10°

23°

Ricordando Giambattista Bodoni

«I giornali vengono da lontano ma non fanno parte del passato»

Ferruccio de Bortoli: «C'è un rapporto intimo tra il lettore e il suo quotidiano»

Teatro Regio - Convegno Bodoni Osservatorio Permanente Giovani

Teatro Regio - Convegno Bodoni Osservatorio Permanente Giovani

Ricevi gratis le news
0

 

Mara Varoli
I coinvolgenti e attuali interventi della prima giornata, con Massimo Vignelli, Marta Bernstein, Paolo Barilla e il vice presidente The Washington Post Marcus Brauchli, sono proseguiti ieri al teatro Regio, per ripensare a Giambattista Bodoni e al «Segno Italiano»: la due giorni dell'Osservatorio permanente giovani - editori e della Fondazione Cariparma. 
E una delle chiavi di lettura di questa seconda giornata è stata sicuramente portata avanti dal contributo del direttore del «Corriere della Sera» Ferruccio de Bortoli: «Celebriamo Bodoni e celebriamo la grande tradizione italiana, che è quella dell'estetica della parola. Il rapporto con il giornale è un rapporto intimo, intellettuale, privato e che esercita una sua fascinazione: la forma del giornale e la forma del libro sopravvivono al mondo della rete. Il lettore sull'iPad preferisce ritrovare l'esperienza di un giornale che si sfoglia. Così il lettore di un libro riproduce l'esperienza di voltare le pagine, in questo rapporto intimo con qualcosa che gli appartiene. Anche nel mondo della rete c'è la necessità di riprodurre, magari artificialmente, quel rapporto personale con il giornale e con il libro. E questo esalta la funzione di una grafica, che presenta ai lettori i contenuti di un giornale secondo una gerarchia di importanza, in una maniera piacevole, si spera avvincente, dando una organizzazione a quella che è la giornata che un lettore può vivere». 
Un contributo autorevole, che si evolve con l'intervista al direttore condotta da Dario Di Vico, editorialista del «Corriere» su una grafica che per servire un giornale serio non deve esagerare la spettacolarità, sull'importanza crescente dei video nei siti, sul monopolio dei giornali e sui giornalisti visti come casta, grazie anche alle questioni poste dagli oltre 400 studenti presenti in sala: «Quella dei giornalisti è una cooperazione che a volte si atteggia come casta - ha sottolineato de Bortoli -. Spesso non siamo umili e ci sostituiamo ai politici. Io, invece, vorrei che i giornalisti facessero il loro mestiere, senza vestire abiti non propri». E ancora sull'informazione gratuita, «che è la tomba del giornalismo. Una volta Ligabue mi disse - ha proseguito de Bortoli - che quando era ragazzo e riusciva a comprare un vinile, dopo tanti sforzi, era una conquista. E adesso che con internet ha tutta la musica possibile, il rapporto è cambiato. Un'informazione di qualità e di valore non può essere gratuita». Gli studenti hanno cominciato ad alzare le mani e una ragazza ha fatto una preghiera: «Che i giornali scrivano di più di scuola pubblica, in particolare di licei artistici e musicali». 
E un altro tira in ballo le raccomandazioni e nuovamente il rapporto tra cartaceo e web, tant'é che de Bortoli invia un messaggio da non dimenticare: «I buoni giornali appartengono alla famiglia, alla propria identità: vengono da lontano ma non fanno parte del passato. La rete è affascinante, ma a volte può essere luogo di disperate solitudini. Invito a riflettere sulla pigrizia multimediale: un buon giornalista non si ferma all'apparenza, ma condivide la sofferenza della popolazione in guerra». E quello che fa la Rai con le fiction civili e con i programmi più «alti» in un certo senso segue questo insegnamento: «L'obiettivo - ha spiegato il direttore generale della Rai Luigi Gubitosi - è la crescita culturale del Paese e rendere la stessa cultura più accessibile. La Rai si è affiancata al progresso dell'Italia dal Dopoguerra, dal 1954. Proprio negli anni del rifiorire di tutto quello che è Made in Italy e di tutto quello che si è costruito: è questo quello che abbiamo cercato di ricordare in alcuni dei nostri programmi. Presto faremo una fiction anche sull'autostrada del sole, che vorrà revocare il momento del boom». E ancora la fiction su Olivetti, sul maestro Manzi e sull'alfabetizzazione, tutto rivisto anche in forma di educazione. Per questo Rai 5 sarà dedicata interamente alla cultura. Programmi che fortunatamente sono visti dagli italiani e dai giovani: «Lo dimostra - ha sintetizzato Gubitosi - la fiction su Borsellino che è stata guardata da molti giovani e il programma di storia su Rai 3. Quindi non c'è solo la partita. La Rai, dopo un avvicinamento alla tivù commerciale, sta ritornando alle origini. Il nostro obiettivo non è di profitto ma di crescita culturale».
Mara Varoli
I coinvolgenti e attuali interventi della prima giornata, con Massimo Vignelli, Marta Bernstein, Paolo Barilla e il vice presidente The Washington Post Marcus Brauchli, sono proseguiti ieri al teatro Regio, per ripensare a Giambattista Bodoni e al «Segno Italiano»: la due giorni dell'Osservatorio permanente giovani - editori e della Fondazione Cariparma. E una delle chiavi di lettura di questa seconda giornata è stata sicuramente portata avanti dal contributo del direttore del «Corriere della Sera» Ferruccio de Bortoli: «Celebriamo Bodoni e celebriamo la grande tradizione italiana, che è quella dell'estetica della parola. Il rapporto con il giornale è un rapporto intimo, intellettuale, privato e che esercita una sua fascinazione: la forma del giornale e la forma del libro sopravvivono al mondo della rete. Il lettore sull'iPad preferisce ritrovare l'esperienza di un giornale che si sfoglia.
Così il lettore di un libro riproduce l'esperienza di voltare le pagine, in questo rapporto intimo con qualcosa che gli appartiene. Anche nel mondo della rete c'è la necessità di riprodurre, magari artificialmente, quel rapporto personale con il giornale e con il libro. E questo esalta la funzione di una grafica, che presenta ai lettori i contenuti di un giornale secondo una gerarchia di importanza, in una maniera piacevole, si spera avvincente, dando una organizzazione a quella che è la giornata che un lettore può vivere». Un contributo autorevole, che si evolve con l'intervista al direttore condotta da Dario Di Vico, editorialista del «Corriere» su una grafica che per servire un giornale serio non deve esagerare la spettacolarità, sull'importanza crescente dei video nei siti, sul monopolio dei giornali e sui giornalisti visti come casta, grazie anche alle questioni poste dagli oltre 400 studenti presenti in sala: «Quella dei giornalisti è una cooperazione che a volte si atteggia come casta - ha sottolineato de Bortoli -. Spesso non siamo umili e ci sostituiamo ai politici. Io, invece, vorrei che i giornalisti facessero il loro mestiere, senza vestire abiti non propri».
 E ancora sull'informazione gratuita, «che è la tomba del giornalismo. Una volta Ligabue mi disse - ha proseguito de Bortoli - che quando era ragazzo e riusciva a comprare un vinile, dopo tanti sforzi, era una conquista. E adesso che con internet ha tutta la musica possibile, il rapporto è cambiato. Un'informazione di qualità e di valore non può essere gratuita». Gli studenti hanno cominciato ad alzare le mani e una ragazza ha fatto una preghiera: «Che i giornali scrivano di più di scuola pubblica, in particolare di licei artistici e musicali». E un altro tira in ballo le raccomandazioni e nuovamente il rapporto tra cartaceo e web, tant'é che de Bortoli invia un messaggio da non dimenticare: «I buoni giornali appartengono alla famiglia, alla propria identità: vengono da lontano ma non fanno parte del passato. La rete è affascinante, ma a volte può essere luogo di disperate solitudini. Invito a riflettere sulla pigrizia multimediale: un buon giornalista non si ferma all'apparenza, ma condivide la sofferenza della popolazione in guerra». E quello che fa la Rai con le fiction civili e con i programmi più «alti» in un certo senso segue questo insegnamento: «L'obiettivo - ha spiegato il direttore generale della Rai Luigi Gubitosi - è la crescita culturale del Paese e rendere la stessa cultura più accessibile. La Rai si è affiancata al progresso dell'Italia dal Dopoguerra, dal 1954. Proprio negli anni del rifiorire di tutto quello che è Made in Italy e di tutto quello che si è costruito: è questo quello che abbiamo cercato di ricordare in alcuni dei nostri programmi. Presto faremo una fiction anche sull'autostrada del sole, che vorrà revocare il momento del boom». E ancora la fiction su Olivetti, sul maestro Manzi e sull'alfabetizzazione, tutto rivisto anche in forma di educazione. Per questo Rai 5 sarà dedicata interamente alla cultura. Programmi che fortunatamente sono visti dagli italiani e dai giovani: «Lo dimostra - ha sintetizzato Gubitosi - la fiction su Borsellino che è stata guardata da molti giovani e il programma di storia su Rai 3. Quindi non c'è solo la partita. La Rai, dopo un avvicinamento alla tivù commerciale, sta ritornando alle origini. Il nostro obiettivo non è di profitto ma di crescita culturale».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

3commenti

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

1commento

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

gazzareporter

La segnalazione: "Capolinea del bus davanti a passo carrabile?"

Mariano

«Via Parasacchi, pericolo erbacce»

libri

Jeffery Deaver, il maestro del thriller americano  torna a Parma

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

2commenti

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

l'indiscrezione

Versace in vendita a un gruppo americano?

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

1commento

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno