17°

27°

Arte-Cultura

Palatina, il mito che rivive

Palatina, il mito che rivive
Ricevi gratis le news
0

di Giuseppe Marchetti
C'era già, ben vivo da anni e vivacemente operante «Il Raccoglitore», quindicinale della «Gazzetta» preparato da Mario colombi Guidotti e Francesco Squarcia, quando, all'inizio del 1957, s'avviava l'avventura di «Palatina», rivista trimestrale di lettere e arti, diretta da Roberto Tassi con una redazione composta da Attilio Bertolucci, Gian Carlo Artoni, Giorgio Cusatelli, Francesco Squarcia e Giuseppe Tonna, redazione che in seguito si arricchì dei contributi di Gian Carlo Conti e Mario Lavagetto. «Palatina», che godeva  del robusto impegno economico di Pietro Barilla, s'intitolava così naturalmente prendendo a prestito il nome della maggiore biblioteca cittadina tra le più celebri dell'Italia Settentrionale. Due le direttrici di ricerca della rivista già così chiaramente delineate dal direttore: «sensibilità romantica, popolare, terrestre, padana» da un lato e, dall'altro, sensibilità «correggesco-stendhaliana-proustiana». Due linee di superba letteratura, concedente tuttavia alla categoria della «provincia» un'ombra di snobismo per niente politico o sentimentale. «Palatina» visse nove anni, assolvendo i propri compiti (sì, davvero, i propri compiti!) con lungimiranza e tenacia. Nel quadro delle riviste novecentesche (il Novecento, come si sa, è stato molte volte definito come «il secolo delle riviste») «Palatina» riveste un significato di primo piano. Vi collaborarono, oltre i nomi degli scrittori e degli artisti geograficamente vicini, Francesco e Gaetano Arcangeli, Bassani, Delfini, Pasolini, D'Arzo, Cavani, Ponzini, Giuseppe Raimondi, molti altri «amici» Fenoglio, Testori, Sereni, Moravia, Gadda, Anna Banti, Siciliano, Citati, Caproni, Luzi, Bo, Solmi, Calvino, e stranieri: Butor, Starobinski, Spitzer, Roxroth. Nutrita poi anche la pattuglia dei parmigiani che, oltre ai redattori, contava l'assidua collaborazione di Gian Paolo Minardi, Viola, Bertoli, Bernini, Bevilacqua, Turchi, Marchesi, Sibilio, Furlotti e Augusta Ghidiglia Quintavalle. Siffatta prestigiosissima storia viene adesso ripresa - ma certamente senza intenzioni imitative -  da «La nuova Palatina»  diretta da Paolo Dalcò per Leonardo Publishing, con il coordinamento redazionale di Maria Cristina Alfieri e Armando Minuz, che verrà presentata alla Libreria Feltrinelli giovedì alle 18 dal direttore Dalcò, da Giorgio Belledi e da Armando Minuz. Questa nuova pubblicazione a scadenza trimestrale, si propone - scrive Dalcò -  di «dare voce alla letteratura, spesso abbandonata e assente nei programmi televisivi o nelle pagine dei giornali e dei periodici». La rivista non conterrà inserti pubblicitari, proponendosi, invece, di suggerire letture le più diverse anche nei riguardi dei cosiddetti temi e problemi alla moda che infestano molte pubblicazioni periodiche. Sarà aperta agli scrittori già affermati e agli esordienti di valore. Sul numero zero troviamo, ad esempio, un capitolo  del nuovo libro di Giorgio bocca «E' la stampa, bellezza!» ma anche un interessante recupero  dall'altra «Palatina» cioè il racconto «Prime Letture» di Cassola che uscì nel '57, e inoltre racconti di Valerio Varesi e Ettore De Bortoli, Giuseppe Marcenaro recensito per il suo «Cimiteri, storie di rimpianti e di follie» e Marco Cassini. Il confronto fra le due riviste resta, per ora, impossibile. Sono due mondi e due modi di concepire la letteratura molto diversi, se non addirittura opposti. Vedremo, dunque come l'iniziativa di Paolo Dalcò proseguirà e prenderà corpo senza cedere alle sirene della pubblicità e della quantità delle copie vendute. Parlando di «Palatina», affiora alla memoria curiosamente una trepida poesia di Artoni uscita nel numero di aprile-giugno 1960, che sembra la figurazione metaforica della rivista intesa quale pianta nel proprio ideale terreno. La lirica, che s'intitola «Come nasce una pianta», dice: «Come nasce una pianta, dolcemente/  maturata nel morbido calore / del suolo e nella prima / foglia è già la dischiusa / vampa serbata al seme lungo il corso / dell'inverno, una fragile radice / si sprofonda nel buio / della terra inglorioso, come mano / protesa alla materna / tenerezza: io non so più se fiamma / languida o se radice / buia accompagna questo nostro andare / nel mondo, non so ancora / se di vento o di terra son formate / queste nostre parole che ogni giorno / tornano e vanno».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Sicurezza, stamane incontro al Viminale tra Pizzarotti, Casa e il sottosegretario Molteni

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

Viabilità

Via Europa, apre il cantiere. E partono le code

1commento

Formaggio

Il caseificio dove il parmigiano è questione di fede. Ebraica

1commento

BIMBO CONTESO

Fuggì in Spagna con il figlio, condannato a 1 anno

carabinieri

E prima della campanella arriva anche il cane anti-droga: controlli davanti alle scuole Foto Video

Al parco Ducale trovata droga nascosta sugli alberi

SICUREZZA

Il sindaco a Presadiretta: "Chiediamo al governo un presidio permanente in stazione"

Il primo cittadino, che oggi sarà al Viminale, proporrà anche un aumento di organico per le Forze dell'Ordine

16commenti

38 anni dopo

Strage di Bologna: ultimo sopralluogo sulle macerie, poi l’analisi dei frammenti a Parma

CORCAGNANO

Piazza Indipendenza off limits, scattano le proteste

ROCCABIANCA

Profughi, soluzione alternativa a via Verdi

1commento

Fidenza

La carica dei 300 scolaretti dalla Collodi all'ex Agraria

CONSIGLIO COMUNALE

Un semaforo pedonale in viale Fratti

Sarà all’altezza del polo pediatrico

1commento

Teatro

Cevoli: «Il mio Rossini? Un mattacchione»

Fidenza

36enne apre conti bancari (veri) con documenti falsi: scoperta, denunciata e arrestata

tar

(Chiusura) Open shop di via Bixio, Comune condannato al risarcimento

6commenti

12 tg parma

Rave party nella golena del Po: 539 denunciati

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Pietro Barilla, storia di un padre

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

ITALIA/MONDO

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: uno è morto

REGGIO EMILIA

Bidello di un asilo accusato di violenza su un bimbo di 4 anni

SPORT

USA

Giovane promessa del golf trovata morta sul campo in Iowa

SERIE A

La Spal stende l'Atalanta con la doppietta dell'ex Petagna

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

gossip

Il re delle notti? "Troppo noioso", la moglie lascia Bob Sinclar

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design