21°

Arte-Cultura

Storia d'amicizia e coraggio

Storia d'amicizia e coraggio
Ricevi gratis le news
0

Claudio Rinaldi

Le belle favole dal lieto finale non esistono solo nei libri per bambini. Una bella favola è quella di Alessandro Soprani, quarantenne parmigiano al suo debutto nella narrativa. Qualche mese fa, aveva appena finito il suo romanzo e sognava di vederlo pubblicato. Come tanti. Ha chiesto in giro, ha cercato «dritte» e consigli. Poi ha messo il manoscritto in una busta e l'ha spedito alla Mondadori. Accettato e stampato. Quasi un record – oltre che un sogno ad occhi aperti – per un esordiente. E' in libreria da pochi giorni, «L'ultima estate che giocammo ai pirati» (collana Omnibus, 286 pagine, 18,50).

Ci sono tre ragazzini ma non ci sono favole, per loro. Qualche sfida a biglie, qualche ora passata a giocare ai pirati. Ma poi la storia li coinvolge e li avvolge: è una storia da grandi, non da bambini. Almeno da quando, nel bel mezzo di una scorribanda in collina, trovano il cadavere di Delmo, un ragazzo con un po' di problemi (lo scemo del villaggio, si sarebbe detto una volta), benvoluto da tutti. Quei mesi di vacanza dalla scuola prendono una brutta piega. E' l'estate del '55, sulle colline del nostro Appennino la guerra sembra finita da pochi giorni, non da dieci anni. Il ricordo di rappresaglie e uccisioni, spiate e vendette è ancora troppo vivo. Luca, Mario e Davide, i tre moschettieri, sono assetati di ricordi, di testimonianze, di curiosità. Luca (l'io narrante) ha un nonno che ha fatto la guerra e la Resistenza: ma i suoi racconti sono fatti più di silenzi e reticenze che di parole, di fumo aspirato dal fornello sempre acceso della pipa. Raramente la grande insistenza del nipote fa breccia nella coltre spessa del vano desiderio di dimenticare ricordi troppo brutti. C'è l'Italina, anziana amica e confidente dei tre ragazzi, che cede più volentieri ai pressanti interrogatori. E poi ci sono frasi rubate qui e là nelle viuzze del borgo, o davanti all'osteria. E ci sono luoghi segreti da esplorare, facendosi coraggio l'un l'altro. Perché ci vuole coraggio, a dodici anni, per entrare in vecchie cascine ridotte a ruderi, a perlustrare cantine buie e puzzolenti, a caricare un fucile da guerra trovato e a premere il grilletto. E' proprio un giorno in cui Luca girovaga intorno a un covo partigiano che trova Delmo morto, il cranio fracassato e le mosche che indugiano sul suo naso. E' allora che la storia dei tre ragazzini cambia rotta: niente più sfide a biglie e giochi con le armi di legno, ma una vicenda che, giorno dopo giorno, è sempre più da grandi, da duri. Che si incrocia con quella di un reduce inglese ubriacone e con il prurito alle mani e il figlio di una spia fascista che ha molti scheletri nell'armadio e un'attività da contrabbandiere che non promette nulla di buono. La storia è appassionante, ricca di colpi di scena. Narrata seguendo la (non facile) strada di utilizzare il linguaggio e il gergo dei ragazzi. Ciò che meglio emerge dalle pagine sono i sentimenti: l'amicizia tra i «moschettieri», innanzi tutto. Un'amicizia vera, tra bambini diventati, tutto in un colpo, adulti. Il dolore, la paura. Il senso di giustizia e il sentimento di vendetta: che magari non è giusto ma è certo molto umano. La vendetta che Mario vuole mettere in pratica per punire quello che i tre ritengono l'assassino di Delmo. La paura che hanno Luca e Davide, stretti fra il legame fortissimo con l'amico e gli insegnamenti che hanno avuto a casa. Mario, no. Mario ha un padre che alza troppo il gomito e le mani: è per questo che è diventato adulto prima dei due amici inseparabili. E' per questo, forse, che è il più coraggioso.

Ha sempre letto molto e ha sempre scritto, Soprani: che nella vita fa il consulente commerciale, è sposato e ha due bambini. «Da adolescente soprattutto poesie e racconti. Mi ha sempre attratto cimentarmi con un romanzo: ma anche intimidito», racconta. «Adesso che il mio lavoro è in libreria, ovvio, sono molto contento. E la soddisfazione è ancora maggiore, avendo trovato un editore così importante: primo, perché penso sia un riconoscimento per il mio romanzo. A maggior ragione adesso che, in tempi di crisi, le case editrici tagliano soprattutto sugli esordienti. E poi, dal punto di vista della distribuzione e dell'organizzazione logistica, Mondadori è il massimo».

«Fedele al detto “scrivi di quello che sai”, la storia è ambientata praticamente a casa mia – spiega Soprani – a Orzale, sopra Capoponte, dove per anni ho trascorso tutte le estati, nella casa di mia nonna». I personaggi sono inventati: non gli aspetti storici, frutto di una passione di vecchia data per la Resistenza: «Ricordo ancora, alle elementari, quanto mi affascinavano i partigiani, quando venivano a raccontarci le loro esperienze». Nel libro, lo racconta il nonno di Luca, cos'è stata la Resistenza: «Luca, apri la mano. Te in mano c'hai il mondo, e puoi farci tutto quello che vuoi. E lo sai perché? Perché qualcuno ha combattuto per mettercelo. Qualcuno è stato meno fortunato di me, e non è più tornato, e adesso i suoi nipoti non hanno un nonno che gli dice così. Ma te sì, e 'lora ricordatelo sempre, quel che devi sapere della guerra partigiana è che te c'hai il mondo in mano, e che tanti hanno combattuto e son morti per mettercelo; son morti per la libertà. E è un regalo grande, Luca. Un regalo grande»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Laura Pausini, cancellate le due date di Eboli: ha l'otite

oggi e domani

Laura Pausini cancella le due date di Eboli: ha l'otite

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

di David Vezzali

2commenti

Lealtrenotizie

A novembre la Guida Michelin farà brillare le sue stelle per la terza volta a Parma

16 novembre

Le "stelle" illuminano la città: per il terzo anno la Guida Michelin presentata a Parma

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati Foto

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

1commento

INCIDENTE

Autocisa, un'auto si ribalta in galleria: i soccorsi arrivano (anche) in elicottero Foto

social

Il Parma viaggia verso Napoli (in treno): "selfone" di gruppo

MODENA

Pugni e testate alla capotreno sul Bologna-Parma: denunciata 26enne

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

PARMA

Sparano "per gioco" a un distributore e una finestra: denunciati tre giovani Foto

La pistola era ad aria compressa. La finestra è stata danneggiata. Sono intervenuti i carabinieri

MONTAGNA

Fungaiolo ferito in zona Prato Spilla

Il Soccorso alpino sta intervenendo

FONTANELLATO

Un cane in cerca del suo padrone vagava in A1: salvato dalla Polstrada

Il proprietario, un autotrasportatore di Alessandria, non si era accorto che il cane lo aveva seguito

CALCIO

Gobbi a Bar Sport: "A Napoli per tentare di fare punti" Video

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

2commenti

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

2commenti

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il non-detto dietro la legge di stabilità

di Domenico Cacopardo

L'ESPERTO

Terreni comunali: quando è possibile l'usucapione

di Arturo Dalla Tana*

ITALIA/MONDO

Roma

Omicidio del tifoso napoletano Ciro Esposito, confermati 16 anni all'ultrà romanista De Santis

sicurezza

Abbandono bimbi in auto: via libera del Senato al ddl "seggiolini"

SPORT

FORMULA 1

L'Alfa Romeo sceglie Giovinazzi: un italiano nel Circus dopo 8 anni

CALCIO

Doping: Giuseppe Rossi a processo, chiesto un anno di stop

SOCIETA'

Reggio

Disfunzione erettile, in Italia ne soffrono tra 3 e 5 mln

Napoli

"Lo sposo è scappato con i soldi dei regali". Scoppia una rissa al matrimonio

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

ANTEPRIMA

Ecco Tarraco, il Suv più grande di Seat