10°

28°

Buone Notizie

Kuminda, appello per il diritto al cibo

Kuminda, appello per il diritto al cibo
Ricevi gratis le news
0

Roberta Vinci

«Produciamo quello che consumiamo, consumiamo quello che produciamo». Lo gridava a gran voce, anni fa, Thomas Sankara, presidente del Burkina Faso, assassinato nel 1987. L’eco di quel grido risuona a Parma da sei anni. Divenuto una sorta di leitmotiv per il Festival Kuminda, ormai alla sesta edizione. L’evento, che anima la città da qualche giorno con incontri e iniziative, è la tappa culminante di un percorso nato da una rete di associazioni, «Cibopertutti», alla quale si sono affiancate «Terre di mezzo Eventi» e il «Comitato italiano sovranità alimentare». L’edizione 2011, in corso, vede la collaborazione della Provincia e del Forum Solidarietà, il patrocinio del Comune e il sostegno di Fondazione Cariparma. Ma qual è il significato profondo di questo Festival? Abbiamo «chiacchierato» con Francesca Bigliardi, una delle responsabili di Kuminda, per saperne di più. «Il cibo è un diritto per tutti. Non è una merce di scambio eppure ogni giorno un miliardo di persone patiscono e muoiono di fame». La popolazione globale è di circa 7 miliardi di persone e la produzione di cibo è sufficiente per «saziarne» 11 miliardi. Un dato, fornito dalla Fao, che deve far riflettere tutti. «Per cui la mancanza di cibo a una fetta consistente di uomini non è dovuta all’assenza di produzione - evidenzia la Bigliardi - piuttosto a una gestione errata del sistema produttivo e distributivo». Kuminda vuole divulgare l’idea del diritto al cibo e della sovranità alimentare. Ovvero quel diritto che ogni comunità deve avere nel decidere le proprie politiche agricole. Come e cosa produrre, commerciare e consumare. Questo diritto, manca. Il Festival Kuminda, iniziato il 10 ottobre durerà fino a domenica 16. Tra gli appuntamenti, consultabili al sito www.kuminda.org , ne ricordiamo alcuni di particolare rilievo. Oggi pomeriggio, alle 17, nell’Antica biblioteca di San Giovanni Evangelista, si parlerà di «Risorse della democrazia, la democrazia delle risorse» e sarà presente tra i relatori la sorella dell’ex presidente Thomas Sankara. «Lo sfruttamento e l’eccesso delle risorse sono un nodo cruciale nei rapporti tra Paesi del sud e del nord». Il «cuore» di Kuminda batterà più forte domani e domenica 16. Piazzale Picelli sarà l’«arena» in cui produttori locali di Economia Solidale esporranno i loro prodotti. Ci saranno laboratori per bambini, degustazioni e informazioni sul tema per tutti i cittadini. Alle 10, poi, Padre Silvio Turazzi e Fulvia Cavalieri, presidente «Cibopertutti» lanceranno «un appello a tutte le realtà del territorio che operano per il diritto al cibo e per la sovranità alimentare - conclude la Bigliardi -. Per creare una sinergia capace di trovare nuove soluzioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Lealtrenotizie

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

ITALIA/MONDO

SPORT

SOCIETA'

MOTORI