-0°

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

I rilievi della Polizia Municipale

Ricevi gratis le news
0
 

Non è servita a niente la battaglia della signora Gina, 85enne di Cascinapiano che tre anni fa aveva portato in Provincia un foglio con un disegno fatto da lei della Massese: una mappa punteggiata di tutti i rischi e le cose da cambiare in quel tratto di strada teatro di tanti, troppi incidenti, spesso mortali.

Martedì mattina, su quella provinciale, sul ciglio (perché non c'è il marciapiede), in un buio pesto (perché non esistono lampioni e nessun altro segnale luminoso) è morto Filippo Ricotti, studente di 17 anni, travolto da un'auto davanti alla sorella di tre anni più giovane.

Una tragedia nella tragedia. Vissuta da due ragazzini che volevano «solo» andare a scuola. Aspettare l'autobus e raggiungere Parma in compagnia degli altri amici, come ogni mattina. Non è stato così.

Davanti a una tragedia così grande, ingiusta, assurda ma evitabile e altrettanto annunciata (quanti altri incidenti simili ci sono stati per cause simili sulla Massese dal '90 a oggi?) assistiamo al solito triste «teatrino» del rimpallo di responsabilità.

La Massese è una strada di competenza della Provincia, quindi verrebbe da pensare che dovrebbe essere la Provincia stessa a garantire la sicurezza dei pedoni e degli automobilisti, predisponendo interventi e lavori per migliorarla. Invece no. Come ha spiegato Gianpaolo Serpagli, consigliere provinciale con delega alla Viabilità in un'intervista a Pierluigi Dallapina «la Massese è una strada provinciale, ma la salvaguardia delle utenze deboli, cioè dei pedoni, è di competenza dei Comuni attraversati dalla strada. Quindi la realizzazione delle strisce pedonali, la loro illuminazione, l'illuminazione di un tratto stradale o la creazione dei dossi lungo la carreggiata spetta alle amministrazioni comunali, le quali chiedono un nulla osta alla Provincia prima di realizzare gli interventi». Quindi i Comuni chiedono il «nulla osta», e la Provincia può concederli oppure no. Il tassello conclusivo di questa lezione di burocrazia lo aggiunge il Comune di Langhirano. Che - come spiega il sindaco Giordano Bricoli - il 13 gennaio (sì, avete letto bene: appena una settimana fa) chiede via mail alla Provincia di poter fare le strisce pedonali proprio in quel tratto. E pochi giorni prima dell'e-mail c'era stata anche una richiesta telefonica a cui viene risposto («verbalmente») di no, perché «in quel tratto di strada già trafficato», le auto ci sfrecciano, se va bene, almeno sempre sopra i 70, quindi le strisce lo avrebbero reso più pericoloso.

Questo spaccato di vita tra amministrazioni è a dir poco sconcertante. La stessa logica su chi deve intervenire per mettere in sicurezza questo tratto di strada è imbarazzante: non sono pochi mesi che la Massese versa in queste condizioni, ma decenni almeno, e la dimostrazione è che nessuno mai, nessun Comune, Ente, Istituzione, ha costruito un marciapiede, un dosso, un dissuasore, una qualsiasi illuminazione di vecchia o nuova generazione. La Massese è così da sempre, una specie di superstrada dove tutti possono correre come i pazzi perché anche gli speed check sono farlocchi. Ci sono, a dire il vero, ma nessuno li fa funzionare (a quale ente spetterà questo compito?). Il giochino - fa male dirlo - è sempre lo stesso anche se cambiano le amministrazioni e i partiti: quello dello scaricabarile. Cari amministratori invece di fare la gara a chi più nulla osta chiede nel rispetto delle inutili regole della burocrazia, perché non provate ad eccellere nella disciplina di chi fa prima a fare le cose? Fatevi dare la mappa della signora Gina, magari, o pensate a Filippo: che ogni mattina quando andava verso la pensilina avvolta dalle tenebre accendeva la torcia dell'iphone per illuminare qu​el maledetto tratto di strada.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Flashdance,  il sogno anni '80 contagia tutti

Teatro Regio

Flashdance, il sogno anni '80 contagia tutti Le foto

Queen: "We will rock you", nuova data a Parma l'11 aprile

Foto d'archivio

Teatro Regio

"We will rock you": nuova data a Parma giovedì 11 aprile

C'è anche un ex calciatore del Parma all'Isola deifamosi

Ghezzal quando giocava nel Parma (foto d'archivio)

Canale 5

C'è anche un ex calciatore del Parma all'Isola dei famosi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Maggiolino il culto dell'utilitaria hippy

C'ERA UNA VOLTA

Maggiolino il culto dell'utilitaria hippy Video

Lealtrenotizie

Bimbo di due anni ingoia un tagliaunghie: salvato

Ospedale

Bimbo di due anni ingoia un tagliaunghie: salvato

COLLECCHIO

«Facciamo il controllo di vicinato». Ma è una truffa

VIA TORELLI

In arrivo una «gabbia» per filtrare i tifosi in curva Sud

Pizzicato in via Verdi

Ladro di bici finisce nei guai

A Solignano

Due ladri incastrati dalle telecamere

DIOCESI

Preti stabili e vocazioni in crescita: è la prima volta da decenni

ISTITUTO FERRARI

La merenda solidale che finanzia la ricerca contro i tumori

MOLESTIE

Tentò di baciare una 14enne sul bus: condannato

PARMENSE

Dopo l'Appennino e la Pedemontana, la neve sta arrivando a Parma. Allerta in A1 e A15  Manda le tue foto

Cinque centimetri di neve in Appennino, nevischio tra Fidenza, Parma e Bologna in A1

PARMA

Scontro auto-scooter in viale Partigiani d'Italia  Foto

ANTEPRIMA GAZZETTA

Ingoia un tagliaunghie: salvato un bimbo di 22 mesi Video

12tgparma

Ladri-vandali devastano la sede della squadra di calcio del Felino Video

12 TG PARMA

Caso Pesci: il Comune di Parma chiederà di costituirsi parte civile Video

2commenti

LUTTO

Maria Gorreri stroncata da una malattia rarissima a 60 anni

12tgparma

Parma facciamo squadra: 227mila euro per i bambini più fragili Video

salute

Alzheimer, all'Università di Parma 200mila dollari per una ricerca sulla proteina "sospetta"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il ritorno di Berlusconi. La sua sfida più difficile

di Luca Tentoni

1commento

ECONOMIA

Dove investire nel 2019? I suggerimenti di Amundi

ITALIA/MONDO

malattie

Influenza, mezzo milione di casi in una settimana: siamo vicini al picco

Salute

Troppi fritti potrebbero aumentare il rischio di morte

SPORT

Baseball

Marc Andrè Habeck è un giocatore del Parma Clima

CALCIO

Salvini: Milan-Napoli, si giocherà senza limitazioni

1commento

SOCIETA'

Regione Lombardia

Fido potrà essere tumulato nella stessa tomba del padrone

SPECIALE SPOSI

Un’organizzazione ideale per la giornata più bella

MOTORI

MOTORI

Ecotassa: quanti paradossi. Ecco chi vince e chi perde

MOTO

Kawasaki W800, il ritorno al Motor Bike Expo