16°

28°

CALCIO

Sacchi cede allo stress e lascia le giovanili azzurre

Nel 2001 per lo stesso motivo lasciò la panchina del Parma

Arrigo Sacchi

Arrigo Sacchi

Ricevi gratis le news
3

In attesa di conoscere il nome del nuovo presidente federale, la Figc perde un altro pezzo. Dopo le dimissioni di Abete e Prandelli, lascia il proprio posto a via Allegri anche Arrigo Sacchi, dal 2010 coordinatore tecnico delle nazionali giovanili. Dopo quattro anni a supervisionare il lavoro delle rappresentative azzurre (dall’U21 all’U16), l’ex ct ha deciso di non rinnovare il proprio contratto. «Con dispiacere lascio un incarico cui tengo molto, ma ho un avversario terribile che sono riuscito a governare per 22-23 anni, alla fine però sta vincendo lui, ed è lo stress», che già ai tempi del Parma lo aveva portato a fare un passo indietro.
Meglio quindi a 68 anni concentrare le proprie energie sulla famiglia. «Non sono più un giovanotto, il mio recupero è più lento. E poi non sono stato un bravo padre, ho trascurato le mie figlia, e non voglio fare lo stesso con la nipotina nata da poco». Insomma, via i panni del tecnico, largo a quelli da nonno, che non rinuncia a dispensare qualche consiglio prezioso per le nuove generazioni, in campo e fuori. «La mia non è un’analisti spietata ma realistica. Il nostro calcio non punta sui giovani per due motivi: i bilanci in rosso, che non consentono pianificazione a lungo termine - spiega l’ex tecnico - e il nostro calcio difensivo, che punta più su giocatori esperti». Per non parlare dei molti stranieri: «Ne subiamo il fascino, c'è un’invasione. Ne prendiamo in abbondanza, con valutazioni tecniche ed economiche forse eccessive».
In un clima del genere, Sacchi sottolinea che negli ultimi 4 anni si è comunque «lavorato molto, cercando di dare a questi ragazzi una mentalità e una dimensione internazionale. In una nazione che non crede nei giovani dobbiamo ringraziare la Figc per gli sforzi fatti. Ma perchè l’Italia deve essere l’ultima a investire sul ricambio generazionale?». «Io vorrei una calcio più leale, senza violenza e con stadi moderni, non carceri a cielo aperto come sono oggi - la ricetta di Sacchi -. Non siamo così male come hanno detto gli ultimi due Mondiali, ma dobbiamo aggiornarci». Allo stato attuale, «era frutto dell’amore pensare che l’Italia potesse vincere in Brasile. Sarebbe stato un miracolo - l’opinione dell’ex ct azzurro -. Anni fa sono stato in Costa Rica a tenere un seminario, oggi forse dovremmo chiamare un loro tecnico a tenere lezioni da noi...».
Per Sacchi, quindi, «è il caso di rivedere qualcosa. Abbiamo dirigenti che pensano più al loro potere che al bene del sistema. Un pò di autocritica per tutti non può che fare bene - sottolinea -. Quando leggo questo o quello devono prendere per mano la Nazionale mi viene da ridere. Oggi il calcio sempre più collettivo, ha vinto la Germania senza stelle, i supercampioni sono andati a casa». «Noi possiamo crescere solo se smettiamo di piangere. L’Italia ha esportato cultura per 1500 anni - conclude Sacchi -, ma dobbiamo dimenticare furbizia, scorciatoie, compromessi, altrimenti siamo out. Spero che il nostro Paese riesca a risorgere». Nel 2001, sempre per motivi analoghi,  lasciò la panchina del Parma: al suo posto fu chiamato Ulivieri. I nervi ressero solo 20 giorni e tre partite (due pareggi e una vittoria). Il 2 febbraio annunciò "non posso più andare avanti». La domenica prima aveva avuto un malore a Verona, dove i gialloblù avevano vinto 2-0. «Pensavo che i due anni di inattività mi avessero ricaricato e di essere pronto per andare in panchina: evidentemente non è così» fu il suo addio dando le dimissioni. E con le dimissioni, nel dicembre 2005, terminò anche la sua esperienza di direttore dell’area tecnica del Real Madrid: «mi manca la famiglia» spiegò. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • patti

    01 Agosto @ 11.55

    Davide@: et t'si alser te!

    Rispondi

  • killer

    01 Agosto @ 08.11

    Patti mez zi pesa vaco ca' !!!!

    Rispondi

  • patti

    30 Luglio @ 20.41

    .......sicuramente è vero, perchè Sacchi è una delle poche persone serie nell'ambiente calcistico. Però farebbe bene a non dirlo, a non parlare di stress, fosse solo per rispetto di quegli operai che lavorano in fabbrica per otto ore al giorno e che riescono a malapena a pagare un mutuo e a sfamare i propri figli. Il buon senso non guasta mai, eppure.....

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

5commenti

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

8commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

verdi off

Bianchi, rossi, verdi: variazioni (e sorrisi) a tema pic-nic al Parco Ducale Foto

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

ASTI

Il pick-up del padre lo investe: muore un bimbo di tre anni

SPORT

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

Tour Championship

Il ritorno della tigre: tutti pazzi per Tiger Woods Video

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

LA PROVA

Kia Sportage diventa «Mild Hybrid»

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse