EDITORIALE

Sofferenze bancarie, la lezione di Mps

Sofferenze bancarie. I rischi per l'economia
Ricevi gratis le news
2

Il sistema bancario non si può dire stia vivendo una stagione particolarmente felice. Al di là dello spinoso caso Mps - la storia più eclatante su cui torneremo tra poco - i temi delicati sul tavolo della grande ristrutturazione in atto si sprecano: l'ingente aumento di capitale di Unicredit, gli esuberi in un modello di business mandato velocemente in soffitta dal digitale, le traversie delle banche venete, le vicende dei quattro istituti "risolti", la trasformazione delle Popolari in Spa, il ritardo nelle operazioni di concentrazione nella galassia delle Bcc...
Ma concentriamoci su un aspetto, i famigerati Npl (non performing loans, "sofferenze" in italiano), un fardello pesante che i dati resi noti nelle ultime ore non aiutano più che tanto ad alleggerire, e non ci riferiamo solo al Monte Paschi. I 199,06 miliardi di euro di sofferenze lorde registrate a novembre rappresentano un miglioramento risibile rispetto ai 201 di un anno prima e addirittura un peggioramento frazionale rispetto ai 198,5 di ottobre. In attesa dei conti di fine anno, dove si potrebbero concentrare le ultime "pulizie" nei conti, il quadro resta grave perché abbiamo sul groppone oltre il 30% dei crediti deteriorati dell'Eurozona (in termini percentuali solo la Grecia sta peggio) e non può bastare a parziale consolazione che il tasso di ingresso di sofferenza per le società non finanziarie sia sceso dal 3,8% di fine 2015 al 3,6% come certificato ieri da Abi e Cerved.
Il perché è presto detto: le sofferenze sono apparentemente un problema delle banche (in fondo, si dirà, gli incagli sono nei loro bilanci), in realtà riguardano tutti perché zavorrano l'economia impedendo agli istituti di erogare il credito necessario alle imprese. La migliore cura sarebbe senz'altro la crescita economica ma in questo circolo vizioso è evidente che non si tratta di una cosa semplice; e se le previsioni di debole crescita non venissero confermate il rischio di un ulteriore appesantimento dei crediti deteriorati è già stato messo nero su bianco dall'ufficio studi di Unicredit. Né è semplice la soluzione della cessione delle sofferenze a terzi; in primo luogo perché vendere significa registrare perdite consistenti, minando il patrimonio e magari costringendo a dolorosi aumenti di capitale e in secondo luogo per il danno che ne deriverebbe al sistema perché l'operatore che compra le sofferenze svalutate ha interesse solamente a liquidarle senza alcun interesse l'«effetto filiera», come ha messo in evidenza il presidente di Intesa Sanpaolo Gian Maria Gros-Pietro.
Posto che regolatori e vigilanza hanno avuto la loro buona dose di colpe, è evidente che un numero così elevato di sofferenze significa in primo luogo che gli istituti di credito non sono riusciti negli anni a fare al meglio il loro mestiere, che è quello di valutare il merito del credito. E qui ci ricolleghiamo a Mps, l'esempio più incredibile di quella commistione fra politica e finanza (era di nomina pubblica la maggioranza dei consiglieri in Fondazione) che ha prodotto effetti deleteri. Ora si chiede a gran voce, persino dall'Abi, di rendere noti i nomi dei principali debitori insolventi. Per carità, sapere se i soldi prestati e mai più rivisti siano stati elargiti alla società A o alla società B può stimolare il voyerismo mediatico, oppure comprovare sospetti di aiuti ai soliti noti, ma ci pare che la questione serva solo a spostare lo sguardo dalla luna al dito: la questione non è la lista dei nomi quanto avere finalmente capito la lezione, ovvero che il capitalismo di relazione tipicamente italiano non può funzionare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Ivo

    12 Gennaio @ 20.02

    E no! I nomi servono eccome! Io come tanti che pagheremo, vogliamo sapere chi sono! Poi magari ci verranno a dare anche qualche consiglio su come salvare L'Italia , invece di essere bannati sia da commenti talk show e TV. Dovrebbero essere pubblicati i volti. Dovremmo avere la memoria lunga e poterla utilizzare quando tra qualche anno si mostreranno a vergini pulite.

    Rispondi

    • 12 Gennaio @ 20.25

      (dalla redazione9 "Vergini pulite"?

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen presenta il suo "playboy", Mirco Levati

gossip

Belen presenta il suo "playboy", Mirco Levati

2commenti

Sara' 'Black Friday' anche alla Fondazione Toscanini

La Fondazione Arturo Toscanini

PARMA

Anche la Fondazione Toscanini fa il Black Friday

Mike Piazza e consorte a Parma

paparazzato

Mike Piazza e consorte a Parma

1commento

Notiziepiùlette

Lodo Guenzi (Stato Sociale), la storia dell'Impressionismo e "Ogni bellissima cosa"BELLISSIMA COSA>

VELLUTO ROSSO

La comicità al femminile di Debora Villa al Paganini

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Si sporge dalla finestra e resta sospesa nel vuoto

Una ragazzina di 11 anni

Si sporge dalla finestra e resta sospesa nel vuoto

meteo

La neve mantiene la parola. E l'Appenino si sveglia imbiancato: le foto

DUPLICE OMICIDIO

I periti: «Solomon? Totalmente incapace». E ora si va verso l'assoluzione

CONQUIBUS

Mutti scrive ai colleghi: «Mi dimetto»

SALSOMAGGIORE

Ritrovata in un campo una cassaforte chiusa: di chi è?

AUTOBUS IN PANNE

Linea 23, due guasti in pochi giorni. La rabbia di un genitore

VIA DE MARTINO

I residenti: «Strada abbandonata, terra di nessuno»

Calcio Eccellenza

La Piccardo delle meraviglie

LANGHIRANO

L'ambasciatore del prosciutto di Parma? E' a Belfast

consiglio comunale

Una scuola e documenti dell'Archivio di Stato nell'area militare di via Zarotto

"Bollino antifascista" per gli spazi pubblici, la Lega vota contro, Pizzarotti: " Dove eravate il 25 aprile? "

calcio

Lizhang, ecco le 5 inadempienze - Video. Nuovo Inizio: "Ha messo a rischio il Parma"

Carburante e ambiente

A Parma il maggior consumo di gpl in regione

1commento

POLESINE ZIBELLO

Andrea Censi resta ai domiciliari: lo ha deciso il tribunale del Riesame

La procura chiedeva il carcere per Andrea Censi (ora ai domiciliari) ma i giudici di Bologna hanno respinto l'appello

gazzareporter

Via Volturno-Via Portofino: 950 metri da...sistemare Gallery

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

POLIZIA MUNICIPALE

Autovelox e autodetector: ecco il calendario dei controlli a Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Infrastrutture: a Parma nulla sembra muoversi

di Gian Luca Zurlini

BACHECA

Ecco 55 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

MILANO

Quindicenne sequestrato e torturato da coetanei

MODENA

Picchia la moglie davanti ai figli: "Ha lavorato solo 12 ore"

2commenti

SPORT

Formula 3

Sophia Floersch, dopo 11 ore di intervento muove gli arti

Calciomercato

Emergenza terzini. Il Parma bussa alla porta della Fiorentina?

SOCIETA'

rifiuti

A Copenaghen il termovalorizzatore ha sul tetto la pista da sci

NAPOLI

Leda e il cigno: scoperto un affresco "a luci rosse" a Pompei Video

MOTORI

I CONSIGLI

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

1commento

RESTYLING

Mercedes Classe C, l'ammiraglia compatta