14°

27°

PROGETTO EDUC

«Io lo so che non sono solo»: l'inno all'amicizia di 270 ragazzi

Balli, canti e performance all'insegna del valore della tolleranza

Progetto Educ nella palestra dell'istituto Bodoni, spettacolo dell'istituto comprensivo Micheli

Progetto Educ nella palestra dell'istituto Bodoni, spettacolo dell'istituto comprensivo Micheli

Ricevi gratis le news
0

 

Federica De Masi

«L'educazione è l’arma più potente che si può usare per cambiare il mondo». Con le parole di Nelson Mandela, pronunciate in sua memoria, si è aperto, nei giorni scorsi, lo spettacolo contro la discriminazione «Io lo so che non sono solo», esito finale del progetto Educ, promosso e finanziato dalla Regione e dalla Provincia di Parma.
Sul campo della palestra del Bodoni, circa 270 tra bambini e ragazzi, appartenenti alle 7 classi delle scuole primarie Adorni, Micheli, San Leonardo e alle 8 classi della scuola secondaria Vicini, si sono esibiti in canti e balli etnici, indossando abiti della tradizione, lanciando un chiaro messaggio: imparare dall’altro è fonte di arricchimento. Alla base dell’iniziativa vi è l’idea di appartenere ad una comunità in cui nessuno è solo, dove il pregiudizio è superato dalla conoscenza della cultura straniera di chi proviene da un altro luogo geografico. Il filo conduttore del progetto, come spiega l’insegnante Mara Montagna, responsabile dell’iniziativa didattica insieme alla docente Angela Allodi, è stata la tutela dei diritti fondamentali: alcune classi hanno approfondito il tema del diritto al cibo e all’acqua, prestando un occhio di riguardo ad argomenti attualissimi quali la raccolta differenziata e le economie sostenibili, mentre altre si sono dedicate alla conoscenza di un paese specifico studiandone la tradizione culturale.
Sono stati 30 i docenti che hanno condotto i ragazzi in questa avventura educativa nell’arco di due mesi circa, sostenuti dall’importante apporto degli enti e delle associazioni del territorio che hanno collaborato in modo volontario: Iren, Arpa, Forum Solidarietà, Kwa Dunìa, Mappamondo e Kuminda. Un percorso in cui lo scambio culturale è stata la base per avvicinarsi, non in modo unilaterale: alcune classi, infatti, hanno approfondito aspetti della tradizione italiana, in direzione di uno scambio reciproco. Ha presenziato allo spettacolo il preside dell’istituto Micheli, Massimo Parmigiani, che ha ringraziato tutti coloro che hanno contribuito all’organizzazione dello spettacolo e ha aggiunto: «Aprirsi al mondo e al proprio territorio è fondamentale soprattutto a scuola, perché è qui che viene assolta la funzione di centro di aggregazione del proprio quartiere. Questa è stata un’occasione per incontrarsi tutti e aprirsi alla città». A suggellare la riuscita dell’evento sono giunte le parole della rappresentante della Regione Emilia Romagna Mirella Orlandi che si è dichiarata entusiasta per il lavoro svolto da docenti, ragazzi e volontari.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Avicii - Best moments live

MUSICA

Avicii, best moments live: i concerti più belli del dj svedese Video

Arriva "Homeland 7" ma l'ottava serie sarà l'ultima

serie tv

Arriva "Homeland 7" ma l'ottava serie sarà l'ultima

Star Smallville incriminata per traffico sessuale

televisione

Star di "Smallville" incriminata per traffico sessuale

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

LA MOSTRA

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

Lealtrenotizie

Parma, tanto cuore per tornare al secondo posto. E lunedì tocca al Frosinone Risultati e classifica

2-1 al Carpi

Parma, tanto cuore per tornare al secondo posto. E lunedì tocca al Frosinone Risultati e classifica

"Vittoria incerottata e sofferta: 3 punti findamentali", Videocommento di Grossi - Barillà: "Vitoria dedicata a Lucarelli e Munari" Video

5commenti

serie b

D'Aversa: "Restiamo con i piedi per terra" Video

scomparso

San Secondo, da 24 ore non si hanno notizie di Claudio. Chi l'ha visto?

polizia

Il market dello spaccio? Installato nel greto della Parma. Cinque in manette Video

In tutto 13 arresti e oltre 65 chili di droga sequestrati

9commenti

Ospreys 37-14

Le Zebre chiudono (in casa) con una vittoria

incidente

Mezzano superiore, finisce con l'auto nel fossato: ferito un 65enne

felino

Parcheggiava con un permesso disabili falso intestato a un morto

4commenti

gazzareporter

Bici "parcheggiata" in via Marchesi

arte

Lorenzo Dondi protagonista al Fuorisalone di Milano Foto

dopo il maltempo

Sicurezza del territorio: 62 interventi finanziati dalla Regione, da Colorno all'Appennino

carabinieri

Sborsa 30mila euro per una Porsche usata ma è una truffa: tre denunciati

1commento

VIA SIDOLI

Scende dall'autobus: 83enne assalita e rapinata

6commenti

FURTI

Notte di raid nelle assicurazioni: cosa cercavano i ladri?

5commenti

Addio

Giancarlo Bonassi, l'antesignano delle guide turistiche

L'agenda

"Nel segno del giglio" e non solo: un sabato tra dischi in vinile, libri e musica

Tribunale

Picchia e perseguita la fidanzata: condannato a due anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Intese difficili. La prossima settimana è decisiva

di Domenico Cacopardo

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

India

Scatta la pena di morte per chi stupra le bambine

La Spezia

Rifacimento di piazza Verdi: due arresti per tangenti

SPORT

MotoGp

Marquez penalizzato: da primo a quarto in griglia

GAZZAFUN

Parma-Carpi 2-1: fate le vostre pagelle

SOCIETA'

GAZZAFUN

“La morta in Tär" e le belle storie in dialetto: rispondi al nostro quiz

Gran Bretagna

Star e colpi di cannone per il compleanno di Elisabetta

MOTORI

NOVITA'

Audi A7 Sportback: linea da coupé, qualità da ammiraglia

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover