14°

26°

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

I rilievi della Polizia Municipale

Ricevi gratis le news
0
 

Non è servita a niente la battaglia della signora Gina, 85enne di Cascinapiano che tre anni fa aveva portato in Provincia un foglio con un disegno fatto da lei della Massese: una mappa punteggiata di tutti i rischi e le cose da cambiare in quel tratto di strada teatro di tanti, troppi incidenti, spesso mortali.

Martedì mattina, su quella provinciale, sul ciglio (perché non c'è il marciapiede), in un buio pesto (perché non esistono lampioni e nessun altro segnale luminoso) è morto Filippo Ricotti, studente di 17 anni, travolto da un'auto davanti alla sorella di tre anni più giovane.

Una tragedia nella tragedia. Vissuta da due ragazzini che volevano «solo» andare a scuola. Aspettare l'autobus e raggiungere Parma in compagnia degli altri amici, come ogni mattina. Non è stato così.

Davanti a una tragedia così grande, ingiusta, assurda ma evitabile e altrettanto annunciata (quanti altri incidenti simili ci sono stati per cause simili sulla Massese dal '90 a oggi?) assistiamo al solito triste «teatrino» del rimpallo di responsabilità.

La Massese è una strada di competenza della Provincia, quindi verrebbe da pensare che dovrebbe essere la Provincia stessa a garantire la sicurezza dei pedoni e degli automobilisti, predisponendo interventi e lavori per migliorarla. Invece no. Come ha spiegato Gianpaolo Serpagli, consigliere provinciale con delega alla Viabilità in un'intervista a Pierluigi Dallapina «la Massese è una strada provinciale, ma la salvaguardia delle utenze deboli, cioè dei pedoni, è di competenza dei Comuni attraversati dalla strada. Quindi la realizzazione delle strisce pedonali, la loro illuminazione, l'illuminazione di un tratto stradale o la creazione dei dossi lungo la carreggiata spetta alle amministrazioni comunali, le quali chiedono un nulla osta alla Provincia prima di realizzare gli interventi». Quindi i Comuni chiedono il «nulla osta», e la Provincia può concederli oppure no. Il tassello conclusivo di questa lezione di burocrazia lo aggiunge il Comune di Langhirano. Che - come spiega il sindaco Giordano Bricoli - il 13 gennaio (sì, avete letto bene: appena una settimana fa) chiede via mail alla Provincia di poter fare le strisce pedonali proprio in quel tratto. E pochi giorni prima dell'e-mail c'era stata anche una richiesta telefonica a cui viene risposto («verbalmente») di no, perché «in quel tratto di strada già trafficato», le auto ci sfrecciano, se va bene, almeno sempre sopra i 70, quindi le strisce lo avrebbero reso più pericoloso.

Questo spaccato di vita tra amministrazioni è a dir poco sconcertante. La stessa logica su chi deve intervenire per mettere in sicurezza questo tratto di strada è imbarazzante: non sono pochi mesi che la Massese versa in queste condizioni, ma decenni almeno, e la dimostrazione è che nessuno mai, nessun Comune, Ente, Istituzione, ha costruito un marciapiede, un dosso, un dissuasore, una qualsiasi illuminazione di vecchia o nuova generazione. La Massese è così da sempre, una specie di superstrada dove tutti possono correre come i pazzi perché anche gli speed check sono farlocchi. Ci sono, a dire il vero, ma nessuno li fa funzionare (a quale ente spetterà questo compito?). Il giochino - fa male dirlo - è sempre lo stesso anche se cambiano le amministrazioni e i partiti: quello dello scaricabarile. Cari amministratori invece di fare la gara a chi più nulla osta chiede nel rispetto delle inutili regole della burocrazia, perché non provate ad eccellere nella disciplina di chi fa prima a fare le cose? Fatevi dare la mappa della signora Gina, magari, o pensate a Filippo: che ogni mattina quando andava verso la pensilina avvolta dalle tenebre accendeva la torcia dell'iphone per illuminare qu​el maledetto tratto di strada.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon  Gallery

newcastle

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon Gallery

Melania in Texas, ma scoppia il caso della giacca

USA

Melania in Texas, ma scoppia il caso della giacca

Dogana opening party al Best: ecco chi c'era Foto

FESTE PGN

Dogana opening party al Best: ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Cartoni che passione! Scegli il miglior cartone animato degli anni '80 e '90

Lealtrenotizie

Molesta e tenta di violentare una 14enne a Parma. Arrestato 41enne a Monza

carabinieri

Molesta e tenta di violentare una 14enne a Parma. Arrestato 41enne a Monza

nel pomeriggio

Incidente a Pontetaro sulla tangenziale cispadana: due feriti Gallery

anteprima gazzetta

Il mistero dei cartelli contro i clienti dei pusher di viale Vittoria scomparsi nella notte Video

Parma

Gdf: in un anno e mezzo scoperti 64 evasori fiscali totali per 55 milioni di euro Il bilancio dell'attività

REGGIO EMILIA

80mila euro di coca arrivano via posta, i Nas di Parma arrestano un trafficante

Viale Vittoria

«Se compri la droga ti fotografo»: (Sono già spariti) i cartelli sugli alberi - Gallery

14commenti

BLITZ

Confiscati beni per oltre 2 milioni a un imprenditore a Gela

L'uomo aveva trasferito l'attività a Parma

L'evento dell'anno

Ennio Morricone incanta Parma e la Cittadella Gallery - Video

2commenti

12 tg parma

Amministrative: a Salsomaggiore si sceglie fra Fritelli e Volpicelli Video

L'INTERVISTA

Malmesi: «Faremo la A»

4commenti

bufera

Caso whatsapp-Parma, lo Spezia: "La nostra condotta ispirata a rigore e rispetto"

Il presidente Upi

Annalisa Sassi: «Legame col territorio sempre più forte» - Videointevista

NOCETO

Matilde, la youtuber che insegna ad amare i libri

METEO

Maltempo: forti temporali (e calo delle temperature) in arrivo al Nord

TIZZANO

Restituito al proprietario il Ciao rubato 31 anni fa

1commento

Dramma

Superchi, il dolore dell'amico medico: «Se n'è andato un combattente»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Contro il Parma il più assurdo dei processi

di Michele Brambilla

SONDAGGIO

Estate, tempo di musica e tormentoni: vota la tua hit Anni '80 preferita

ITALIA/MONDO

RAVENNA

Donna uccisa a bastonate: ergastolo al marito

ROMA

Incidente, morti lo chef stellato Narducci e la sua assistente

SPORT

12 tv parma

Domani alle 17 al Tardini in campo le leggende del calcio Video

RUSSIA 2018

La Svizzera piega la Serbia in rimonta: 2-1

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

MODENA

L'Osteria Francescana di Massimo Bottura è ancora il ristorante migliore del mondo

2commenti

MOTORI

RESTYLING

La nuova Jeep Renegade in 5 mosse

ANTEPRIMA

Ecco la nuova S60, la prima Volvo costruita negli Usa