13°

25°

Arte-Cultura

Sms, lingua assediata?

Sms, lingua assediata?
Ricevi gratis le news
0

Maria Pia Forte

Gli italiani, si sa, sono grandi parlatori. Persino un luogo anonimo come il supermercato diventa, in Italia, spunto di animate conversazioni con la cassiera, per non parlare del bar, o del ristorante, o del treno. Questo gusto della parola spiega, secondo Marco Biffi, docente di Linguistica italiana all’Università di Firenze, l’amore degli italiani per il telefono cellulare: «Non per nulla -  dice - siamo non solo il Paese del mondo dove questo apparecchio è più diffuso, ma l’unico popolo che lo chiami ''telefonino'', così come ''sms'', acronimo per ''short message service'', viene tradotto con ''messaggino'': diminutivi che indicano bene l’affetto che l’italiano nutre per queste novità. Il cellulare offre agli italiani la possibilità di fare in modo nuovo ciò che hanno sempre fatto: comunicare».
 Su questo modo nuovo di comunicare il professor Biffi e la sua collega Vera Gheno (entrambi membri del Clieo, Centro di Linguistica storica e teorica dell’Università di Firenze - Accademia della Crusca) hanno svolto uno studio che ha messo a fuoco l’influenza del telefono in generale e del cellulare in particolare nell’evoluzione della lingua e della società».
Professor Biffi, il telefono tradizionale ha influito molto sulla lingua italiana?
«Non in maniera determinante, ma in parte sì, perché parlando al telefono si rinuncia a tutte le informazioni extralinguistiche come mimica facciale, gesti, riferimenti a oggetti visibili a entrambi gli interlocutori. Per questo motivo le conversazioni telefoniche sono un utile laboratorio per studiare l’oralità nella sua essenzialità, a prescindere da tutti gli aspetti suddetti. Al telefono, poi, è davvero particolare il momento di apertura della comunicazione: si comincia con un ''pronto'', si prosegue con una fase sociolinguistica di approccio e soltanto dopo si arriva al nocciolo del discorso. La procedura di congedo, invece, non è molto diversa da quella di una conversazione normale. Il telefono mette in luce anche le differenze tra culture. I giapponesi, per esempio, sono molto cerimoniosi con le persone che conoscono, mentre sono bruschi con gli sconosciuti: tutto l’opposto degli italiani».
Veniamo al telefono cellulare...
«Il cellulare ha portato diverse novità. La prima è che mentre col telefono tradizionale non sappiamo chi sia colui che ci risponde ma sappiamo dov'è, col cellulare accade il contrario: sappiamo chi è ma non dov'è, e dunque siamo incerti sulla sua disponibilità a parlare. Alla chiamata del cellulare, inoltre, si risponde sempre, magari con un messaggio per far capire che in quel momento si è occupati, mentre al telefono tradizionale si può non rispondere. Tutto questo influisce sul modo di parlare al cellulare. Ma la vera grande novità è costituita dai ''messaggini''».
    Di questa inedita forma di comunicazione la professoressa Gheno e lei avete messo in luce molti dettagli, come l’apertura senza forme di saluto o con formule poco formali, la chiusura veloce e spesso priva di firma, l’uso frequente di soprannomi, la sintassi elementare e l’abbondanza di errori, la punteggiatura «emotiva» con largo impiego di punti esclamativi e interrogativi, punti di sospensione e «faccine» per dare alla comunicazione un’intonazione scherzosa o seria, l’omissione delle vocali e il troncamento delle parole per motivi di brevità, la commistione di dialetti, gerghi giovanili e altre lingue e così via. Il linguaggio piuttosto primitivo degli ''sms'' rischia di contagiare la lingua di Dante?
«E' presto per saperlo. Certamente ha contagiato alcune forme di comunicazione giovanile, come scritte murali e perfino romanzi, come quello di Luana Modini, del 2007, tutto scritto in ''SMSese'', ossia col linguaggio degli ''sms''. Finché esso rimane limitato a questi ambiti, non ci sono problemi; ma se lo si trasferisce anche nel tema di italiano o in una lettera di lavoro, non va più bene. Spetta alla scuola far capire ai ragazzi che questo non deve accadere, che l’adeguamento dev'essere non verso il basso ma verso l’alto, in modo che il linguaggio degli ''sms'' sia un arricchimento della lingua, un registro in più, non causa d’imbarbarimento. Secondo una ricerca dell’Università di Cambridge, gli ''sms'' fanno bene alla lingua, perché costringono a una sintesi di ciò che si vuole dire e richiedono una notevole creatività linguistica.  Un risultato positivo, intanto, il cellulare l’ha avuto: il ricorso intensivo ai ''messaggini'', molto più praticati delle e-mail, ha spinto molte persone a scrivere. Non solo i giovani si servono di questo mezzo di comunicazione, ma anche signore ultrasessantenni con la terza elementare».
Dunque il «messaggino» è uno strumento democratico?
«No, lo è molto meno di una telefonata, perché richiede la conoscenza di una lingua e di regole specifiche. Tutti possono comunicare per telefono, non tutti hanno la competenza necessaria per inviare un ''messaggino''».

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' nato il terzo royal-bay: è un maschio

Gran Bretagna

E' nato il terzo royal-baby: è un maschio

Silvia Olari furto tablet

Foto d'archivio

REGGIO EMILIA

Silvia Olari su Fb: "Mi hanno rubato il tablet". E i Carabinieri lo rintracciano subito

3commenti

Le matricole: il Trash party d'apertura. Le foto della festa

TONIC

Le matricole: il Trash party d'apertura Foto: ecco chi c'era

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Quiche tricolore, cucina patriottica

LA PEPPA

La ricetta - Quiche tricolore, cucina patriottica

Lealtrenotizie

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

SPORT

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

L'offerta è stata fatta dall'Istituto per il credito sportivo (Ics). Il Parma Calcio 1913 rassicura i tifosi: "Parteciperemo alla prossima asta pubblica"

5commenti

Parma

Vandalismi all'Itis, la preside chiude il bagno

PARMA

Incendio in uno scantinato: vigili del fuoco in zona San Lazzaro

Soccorritori al lavoro in via Bondi

LUTTO

Addio a Oddi, pilastro dell'Audace

PARMA

Uno sprint al tramonto: il 4 maggio torna la Cetilar Run

Ecco il percorso della manifestazione: 8 chilometri dal Parco Ducale alla Cittadella

Soragna

I ragazzini rapinati: abbiamo ancora paura

IL CASO

Massacro di via San Leonardo, chiesto il rinvio a giudizio di Solomon

'NDRANGHETA

Gigliotti deve restare in cella: no del gip alla scarcerazione

FELINO

Invalida per finta e denunciata per davvero

Sosta con un permesso falso sullo stallo per disabili in via Brigate Alpine: un'automobilista originaria del Napoletano scoperta e indagata dai vigili

PARMA

Casa nel Parco: gioco e lavoro vanno a braccetto Foto

CARABINIERI

Scompare da San Secondo: Claudio Lombino ritrovato a San Polo d'Enza

Il 29enne era scomparso venerdì, lasciando a casa portafogli e cellulare

INTERVISTA

Baronchelli e Bugno, ciclisti-bersaglieri

Il personaggio

Beppe Boldi, maestro di cori: 55 anni di carriera

MEMORIA

I luoghi della Resistenza a Parma

TERREMOTO

Il Bardigiano trema: 7 scosse in un'ora

RISSE

Via d'Azeglio, la lite finisce a morsi di pitbull

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Trattative perditempo: Mattarella in campo

di Vittorio Testa

ESTETICA

Smagliature, trattatele finché sono rosse. Dopo può essere tardi

di Maria Teresa Angella

ITALIA/MONDO

FRANCIA

Corruzione: in stato di fermo il finanziere Vincent Bolloré

CANADA

Furgone sulla folla a Toronto: 10 morti. Ma non è terrorismo

SPORT

RUGBY

Zebre: pullman per i tifosi sabato a Treviso

parma calcio

Al Tardini la nascita delle Parma Legends e il raduno di “Serie A: Operazione nostalgia” Foto

SOCIETA'

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

INTERVISTA

Pin-up e "mister barba", parla la modella: "Ecco come ho creato il servizio fotografico" Video

MOTORI

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover