negoziati. Solo in Italia nessuno si occupa di questo tipo di cose. E l'unica volta che il governo è sembrato fare sul serio, con la nomina di uno «zar» alla sicurezza informatica, la polemica è scoppiata non sul colpevole ritardo che abbiamo su queste tematiche, ma sul fatto che il probabile designato, Marco Carrai, era troppo amico di Matteo Renzi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Remo

    02 Gennaio @ 14.11

    se Atene piange, Sparta non ride...

    Rispondi

  • falco

    02 Gennaio @ 09.05

    Io ormai non mi stupisco più di come si possa essere così ciechi nel non vedere come in realtà la verità sia quasi diametralmente opposta. Per quanto mi riguarda gli Usa non hanno mai smesso di screditare in ogni modo la Russia. Lo fanno da sempre. E non mi meraviglio più del fatto che mai viene data la parola, nello stesso modo e con gli stessi tempi, all'altra parte! Sempre a parlare degli usa e delle sue beghe. I tg e i giornali, ogni giorno, ci danno notizie riguardanti gli usa (qualsiasi notizia, utile o inutiile che sia). Lo stesso trend non vi è mai per l'altra parte del mondo. L'impero del male, del denaro e della menzogna continua il proprio intento di indottrinamento delle masse mondiali. E poi ci si fa pure un editoriale!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grande Fratello Vip: vince Walter Nudo

Walter Nudo

televisione

Grande Fratello Vip, eliminata Benedetta Mazza, vince Walter Nudo (15 anni dopo)

Premio Nobel per la Pace, spunta una signora in rosso: Amal

moda

Premio Nobel per la Pace, spunta una signora in rosso: Amal

Intervista a Emanuele Valla e Dario D'Ambrosio

INTERVISTA

Twelve Conversations, a Traversetolo la "prima": ne parlano Emanuele Valla e Dario D'Ambrosio Ascolta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Sfoglia di lamponi: Buonissimo e d'effetto e anche facile da fare

LA PEPPA

La ricetta  - Sfoglia di lamponi

Lealtrenotizie

Un 52enne di Montechiarugolo arrestato per maltrattamenti in famiglia

carabinieri

52enne di Montechiarugolo arrestato per maltrattamenti in famiglia (dopo 5 denunce)

CASA DELLA SALUTE

Un pezzo di soffitto crolla sulla sala d'attesa

in mattinata

Incidente in tangenziale sud all'altezza di via Montanara: coda

bedonia

Ciclista ferito: intervento del soccorso alpino a Borio

LUTTO

È morto Renzo Fornari, fondatore della Scic

economia

Boccia: «La manovra non funziona e la Tav è necessaria». Intervista esclusiva

Rapina in banca

Oltre alla cassa derubato anche un cliente

sport

Glorie rossonere nuove e antiche: parate di stella al gala del Cus Le foto

Premiati i campioni 2018. Oltre al socio onorario Corrado Cavazzini, il premio Ambasciatore Cus Parma nel mondo a Zorzi

Caritas

Sono 2000 le domande di cittadinanza

Fidenza

Indicazioni sbagliate: gli strani cartelli di Castione

LUTTO

Addio a Ercole Marvisi, una vita per le scarpe

A Monticelli

Senza patente e ubriaca provoca un incidente

NOCETO

La strage dei visoni

via Emilia Est

Rapina in banca: minacciano l'impiegata con un cutter e scappano con poche centinaia di euro

1commento

MISTERO

Esce dal lavoro e scompare a Reggiolo. Unico indizio: è passato da Traversetolo

Davide Ploia, 48 anni, vive nel Mantovano ed è scomparso da giovedì. Del caso si è occupato "Chi l'ha visto?"

PARMA

Migliora la qualità dell'aria, niente più stop per i diesel Euro4

Stop alle misure di emergenza da domani (martedì 11 dicembre)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La lezione di Parma a un Paese sfiduciato

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Necessario un giro di vite verso i ciclisti indisciplinati

di Domenico Cacopardo

4commenti

ITALIA/MONDO

russia

L'iphone cade nella vasca da bagno, campionessa di arti marziali muore folgorata

italia/mondo

Corona aggredito durante reportage in boschetto della droga

SPORT

Football americano

Leggendaria giocata dei Dolphins a 7" dalla fine per la vittoria contro i Patriots Video

FIORENTINA

Due medici indagati per la morte di Davide Astori

SOCIETA'

italia/mondo

Turista stacca frammento laterizio al Colosseo, denunciato

PARMA

Quando i reggiani "rubarono" il pigiama di Guareschi... Dietro le quinte del Mondo Piccolo Video

MOTORI

SUV

Renault Kadjar: restyling dopo tre anni

SUV

Seat, l'anno del «Triplete»: fate largo a Tarraco