16°

29°

CULTURA

Architettura, Bontempi nell'Olimpo

Primo italiano a ottenere il premio. La consegna il 29 marzo a Chicago

Pier Carlo Bontempi

Pier Carlo Bontempi

Ricevi gratis le news
0

di Mariagrazia Villa

La storia di Richard Driehaus è tipicamente americana. Ha iniziato a guadagnare i primi dollari da ragazzino, consegnando tutte le mattine il giornale in un quartiere di Chicago. Fedele al motto: «Tutti vogliono diventare ricchi, ma pochi sono disposti a lavorare per diventarli». E ha iniziato a giocarseli in borsa a 13 anni. Oggi, questo enfant prodige della finanza ne ha 71 ed è il titolare di uno dei fondi d’investimento più importanti degli Stati Uniti. E pensa alla felicità altrui come alla propria. Dal 1984, infatti, ha speso circa 100 milioni di dollari in opere filantropiche, cui ha aggiunto, nel 2003, l’istituzione del «Richard H. Driehaus Prize», in collaborazione con la prestigiosa University of Notre Dame nell’Indiana. Fedele a un altro motto: «Ognuno merita di vivere circondato dalla bellezza». Insieme al Pritzker Architecture Prize (vinto finora da due italiani, Aldo Rossi nel 1990 e Renzo Piano nel 1998), che è più noto ma economicamente meno consistente, è il premio per l’architettura più importante al mondo, paragonabile al Nobel. Obiettivo: onorare ogni anno un architetto vivente che, nel corso della sua carriera, abbia fornito un singolare contributo all’architettura tradizionale e classica. 

L’anno prossimo, per la prima volta, il Driehaus andrà a un architetto italiano: il parmigiano Pier Carlo Bontempi. Gli verrà ufficialmente conferito il 29 marzo, al John B. Murphy Memorial Auditorium di Chicago, e in quell’occasione verrà anche pubblicato un volume dedicato al suo lavoro. Bontempi, uno studio a Gaiano e una fama internazionale, si occupa di architetture tradizionali di nuova fondazione, come di progetti di restauro e ricostruzione, e di pianificazione urbana. Con una gentilezza da ultimo umanista. Che mira a rimettere l’uomo al centro e a disegnargli attorno un ambiente di grande piacevolezza estetica e responsabilità etica.
«Quando ho saputo di aver vinto il premio, oltre all’immensa soddisfazione, che mi ricompensa dell’ingratitudine del mio Paese, mi sono posto due domande», confessa. «Come ho fatto a meritarlo? Visti gli illustri nomi prima del mio, come Leon Krier o El-Wakil... Forse, il fatto che nel voluminoso The Language of Towns & Cities di Dhiru Thadani, pubblicato da Rizzoli International qualche anno fa, il mio progetto per l’isolato di Place de Toscane a Val d’Europe, a 30 chilometri da Parigi, sia quello cui sono state riservate più pagine deve aver influenzato favorevolmente la giuria...».
Place de Toscane, in effetti, è un confortante esempio di classicità moderna. Gli edifici, tutti diversi tra di loro e progettati nello spirito dell’architettura locale dell’Ile de France, ma con la sensibilità di quella italiana, si affacciano su un’amabile piazza ellittica delle dimensioni dell’anfiteatro romano di Lucca. «Poi, mi sono chiesto: e se fossimo nel 1540? I possibili vincitori italiani sarebbero stati Michelangelo, Palladio, Vignola, Serlio... Be’, oggi posso anche dire di essermelo meritato questo premio, ma allora sarebbe stata una gara molto più difficile!».
Tra le motivazioni per cui questo signore dall’eleganza cinquecentesca e dalle idee lungimiranti ha vinto il Driehaus, non c’è solo l’armonia con cui i suoi interventi uniscono architettura e urbanistica, mettendone in luce il profondo legame, ma anche l’«original green», ossia il rispetto per l’ambiente.
«Sulla sostenibilità c’è un fraintendimento colossale... Va intesa in senso più ampio: un edificio che duri mille anni, sia flessibile, sobrio e renda felice la vita delle persone è certamente ecologico...». Insomma, tra il Beaubourg, lungamente restaurato, e il Pantheon, in perfetta forma da secoli, la palma della sostenibilità va di sicuro al secondo.
«Nel ricevere questo premio dal respiro mondiale, penso al nostro Paese, sfortunato e bistrattato: in tremila anni abbiamo costruito il più grande capolavoro al mondo, ossia il paesaggio italiano, e in settanta ci siamo impegnati a distruggerlo... Benché la mia energia, come architetto, non abbia confini, sarebbe impegnata al meglio se riuscissi a far riflettere, qui in Italia, che un’altra modernità, in continuità con la tradizione, potrebbe fornire un modello di rigenerazione e di uscita da questa crisi di identità che stiamo vivendo». Forse, con l’incarico per la costruzione del Labirinto di Fontanellato per Franco Maria Ricci, sta già mostrando come un’architettura che arricchisca il paesaggio, e non lo impoverisca, sia ancora possibile. Bontempi, purtroppo, è un «nemo propheta» da manuale. «Il museo dell’Università di Notre Dame potrà essere il luogo a cui donerò i miei disegni e acquerelli, perché in Italia un posto che desideri riceverli non c’è...». Peccato. Perché lui ha sempre fatto tana al futuro. Un dono naturale. All’inizio degli anni Ottanta, faceva parte del celebre gruppo Alchimia, allora la massima avanguardia del design. Oggi, a trent’anni di distanza e anni-luce da quel pensiero, sembra al passo col passato, ma è straordinariamente moderno. E questo premio lo dimostra.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

DOMENICA 1

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

7commenti

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Chiuso per un giorno il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

12commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

6commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante a Pratospilla

TENDENZE

Nuovi alimenti: presto i primi prodotti sul mercato. Ma non vedremo i grilli nel piatto

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno