13°

23°

Arte-Cultura

Metamorfosi interiore

Metamorfosi interiore
Ricevi gratis le news
0

di Stefania Provinciali

"Il grande Pan è morto": il grido di terrore dell’oracolo, secondo il mito narrato da Plutarco, aveva annunciato ai marinai egei la fine dell’Olimpo. La morte di Pan, dio potente e selvaggio, con gambe e corna caprine, zampe irsute e zoccoli, con il busto umano, il volto barbuto e l’espressione terribile, era destinata a segnare la scomparsa di un’intera civiltà ed insieme la dissociazione insanabile tra Uomo e Natura. Ma quanto il mito del dio è rimasto nel cuore dell’uomo? Su questo ceppo di antica cultura classica e su quello della moderna cultura psicanalitica, le cui indagini chiedono talvolta aiuto agli antichi miti, si innesta la ricerca grafica e pittorica di Marina Burani che nella complessità della sua opera racconta di un uomo il quale accede consapevolmente al Male contravvenendo alle leggi fondamentali di una Natura sconsacrata. Un percorso, ricco di varianti, che Marina Burani delinea con sottile indagine visiva e narrativa nella mostra aperta fino al 25 aprile a Reggio Emilia, divisa fra tre spazi espositivi. Ai Musei Civici sono in mostra disegni, alcuni tratti dalla serie «Anatomia degli angeli» del 1986, altri dall’opera «Coleotterofobia» del 2008 e piccole anatomie, inserite, così come gli insetti, all’interno delle teche. Nelle stanze del Mauriziano, antica dimora dell’Ariosto, hanno invece trovato ideale collocazione ritratti ed autoritratti, alcune tavole anatomiche ed un’installazione con volti e specchi, pensata appositamente per le sale cinquecentesche dell’ala di Levante. Infine all’Officina delle Arti si possono ammirare grandi figure sdoppiate ed una wunderkammer centrale con la collezione dell’artista. La mostra si presenta complessa dal punto di vista dei contenuti poiché indaga negli angoli più nascosti della mente umana, o meglio, in quelle trame che si muovono fra silenzi e paura di un essere che con il suo oscuro rimosso, con la sua carne, con i suoi demoni, con le sue metamorfosi e regressioni verso il mondo animale mostra le proprie ambiguità. Complessa dal punto di vista della composizione creativa che racchiude il lungo percorso dell’autrice; evidenzia, infatti, il compimento ideale della ricerca sviluppata nel tempo attraverso le tematiche e le forme, qui raccolte nell’allusivo titolo. Il «grido» del dio sgorga violento ma induce a leggere tra le pieghe della mente, là dove si fa strada l’idea di bellezza. In un teatro anatomico, l’artista disegna con raffinata capacità e lenticolare esattezza il corpo umano, che poi ibrida e innesta con protomi animali «attraverso un segno di perfetta, capziosa incisività che la rende inquieta ed inquietante parente di Andreas Vesalius, il grande anatomista e sezionatore del Cinquecento» come cita Giuseppe Berti. Si ergono così le grandi tavole dipinte ad olio, dominate dal bianco e dal nero, combinato in alcuni casi ad interventi di colore con inchiostri e pastelli, tavole dove gli effetti chiaroscurali delle luci paiono scavare nell’intimo dell’immagine fino a scovarne i segreti più nascosti, passando dall’ebbrezza di Narciso agli infausti presagi di un futuro tangibile, territorio dell’«altro». Ma la mano e la mente vanno oltre e la ricerca prosegue indefessa nel cuore della natura ferita, così da delineare volti scavati dai pensieri ed orditi in una trama di inimmaginabili forme che «escono» dalla realtà concreta per mettere in atto la loro metamorfosi. Ecco allora apparire sulla scena uomini ed insetti , uniti in un connubio a tratti osceno, per l’intreccio cercato di organi vitali, di esseri diversi, ma anche e soprattutto per le depravazioni dell’umanità che traspaiono in quei volti abbruttiti in una sorta di rappresentazione dei mali. Dentro il desiderio e la volontà di celebrare la bellezza dell’essere per giungere ad una sorta di liberazione. La metamorfosi in senso ideale e formale è evidente là dove la parte oscura e segreta della psiche giunge ad offrire ambigui squarci di «verità», tra inquietudini e finzioni. Dietro, si fa strada l'uomo moderno, la sua trasformazione anche genetica, l’uomo che «annulla» la natura di fronte al proprio volere nella ricerca di una eternità del corpo. Altri miti ed altre leggende potrebbero essere citati poiché la natura umana ha infiniti risvolti da indagare: il dio Pan è morto, rimane nel cuore dell’opera un bisogno eterno: il mito di una bellezza che può salvare l’uomo.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

DOMENICA 1

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

8commenti

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Chiuso per un giorno il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

12commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

6commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

TENDENZE

Nuovi alimenti: presto i primi prodotti sul mercato. Ma non vedremo i grilli nel piatto

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno