Doping

L'accusa di Armstrong: "I vertici Uci mi coprivano"

Le ultime rivelazioni dell’ex campione di ciclismo: "Verbruggen sapeva tutto"

Lance Armstrong

Lance Armstrong

Ricevi gratis le news
0

 

 Lorenzo Amuso)
LONDRA, 18 NOV – Giura di non volere più mentire, nè coprire chi per anni lo ha aiutato a farla franca: con le sue ultime rivelazioni Lance Armstrong alza il tiro e accusa l’ex presidente dell’Uci Hein Verbruggen di complicità.
In cerca di una difficile riabilitazione che gli garantisca uno sconto della pena, il ciclista texano sembra intenzionato a voler rivelare ogni dettaglio delle sue pratiche dopanti, elencando nomi, date e circostanze. Come richiesto d’altronde dalla federazione internazionale di ciclismo, che ha istituito una commissione indipendente proprio per fare luce su quegli anni. Una nuova inchiesta che dovrà accertare le responsabilità dei vertici del ciclismo mondiale, dai dirigenti ai team manager. A cominciare da Verbruggen, che – nell’accusa di Armstrong – risulta aver accettato il doping senza combatterlo. Non solo. Forse anche incoraggiandolo. Come in una specifica occasione, durante il Tour de France 1999, quando lo stesso Verbruggen sarebbe intervenuto per coprire la positività del texano, consentendogli così di trionfare per la prima volta a Parigi. Il primo dei sette successi di Armstrong alla Grande Boucle. Tutti cancellati dagli annali dopo la condanna per doping che gli è costata la squalifica a vita.
"Verbruggen sapeva che facevo uso di sostanze dopanti e mi aiutava a nasconderlo – ha raccontato Armstrong in un’intervista esclusiva al britannico Daily Mail -. Durante il Tour del 1999
risultai positivo ad un test e lui era tra le persone che mi permisero di portare a termine la corsa". Il nuovo presidente dell’Uci, Brian Cookson, ha lasciato intendere che di fronte ad una piena confessione Armstrong potrebbe vedere la sua squalifica ridotta a otto anni. Un’occasione che l’americano sembra voler sfruttare. Come dimostrato nell’intervista, nella quale ha anche spiegato il meccanismo delle prescrizioni retrodatate che gli permettevano di sfuggire alle eventuali sanzioni.
"E' ridicolo pensare che io voglia proteggere queste persone dopo tutto quello che mi hanno fatto – le parole di Armstrong -. Io non sto proteggendo proprio nessuno. Non provo nessun senso di lealtà verso di loro. Anzi li odio proprio. Mi hanno gettato sotto un bus in corsa. Con me hanno chiuso". Contattato dal Daily Mail, Verbruggen non ha voluto rilasciare commenti. 
Lorenzo Amuso
LONDRA – Giura di non volere più mentire, nè coprire chi per anni lo ha aiutato a farla franca: con le sue ultime rivelazioni Lance Armstrong alza il tiro e accusa l’ex presidente dell’Uci Hein Verbruggen di complicità.
In cerca di una difficile riabilitazione che gli garantisca uno sconto della pena, il ciclista texano sembra intenzionato a voler rivelare ogni dettaglio delle sue pratiche dopanti, elencando nomi, date e circostanze. Come richiesto d’altronde dalla federazione internazionale di ciclismo, che ha istituito una commissione indipendente proprio per fare luce su quegli anni. Una nuova inchiesta che dovrà accertare le responsabilità dei vertici del ciclismo mondiale, dai dirigenti ai team manager. A cominciare da Verbruggen, che – nell’accusa di Armstrong – risulta aver accettato il doping senza combatterlo. Non solo.
Forse anche incoraggiandolo. Come in una specifica occasione, durante il Tour de France 1999, quando lo stesso Verbruggen sarebbe intervenuto per coprire la positività del texano, consentendogli così di trionfare per la prima volta a Parigi. Il primo dei sette successi di Armstrong alla Grande Boucle. Tutti cancellati dagli annali dopo la condanna per doping che gli è costata la squalifica a vita.
"Verbruggen sapeva che facevo uso di sostanze dopanti e mi aiutava a nasconderlo – ha raccontato Armstrong in un’intervista esclusiva al britannico Daily Mail -. Durante il Tour del 1999risultai positivo ad un test e lui era tra le persone che mi permisero di portare a termine la corsa". Il nuovo presidente dell’Uci, Brian Cookson, ha lasciato intendere che di fronte ad una piena confessione Armstrong potrebbe vedere la sua squalifica ridotta a otto anni. Un’occasione che l’americano sembra voler sfruttare. Come dimostrato nell’intervista, nella quale ha anche spiegato il meccanismo delle prescrizioni retrodatate che gli permettevano di sfuggire alle eventuali sanzioni.
"E' ridicolo pensare che io voglia proteggere queste persone dopo tutto quello che mi hanno fatto – le parole di Armstrong -. Io non sto proteggendo proprio nessuno. Non provo nessun senso di lealtà verso di loro. Anzi li odio proprio. Mi hanno gettato sotto un bus in corsa. Con me hanno chiuso". Contattato dal Daily Mail, Verbruggen non ha voluto rilasciare commenti. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Melissa Satta e Kevin Prince Boateng: matrimonio (e amore) al capolinea

gossip

Melissa Satta e Kevin Prince Boateng: matrimonio (e amore) al capolinea

Giornata di sole sul LungoParma: le foto di Luca Radici a Michelle Maccagni

fotografia

In posa sul LungoParma in una giornata di sole Foto

Langhirano: i bellissimi delle feste alla Taverna Ponte

PGN

Langhirano: i bellissimi delle feste alla Taverna Ponte Ecco chi c'era: foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Locanda del culatello

CHICHIBIO

«Locanda del culatello» C'è del nuovo e del buono nella Bassa

di Chichibio

Lealtrenotizie

Polisportiva Gioco, la notte più amara: rubato il pulmino con le handbike Foto

furti

Polisportiva Gioco, la notte più amara: rubato il pulmino con le handbike Foto Video

"Visitati" anche i locali della Boxe Parma

1commento

12 TG PARMA

X-Law: installato in Questura il software che prevede i reati Video

piazzale santafiora

I ladri tornano a colpire a scuola: stavolta tocca alla Sanvitale Foto Video

esame

Maturità: al classico secondo scritto di latino e greco, allo Scientifico matematica e fisica

Medesano

Arrivano i ladri in villa, 81enne si nasconde sotto le coperte

CARABINIERI

Il cittadino eroe che ha aiutato i militari a bloccare il pusher violento

5commenti

PARMA 2020

Alinovi: «Riqualifichiamo il Palazzo ducale»

varsi

Schiuma e odori inconfondibili: ecco il risultato di uno sversamento illecito nel Ceno Foto

1commento

12 TG PARMA

Mercato: il Parma sempre su El Kaddouri, in attacco sfida Stepinski-Diabatè Video

BEDUZZO

Furto notturno nel bar, i ladri sullo smartphone della titolare

Gup

Minacciava l'ex, condannato a un anno e 4 mesi

Intervista

Il ministro Centinaio: «I cinghiali sono troppi. Ora basta»

2commenti

Tribunale

Sdoganò un prototipo di Formula Sae, assolto il presidente del Cepim

Comune di Parma

Giorno della Memoria, tra le iniziative la lectio di Renata Segre

PALLACANESTRO

Cska, un baluardo in Valtaro

AUTOSTRADA

Un'auto si ribalta in A1: grave un giovane. Per ore code a Terre di Canossa

Autocisa: pioggia tra Fornovo e Pontremoli

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Fuga dal voto (17 milioni) contro la rissa dei politici

di Vittorio Testa

C'ERA UNA VOLTA

Il viaggio e l'avventura: l'età dell'autostop

di Italo Abelli

ITALIA/MONDO

maxi-archivio

Rubate 770 milioni di e-mail: è il più grande furto del genere della storia

Russia

Scontro fra due caccia, ignota la sorte degli equipaggi

SPORT

MILANO

Il figlio dell'ex ct Lippi minacciato di morte e picchiato

calcio

Anche Mayweather alla festa nello spogliatoio della Juve per la Supercoppa

SOCIETA'

20 GENNAIO

Torna la domenica ecologica: limitazioni al traffico all'interno delle tangenziali Mappa

la storia

Il piccolo migrante annegato con la pagella cucita addosso (reso noto da una vignetta)

MOTORI

CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross

PROMOZIONE

Suv, l'offensiva "doppio zero" di Hyundai