16°

28°

libri

Michele Serra racconta la storia di un uomo

...e del suo indisciplinato figlio adolescente

Michele Serra

Michele Serra

Ricevi gratis le news
0

Paolo Ferrandi

 

 In principio era lo scarpone. E la pedula era il padre ed era presso il padre.  Prometteva, come in «Lessico famigliare» di Natalia Ginzburg, lunghe passeggiate silenziose sul crinale, la fatica dell’ascesa con il basto dello zaino che ti spacca le spalle, distanti dai sentieri tranquilli dei «sempi»  – gli stupidi, cioè, a uno sguardo meno arcigno, la gente normale – quelli che «vanno in montagna con le Superga solo per  fare colazione al rifugio». 
Allora il passaggio di consegne tra padre e figlio era una cerimonia semplice come il regalo dell’iscrizione al Club alpino o, nei casi più gravi, della doppietta (non del fucile automatico, però, perché «mica siamo bresciani che sparano agli uccellini»). 
Poi vennero le sneaker, le scarpe da ginnastica, e l’ordine del mondo crollò, assieme alla gerarchia padre-figlio, lasciando posto al Grande Arconte del caos, dei tatuaggi, degli stravaccamenti sul divano, dei posacenere pieni di cicche, dei lavelli con i piatti non rigovernati e delle cuffiette sempre attaccate alle orecchie. 
Una cosa capace di far uscire dai gangheri non solo il padre archetipico del «ti mando alla Nunziatella, così ti raddrizzano la schiena», ma pure il papà più mollemente accondiscendente che siamo diventati un po’ tutti.  
Ma il padre, voce narrante di «Gli sdraiati» di Michele Serra, non si rassegna.
 E tenta inutilmente – in un basso continuo che accompagna la storia – di attirare il figlio sul sentiero che porta al mitico – di una mitologia minore, però, familiare – Colle della Nasca dove nel blu del cielo è nascosto il nero dell’universo e dove le cose, ovviamente, si mostrano nella luce della creazione. 
Lo blandisce, questo figlio, lo implora, lo scongiura; arriva a pensare di pagarlo o di spezzargli la schiena a bastonate (la schiena e la spina dorsale sono parte del principio di autorità e appartengono al padre). 
In attesa che il miracolo si compia Serra descrive il mondo del figlio, il suo affacendarsi distratto in mille cose contemporaneamente (possibilmente da sdraiato); il suo lasciare le porte aperte, le luci accese, l’acqua del cesso non tirata con la maestria del demone dell’imperfezione; il suo modo di vestire sciatto, metodicamente – e costosamente – sciatto pieno di felpe informi, ma firmate. Magistrale nel suo sarcasmo è la descrizione dei negozi di Polan&Doompy (vabbè, avete capito) con i modelli bellissimi  che stazionano tra i clienti e le ventate di profumo dolciastro spruzzate addosso a tutti. In mezzo anche un intermezzo distopico – che, purtroppo, assomiglia all’ultimo Benni – con la narrazione della guerra tra i giovani e i vecchi. 
Però la bellezza del libro non è tanto nelle parole spese per circoscrivere l’entropia esistenziale del figlio, ma  nel non detto in cui si mostra la paranoia classificatrice del padre. E proprio  quando questo ordine paterno stereotipato cede nell’acido dei dubbi arriva la riconciliazione. 
In questo ritorno a casa del figlio che è anche un allontanarsi del padre dalla sua vita – «Finalmente potevo diventare vecchio», è la frase finale – sta il senso dell’eredità più autentica, quella che non si può svendere per un piatto di lenticchie perché, appunto, immateriale. 
Gli sdraiati
Feltrinelli, pag. 108, 12,00
 In principio era lo scarpone. E la pedula era il padre ed era presso il padre.  Prometteva, come in «Lessico famigliare» di Natalia Ginzburg, lunghe passeggiate silenziose sul crinale, la fatica dell’ascesa con il basto dello zaino che ti spacca le spalle, distanti dai sentieri tranquilli dei «sempi»  – gli stupidi, cioè, a uno sguardo meno arcigno, la gente normale – quelli che «vanno in montagna con le Superga solo per  fare colazione al rifugio». Allora il passaggio di consegne tra padre e figlio era una cerimonia semplice come il regalo dell’iscrizione al Club alpino o, nei casi più gravi, della doppietta (non del fucile automatico, però, perché «mica siamo bresciani che sparano agli uccellini»). Poi vennero le sneaker, le scarpe da ginnastica, e l’ordine del mondo crollò, assieme alla gerarchia padre-figlio, lasciando posto al Grande Arconte del caos, dei tatuaggi, degli stravaccamenti sul divano, dei posacenere pieni di cicche, dei lavelli con i piatti non rigovernati e delle cuffiette sempre attaccate alle orecchie. Una cosa capace di far uscire dai gangheri non solo il padre archetipico del «ti mando alla Nunziatella, così ti raddrizzano la schiena», ma pure il papà più mollemente accondiscendente che siamo diventati un po’ tutti.  Ma il padre, voce narrante di «Gli sdraiati» di Michele Serra, non si rassegna. E tenta inutilmente – in un basso continuo che accompagna la storia – di attirare il figlio sul sentiero che porta al mitico – di una mitologia minore, però, familiare – Colle della Nasca dove nel blu del cielo è nascosto il nero dell’universo e dove le cose, ovviamente, si mostrano nella luce della creazione. Lo blandisce, questo figlio, lo implora, lo scongiura; arriva a pensare di pagarlo o di spezzargli la schiena a bastonate (la schiena e la spina dorsale sono parte del principio di autorità e appartengono al padre). In attesa che il miracolo si compia Serra descrive il mondo del figlio, il suo affacendarsi distratto in mille cose contemporaneamente (possibilmente da sdraiato); il suo lasciare le porte aperte, le luci accese, l’acqua del cesso non tirata con la maestria del demone dell’imperfezione; il suo modo di vestire sciatto, metodicamente – e costosamente – sciatto pieno di felpe informi, ma firmate. Magistrale nel suo sarcasmo è la descrizione dei negozi di Polan&Doompy (vabbè, avete capito) con i modelli bellissimi  che stazionano tra i clienti e le ventate di profumo dolciastro spruzzate addosso a tutti. In mezzo anche un intermezzo distopico – che, purtroppo, assomiglia all’ultimo Benni – con la narrazione della guerra tra i giovani e i vecchi. Però la bellezza del libro non è tanto nelle parole spese per circoscrivere l’entropia esistenziale del figlio, ma  nel non detto in cui si mostra la paranoia classificatrice del padre. E proprio  quando questo ordine paterno stereotipato cede nell’acido dei dubbi arriva la riconciliazione. In questo ritorno a casa del figlio che è anche un allontanarsi del padre dalla sua vita – «Finalmente potevo diventare vecchio», è la frase finale – sta il senso dell’eredità più autentica, quella che non si può svendere per un piatto di lenticchie perché, appunto, immateriale. 
Gli sdraiati - Feltrinelli, pag. 108, 12,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

5commenti

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

8commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

verdi off

Bianchi, rossi, verdi: variazioni (e sorrisi) a tema pic-nic al Parco Ducale Foto

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

ASTI

Il pick-up del padre lo investe: muore un bimbo di tre anni

SPORT

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

Tour Championship

Il ritorno della tigre: tutti pazzi per Tiger Woods Video

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

LA PROVA

Kia Sportage diventa «Mild Hybrid»

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse