12°

26°

Arte-Cultura

Labirinto dell'anima

Labirinto dell'anima
Ricevi gratis le news
0

Giuseppe Marchetti

Non v'è dubbio che «Canti del caos» di Antonio Moresco rappresenti oggi il maggior esperimento narrativo degli ultimi trent'anni, paragonabile solo all'«Horcynus Orca» di D'Arrigo e al precedente affaticato e incompleto «Cognizione del dolore» di Gadda. Antonio Moresco pubblica finalmente da Mondadori questo romanzo  che per sua natura non sarà mai completo e perfettamente racchiuso  in un perimetro preciso, un romanzo che si dilata e si restringe  per merito (o per colpa!) del proprio naturale espressionismo  violento, dissacrante e intimamente fauve. Ma anche intimamente  grottesco e dolente. Moresco è un narratore che non aspetta il proprio lettore standosene rannicchiato dentro le pagine: lo stana, lo compromette, lo trascina e poi lo abbandona all'istinto perché possa aggirarsi stupefatto e incredulo dentro un romanzo scoppiato  che tuttavia cerca di ricomporsi (senza riuscirsi mai) aldilà del fatto narrativo vero e proprio. «Canti del caos» è, appunto, la narrazione del Caos che è in  noi, come  diceva Pirandello: Caos e Caso serpeggianti senza regole  dentro l'umanità, ed è anche, per insistentissima testimonianza dell'autore, la storia del suo dissennato inseguire l'editore, metafora suprema  del non sapersi rivelare ponendosi sul sentimento normale dell'esistenza.

Fatti che Moresco in parte aveva già raccontato in «Gli esordi» (Feltrinelli '98) il romanzo che lo rivelò, e che poi è stato ripreso , arricchito  e in gran parte riscritto in «Lettere a nessuno» (Bollati Boringhieri '97 e Einaudi '08), un testo di condanna del mondo editoriale  nostrano, ma anche di palese confessione d'impotenza e di non appartenenza a tale perverso meccanismo. Non un romanzo, dunque, bensì  un saggio di scandalosa confessione autobiografica. «Canti del caos» riassume e ripropone l'immenso tutto di Moresco in tre parti che sono le stazioni di un cammino  lunghissimo e mai finito: quel cammino che, pur con altre intenzioni, aveva intrapreso Pasolini in «Petrolio»: narrare tutti i possibili anfratti del carattere umano senza fermarsi davanti alle difficoltà dei sessi, delle opinioni sociali e religiose, dell'onorabilità ipocrita e di tutto quanto si può oppure ignobilmente tacere. Moresco compone dunque una macchina rivelatrice che scava da ogni parte impossessandosi di rifiuti, scorie, lacrime, sorrisi, sangue, sperma, parole, violenze, pagliacciate e contraddizioni le più diverse. Non arretra mai,  non si pente, e usa tutti gli stratagemmi che conosce per penetrare la realtà umana sino alla più vergognosa degradazione. Ecco il suo espressionismo: che è, poi, l'esito alto del suo romanzo, ma anche la sua rovina e la spia della debolezza strutturale dell'impianto narrativo complessivamente osservato.

Forse, però, Moresco non vuole giungere a un tal punto: gli basta  aver buttato nel vortice del vulcano, che erutta continuamente, se  stesso e i suoi personaggi-simboli che vengono chiamati a collaborare al romanzo, non scriverlo, perché per scriverlo si esibisce solo Antonio Moresco, quell'uomo che è in grado di gridare Io all'infinito gestendo così il mondo della propria e dell'altrui  sorte tra fughe, inseguimenti, eiaculazioni, corpi in disfacimento,  scheletri e perversioni che feriscono le mille pagine del libro  e della sua carne risentita e purulenta. Di questo passo, dove  si arriva? Si arriva alla concezione di una palingenesi finale  dalla quale spunta il nome di Dio mentre lo scrittore sta morendo «all'incontrario, all'indietro, senza essere nato e neppure concepito»: dunque un sostanziale Nulla che si ripercuote nella non-creazione del tempo che sarà. A questo punto la concezione del romanzo non ha più scopo alcuno e abbandona se stessa diventando un pensiero lontano, astratto, indifferente. Il caos precipita nel silenzio che è il suo aldilà senza storia e senza voce. Quante parole di scherno e di crudeltà per giungere a questo estremo!
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

PARMA

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

Cina

FOTOGRAFIA

Le città del futuro e le case come alveari: la Cina "mai vista" Video

Avicii, l'ex fidanzata pubblica foto e chat su Istagram. La rabbia dei fan Foto

social network

Avicii, l'ex fidanzata pubblica foto e chat su Instagram. La rabbia dei fan Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

De André a  “Rimini”

IL DISCO

De André a “Rimini”

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Ambulanza

PARMENSE

Doppio incidente con auto fuori strada: morti due uomini a Coltaro e Pastorello

Le vittime sono Federico Miodini, precipitato con l'auto a Pastorello, e Luigi Bertolotti

indagini

Alcol a bimba di 4 anni: famiglia denunciata per maltrattamenti

I protagonisti della vicenda abitano a Parma

2commenti

tg parma

Mille persone a Corcagnano per ricordare Giulia Demartis Video

scomparso

Alla ricerca di Claudio: elicottero e squadre di terra a San Secondo e Cozzano

VERITA' CHOC

Il bimbo morto a 18 mesi aveva assunto metadone

5commenti

infortuni

Infermeria Parma calcio, cattive notizie per Munari e Lucarelli

3commenti

viabilità

Terrore in tangenziale Nord: auto contromano in corsia di sorpasso

2commenti

viale pasini

Parcheggio conteso: medico impugna spadino contro infermiere

3commenti

boretto

Spinto giù dalla finestra durante una lite: denunciato un 22enne residente a Parma

1commento

TRAVERSETOLO

Muore colpito alla testa da una fontana di cemento

2commenti

Vigolante

Ladro in giardino, immortalato dalla telecamera

1commento

cosa fare oggi

Domenica al profumo di fiori e di prugnoli: l'agenda

Centro Torri

Ruba bottiglie di liquore. Scoperto, se le beve

3commenti

gazzareporter

Tutti di corsa a... Langhirun Foto

INCIDENTI

Schianto in tangenziale nella notte: in quattro all'ospedale

VAL D'ENZA

Torna la fiera di San Marco a Montecchio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La generazione che rinuncia a educare i propri figli

di Michele Brambilla

1commento

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

GRAN BRETAGNA

Parata di star per i 92 anni di Elisabetta II

FURTI

Romano Prodi è dal Papa, i ladri svaligiano la sua casa a Bologna

SPORT

Calcio

Parma, tre punti costosi

MotoGp

Marquez penalizzato: da primo a quarto in griglia

SOCIETA'

tg parma

The Cos-Fighters: in arrivo il secondo Albo del fumetto tutto parmigiano Video

low cost

Aerei, arrivano i sedili a forma di sella da cavallo per l'ultima classe Foto

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Bmw M2 Competion, 410 Cv più "democratici"

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover