13°

26°

Buone Notizie

Maria Adorni l'angelo della carità che risvegliò Parma

Maria Adorni l'angelo della carità che risvegliò Parma
Ricevi gratis le news
1

di Margherita Portelli
Una figura insieme umile e sconcertante, quella di Anna Maria Adorni. Una donna radicata nel suo tempo e più che mai attuale, semplice e forte, come può essere chi a sette anni scappa da casa perché vuole andare a portare il Vangelo nelle Indie e per tutta la vita, poi, se ne va in giro a raccogliere, e accogliere, prostitute e carcerate nella Parma dell’Ottocento. La fondatrice della congregazione delle Ancelle dell’Immacolata, che domenica prossima verrà proclamata Beata nella Cattedrale di Parma, rivive in un libro dello scrittore e giornalista Pino Agnetti, da domani in edicola con la Gazzetta (al prezzo di 10 euro, compreso il giornale). «Il miracolo di Anna Maria», questo il titolo del volume edito da Grafiche Step, racconta della vita e della preziosa opera della Beata che, ancora oggi, si rinnova nelle azioni delle Ancelle dell’Immacolata.
Perché ha deciso di scrivere questo libro?
«La storia di Anna Maria Adorni mi ha colpito. Io stesso non la conoscevo a fondo e, quando ha iniziato a concretizzarsi la conclusione del lungo percorso che l’ha portata alla Beatificazione, ho voluto approfondire. Grazie alla disponibilità delle Ancelle dell’Immacolata e della superiora suor Maria Assunta Pedrinzani, ho potuto consultare vari materiali e portare avanti una ricerca documentaria che mi ha permesso di arrivare al libro. Un libro che vuole parlare a tutti, non solo ai religiosi, per far sì che Parma ricordi questa grande donna».
Nella prefazione paragona Anna Maria Adorni ad altri due giganti della fede, Madre Teresa di Calcutta e Padre Lino. Perché?
«Madre Teresa diceva di sé: “Sono una matita nelle mani di Dio”. Io credo che Anna Maria fosse “La matita di Dio a Parma”. La sua India lei la trovò nella città ducale, nei sobborghi martoriati dalla fame e dalle malattie, vivendo il passaggio dal ducato alla monarchia, sfidando le convenzioni, le malelingue e le ostilità. Fa pensare, poi, il fatto che Padre Lino Maupas arrivò a Parma nel 1893, cioè nell’anno in cui morì Anna Maria. Come lei iniziò a bazzicare i borghi malfamati e a frequentare le carceri, per aiutare i bisognosi. Fu una sorta di simbolico passaggio di testimone. Nel suo impegno verso gli ultimi e, in particolar modo verso le donne, Anna Maria Adorni è una figura di forte attualità... Fu una donna straordinaria che visse un secolo in subbuglio, perseguendo il solo obiettivo di servire Dio, offrendosi agli altri nella più totale povertà. Ma le sue azioni rivivono anche oggi, nell’opera delle Ancelle dell’Immacolata, come ci testimoniano le moderne storie di sfruttamento e redenzione con cui si conclude il libro. Ancora oggi queste suore si aggirano per quelle strade che sono veri e propri “mercati del sesso” e, negli ultimi anni, sono riuscite a salvare più di mille ragazze dell’incubo della prostituzione».
Il primo capitolo del libro è dedicato al miracolo che, essendo stato riconosciuto tale da Papa Benedetto XVI, ha di fatto aperto la strada della beatificazione. Lei crede che nel mondo di oggi, sempre di più preda allo scetticismo e all’indifferenza, ci sia ancora spazio per i miracoli?
«Ai miracoli si può credere oppure no, ma quello narrato nel libro è sicuramente un evento straordinario. Il Papa ha riconosciuto l’intercessione di Madre Maria Adorni che permise la guarigione dall’encefalite letargica del settantaduenne di Brugnera Giuseppe Buttignol, padre di una suora della congregazione, nel 1939. Mai nessuno era guarito da quella terribile malattia che, negli anni Venti, aveva colpito in forma epidemica più di cinque milioni di persone».
Dove sta a suo parere la grandezza di questa donna, che fu anche sposa e madre, e che dedicò tutta la sua vita a far sì che gli ultimi potessero incontrare Dio? E perché i parmigiani dovrebbero conoscerla?
«Anche, e soprattutto, in un momento di disorientamento etico e morale come quello che si vive oggi, Anna Maria Adorni ci può far capire che con il coraggio e l’amore si possono fare grandi cose. Io mi sono sentito arricchito dall’aver scritto queste pagine, e spero che le parmigiane e i parmigiani possano fare altrettanto leggendo di lei. Il vero miracolo che dà il titolo al libro era e resta proprio lei».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Magdi

    01 Ottobre @ 22.49

    Veramente un bel libro; rivela una grande figura, autentica e coraggiosamente caritativa, quella di Anna Maria Adorni. Un grande grazie all'Autore, che ha saputo cogliere la bellezza e la grandezza della persona di Madre Adorni, a ce l'ha voluto trasmettere, affinchè riviva pure oggi fra noi...

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

1commento

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore senza paura!": dai libri al porno, un tuffo negli anni della rivoluzione Video Foto

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

musica

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Si sente male mentre è alla guida e provoca incidente: è grave

fidenza

Si sente male mentre è alla guida e provoca incidente: gravissimo 67enne

sfilata

Parma, 25 Aprile: tutti i colori della libertà Foto

carabinieri

Viale Mentana, arrestato con un etto di hashish il pusher dai mille nomi

1commento

MALTRATTAMENTI

Botte e minacce alla compagna anche davanti alla figlia: condannato

Fidenza

Addio a Pederzani, una vita per il calcio

La polemica

Concerto, via Farini chiusa: «Un danno per il commercio»

3commenti

festa

25 Aprile: un parmense di appuntamenti in piazza, in bici e in musica L'agenda

Concerto in città con Baustelle e Mara Redeghieri

striscioni

L'oltraggio di Forza Nuova al 25 Aprile

E la replica dei giovani del Centro Esprit

incidenti

Una moto a terra in A1 tra Fidenza e il bivio per l'A15: due feriti

Fidenza

Matilde Farnese, da barista ad attrice

L'ASTA

Il 9 maggio si saprà il destino del centro sportivo di Collecchio

parma calcio

Lucarelli e Munari, una camera per due

Polesine Zibello

Vuole i soldi per la dose e minaccia il padre con un coltello

Ticket

«Stangata» sulle cure per la psoriasi

tg parma

Le voci del corteo del 25 Aprile: "E' la festa più bella e più vera"

Intervista

Baustelle: «Non archiviamo il 25 aprile»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il 25 aprile e la memoria perduta degli italiani

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Governo, quante baruffe. E l'interesse del Paese?

5commenti

ITALIA/MONDO

SISMA

Forte scossa di terremoto in Molise: 4.2

tragedia

Morto bimbo di 4 anni ricoverato Modena, cause da chiarire

SPORT

CHAMPIONS

La Roma si sveglia tardi: il Liverpool vince 5-2

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

SOCIETA'

NAPOLI

Scheletro di bimbo negli scavi di Pompei. Il direttore: "Grande scoperta"

gusto light

La ricetta "green" - Insalatona di cetrioli con mele e noci

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento