14°

26°

Arte-Cultura

Al Nord tutto di nuovo

Al Nord tutto di nuovo
Ricevi gratis le news
0

Sono tanti e sono agguerritissimi. Hanno nomi come Larsson, Persson, Mankell, Nesser, Lapidus, Ekman... e sono il sostenuto manipolo di giallisti «vichinghi» che ha iniziato - da una decina d’anni ormai - il lento ma inesorabile assedio alle classifiche editoriali internazionali. Questi «guerrieri» venuti dal Nord Europa, armati solo di penna e Pc, hanno le idee molto chiare e senza ombra di modestia uno di loro (l'islandese Arnaldur Indridason edito in Italia da Guanda) arriva persino ad affermare «abbiamo successo probabilmente perché siamo i migliori»... In ogni caso, il loro successo è davvero di un’evidenza indiscutibile. Prova ne sia il fatto che, proprio in questi giorni, è nei primissimi posti in classifica l’intera trilogia di Stieg Larsson (Marsilio), il giallista svedese ormai entrato nella leggenda per essere morto d’infarto nel 2004, a soli cinquant'anni, appena dopo aver consegnato al proprio editore il manoscritto che conteneva i tre volumi della «Millenium Trilogy». Complice dell’ottimo posizionamento è la recente uscita del terzo romanzo, «La regina dei castelli di carta», l’attesissimo atto finale che ha per protagonista il giornalista finanziario Mikael Blomkvist sempre affiancato dalla regina degli hacker Lisbeth Salander. Sulle ragioni di un successo (di pubblico e di critica) così importante si sono interrogati i critici, gli editori e gli stessi scrittori, ma non è sempre facile arrivare alle radici di un boom letterario di queste dimensioni (solo per fare alcuni numeri i giallisti nordeuropei, in gran parte svedesi, pubblicati in Italia sono una trentina, di cui una buona metà si trova nella scuderia della Marsilio). In ogni caso, per capire cosa può spiegare la «calata» scandinava nelle nostre classifiche si è parlato delle atmosfere «esotiche», malinconiche e ovattate. È stata anche chiamata in causa l’universalità dei valori e delle domande su cui il poliziesco nordico costruisce le proprie trame, con un atteggiamento etico che - attingendo al rigore luterano - mette in campo una feroce critica politico-sociale al welfare state svedese. Ma ci si è rivolti anche a ragioni più specificamente socio-culturali: in Svezia gli indici di lettura sono il doppio rispetto a quelli italiani, per cui il numero stesso degli scrittori è molto alto, anche perché gli svedesi amano profondamente la propria lingua. Inoltre la maggiore cerebralità del giallo nordico in stretta relazione con un più intimo rapporto con la natura e col maggior tempo libero a disposizione sarebbero, secondo qualcuno, altrettante ragioni che avrebbero favorito l’onda lunga scandinava. Uno di questi scrittori in un’intervista, non senza una buona dose di lugubre autoironia, ha affermato: «la gente da noi è depressa per più di sei mesi all’anno perché non vede il sole. Poi, quando arriva, tutti impazziscono, in attesa che tramonti di nuovo. Il nostro carattere è bipolare, come quello dei maniaci depressivi»... Comunque stiano le cose, questi macabri ma altrettanto impertinenti nipotini di Pippi Calzelunghe (per inciso la scrittrice svedese Karin Alvtegen, pubblicata da Rizzoli e Ponte alle Grazie, è realmente la pronipote di Astrid Lindgren, la creatrice di Pippi Calzelunghe) hanno un’alta consapevolezza del loro status di scrittori. La norvegese Anne Holt, già ministro della Giustizia (in Italia esce con Einaudi), ha affermato: «(noi scrittori nordici) abbiamo un tratto in comune: siamo considerati autori ''seri'' e non di genere».

Il problema del genere, che sembra in effetti compromettere pesantemente la credibilità letteraria di molti scrittori angloamericani e di casa nostra, non pare di fatto toccare il poliziesco scandinavo, che vanta la propria discendenza dalla coppia di scrittori Maj Sjöwall e Per Wahlöö, moglie e marito. Definiti i «Simenon scandinavi», «autori del primo giallo socialdemocratico», Siöwall e Walöö (marxisti dichiarati) fra il 1965 e il 1975 (anno della morte di Wahlöö) hanno scritto dieci romanzi per i quali si è parlato di una «comédie humaine» alla Balzac in chiave poliziesca. I loro romanzi sono un affondo nel male di vivere della società neocapitalista svedese, che mirando all’opulenza ha perso di vista i valori umani più veri. Sette sinora quelli editi in Italia da Sellerio, l’ultimo dei quali, appena uscito nelle librerie, è «L'uomo che andò in fumo», dove il «commissario seriale» Martin Beck (il «Maigret svedese» per tornare al parallelismo simenoniano) deve indagare sulla scomparsa di un giornalista di successo, ma dalla pessima reputazione. Già Henning Mankell, lo scrittore svedese più tradotto al mondo (in Italia da Marsilio) ha più volte sottolineato con forza e con orgoglio l’eredità che lega i giallisti nordici al lavoro di Sjöwall e Wahlöö e il norvegese Jo Nesbø (Piemme) ha dichiarato che sono stati proprio loro a «liberare il giallo dalla letteratura di genere restituendogli credibilità e autorevolezza». D’altro canto, è esattamente questa spietata visione etica della società e delle sue inquietudini a farsi vera protagonista dell’intero corpus del poliziesco scandinavo: intorno a questo tema si costruiscono i gialli degli svedesi Leif Persson, Liza Marklund (della quale è da poco uscito con Marsilio «Il lupo rosso»), Åsa Larsson, Arne Dahl, Kjell Erikson, Camilla Lackberg (tutti editi in Italia da Marsilio), Roslund e Hellström (Cairo), Hakan Nesser (Guanda), Johan Theorin (Mondadori), dei norvegesi Kjell Ola Dahl (Marsilio) e Karin Fossum (Frassinelli), come pure dell’islandese Arnaldur Indridason, di cui è recentemente uscito con Guanda «Un corpo nel lago», romanzo in cui il ritrovamento di uno scheletro nelle acque di un lago porta l’agente Erlendur Sveinsson a indagare su di una rete spionistica del Patto di Varsavia: un giallo cupo e senza redenzione che affonda le sue radici nella storia passata e presente dell’Islanda. Una posizione particolare occupa poi lo svedese John Ajvide Lindqvist, scrittore di razza che ha saputo costruire horror metaforici di estremo interesse e di grande spessore letterario (editi da Marsilio).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore senza paura!": dai libri al porno, un tuffo negli anni della rivoluzione Video Foto

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

musica

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tutte le foto del  royal baby

FOTOGALLERY

Tutte le foto del royal baby

Lealtrenotizie

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò

FORNOVO

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò Video

Scarpa e Pezzuto: "Sottovalutate le segnalazioni sulla vetustà e cattiva manutenzione dei mezzi"

1commento

tg parma

Punta un'arma contro la fidanzata del figlio: paura in via Rezzonico Video

il fatto del giorno

Botte alla compagna sotto gli occhi della figlia: condannato Video

tg parma

Cerca di fuggire: pusher "placcato" e arrestato dai carabinieri in Viale Vittoria Video

Un cittadino polacco è stato denunciato per furto

2commenti

SPORT

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

L'offerta è stata fatta dall'Istituto per il credito sportivo (Ics). Il Parma Calcio 1913 rassicura i tifosi: "Parteciperemo alla prossima asta pubblica"

9commenti

PARMA

Incendio in uno scantinato: vigili del fuoco in zona San Lazzaro

E' successo in via Bondi

LUTTO

Addio a Oddi, pilastro dell'Audace

tg parma

Ok al bilancio di Fondazione Cariparma e via libera al nuovo Cda Video

la segnalazione

"Il parcheggio dell'Ercole Negri pericolosamente al buio da troppo tempo"

PARMA

Uno sprint al tramonto: il 4 maggio torna la Cetilar Run

Ecco il percorso della manifestazione: 8 chilometri dal Parco Ducale alla Cittadella

Parma

Vandalismi all'Itis, la preside chiude il bagno

Soragna

I ragazzini rapinati: abbiamo ancora paura

'NDRANGHETA

Gigliotti deve restare in cella: no del gip alla scarcerazione

FELINO

Invalida per finta e denunciata per davvero

Sosta con un permesso falso sullo stallo per disabili in via Brigate Alpine: un'automobilista originaria del Napoletano scoperta e indagata dai vigili

1commento

IL CASO

Massacro di via San Leonardo, chiesto il rinvio a giudizio di Solomon

PARMA

Casa nel Parco: gioco e lavoro vanno a braccetto Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Governo, quante baruffe. E l'interesse del Paese?

1commento

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

londra

Per il giudice Alfie può andare a casa, ma non in Italia. I medici frenano

piacenza

Due discoteche chiuse per alcol a minorenni

SPORT

CHAMPIONS

La Roma si sveglia tardi: il Liverpool vince 5-2

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

SOCIETA'

social

Da odio a sesso, le linee guida di Facebook sui post vietati

curiosità

La filastrocca sull'aereo Pippo recitata nei luoghi di Parma sotto le bombe Video

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento