17°

28°

Collettiva

Sei autori a Mixedmedia

Prosegue la rassegna dedicata all’arte parmigiana

Sei autori a Mixedmedia
Ricevi gratis le news
0

 

Manuela Bartolotti
Mixedmedia. Il titolo della nuova mostra all’Associazione Gaibazzi (fino al 23 novembre) dovrebbe spiegare la varietà e la mescolanza di mezzi artistici, dei tramiti espressivi. Sono sei gli autori, apparentemente distanti: Francesco Barilli, Enrico Bignetti, Alessandro Giordani, Lufer (Luca Ferraglia), Antonella Mazzoni, Simone Racheli. Cos’hanno a che vedere le scenografie viaggianti, le stanze del sogno e della memoria di Barilli con le sconcertanti metamorfosi anatomiche di Racheli? E le rielaborazioni tra pop e concettuale delle foto di Ghirri attuate da Antonella Mazzoni con i riciclaggi di Lufer? Le inquietanti favole sotto plexiglass di Giordani hanno un qualche contatto con le provocazioni mentali e le meditazioni zen di Bignetti? 
Questi media mescolati hanno forse il comune denominatore di un sogno, di un’evoluzione fantastica che muove da oggetti recuperati, ricollocati, rigenerati nel loro significato e nel loro valore espressivo. E’ un’operazione concettuale partita da un certo Surrealismo e poi spinta al massimo dal Ready Made: la creazione è fatta di ricombinazione, rimescolanza di cose, immagini comuni ma che assumono nuovo senso se ricontestualizzati, divengono forme simboliche di forte evocazione oppure creano uno scarto, un corto circuito nella nostra mente, inducendo il dubbio dopo un turbamento iniziale. E se per Barilli è ben ravvisabile l’impostazione scenografica, registica dei suoi quadri, per gli altri l’introduzione a questo viaggio nelle più remote anse del pensiero, è magari meno accattivante, ma giocato quasi sempre con ironia. Così sono infatti opere come «Anatomica colf», interiora in forma d’aspirapolvere di Racheli, le figure poetiche, fiabesche, oniriche imprigionate nel plexiglass di Giordani, le creature grottesche e ancestrali fatte di materiali di recupero di Lufer, le combinazioni fuori tempo e spazio di Bignetti, le carte e i cappelli, metafore fantastiche di Barilli. Mazzoni con i suoi magneti sul frigorifero ammonisce che «l’arte non dice mai la verità». Forse. Non dice, ma indica la strada, anzi le innumerevoli strade per raggiungerla, per avvicinarla. Anche i mixedmedia dunque.
Manuela Bartolotti

 

Mixedmedia. Il titolo della nuova mostra all’Associazione Gaibazzi (fino al 23 novembre) dovrebbe spiegare la varietà e la mescolanza di mezzi artistici, dei tramiti espressivi. Sono sei gli autori, apparentemente distanti: Francesco Barilli, Enrico Bignetti, Alessandro Giordani, Lufer (Luca Ferraglia), Antonella Mazzoni, Simone Racheli. Cos’hanno a che vedere le scenografie viaggianti, le stanze del sogno e della memoria di Barilli con le sconcertanti metamorfosi anatomiche di Racheli? E le rielaborazioni tra pop e concettuale delle foto di Ghirri attuate da Antonella Mazzoni con i riciclaggi di Lufer? Le inquietanti favole sotto plexiglass di Giordani hanno un qualche contatto con le provocazioni mentali e le meditazioni zen di Bignetti? Questi media mescolati hanno forse il comune denominatore di un sogno, di un’evoluzione fantastica che muove da oggetti recuperati, ricollocati, rigenerati nel loro significato e nel loro valore espressivo. E’ un’operazione concettuale partita da un certo Surrealismo e poi spinta al massimo dal Ready Made: la creazione è fatta di ricombinazione, rimescolanza di cose, immagini comuni ma che assumono nuovo senso se ricontestualizzati, divengono forme simboliche di forte evocazione oppure creano uno scarto, un corto circuito nella nostra mente, inducendo il dubbio dopo un turbamento iniziale. E se per Barilli è ben ravvisabile l’impostazione scenografica, registica dei suoi quadri, per gli altri l’introduzione a questo viaggio nelle più remote anse del pensiero, è magari meno accattivante, ma giocato quasi sempre con ironia. Così sono infatti opere come «Anatomica colf», interiora in forma d’aspirapolvere di Racheli, le figure poetiche, fiabesche, oniriche imprigionate nel plexiglass di Giordani, le creature grottesche e ancestrali fatte di materiali di recupero di Lufer, le combinazioni fuori tempo e spazio di Bignetti, le carte e i cappelli, metafore fantastiche di Barilli. Mazzoni con i suoi magneti sul frigorifero ammonisce che «l’arte non dice mai la verità». Forse. Non dice, ma indica la strada, anzi le innumerevoli strade per raggiungerla, per avvicinarla. Anche i mixedmedia dunque.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

sicurezza

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

anteprima gazzetta

"La (poca) sicurezza a Parma sta diventando un caso nazionale"

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

gazzareporter

"Acqua alta" in un vagone del treno Bologna-Milano

centro

Ponte Romano, lavori finiti: apertura confermata il 7 ottobre Video

Parma (e regione)

Ondate maltempo 2016-2107, entro il 23 ottobre le domande di risarcimento

Viabilità

Via Europa, apre il cantiere. E partono le code

2commenti

la festa

Serata Dadaumpa: beneficenza a pubblica e Croce rossa  Gallery

Formaggio

Il caseificio dove il parmigiano è questione di fede. Ebraica

1commento

BIMBO CONTESO

Fuggì in Spagna con il figlio, condannato a 1 anno

carabinieri

E prima della campanella arriva anche il cane anti-droga: controlli davanti alle scuole Foto Video

Al parco Ducale trovata droga nascosta sugli alberi

Ambiente

Dall'Olio dà mandato ai legali per diffamazione (contro M5S Forlì)

lavori

San Prospero, il fosso sarà ripulito e coperto. E nascerà un (agognato) marciapiede

SICUREZZA

Il sindaco a Presadiretta: "Chiediamo al governo un presidio permanente in stazione"

Il primo cittadino, che oggi sarà al Viminale, proporrà anche un aumento di organico per le Forze dell'Ordine

16commenti

38 anni dopo

Strage di Bologna: ultimo sopralluogo sulle macerie, poi l’analisi dei frammenti a Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

MONZA

Portata in Pakistan con l'inganno chiede aiuto (con una lettera) a scuola

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: la più piccola è morta

SPORT

CHAMPIONS

Magie di Icardi e Vecino, l'Inter vince all'ultimo respiro

Juventus

Sputo (gomitata e testata) a Di Francesco: 4 giornate a Douglas Costa

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

gossip

Il re delle notti? "Troppo noioso", la moglie lascia Bob Sinclar

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design