13°

23°

Mostra

Il sacrificio dei sette fratelli

"I Cervi, una storia che resiste", dipinti, disegni e sculture alla casa-museo nel 70° anniversario dell'eccidio. Domani visita guidata. Govili, Guttuso, Borghi e molti altri artisti: a Gattatico opere in memoria dei martiri

Il sacrificio dei sette fratelli

Esposizione per Gino Covili

Ricevi gratis le news
0

C'è una strana musica che accompagna la memoria, specialmente la memoria di una strage, di un massacro. Sgorga dentro da un silenzio insostenibile per farsi grido sordo nella pittura, nel colore, nella forma straziata dal male. E’ come un pianto stridente di violini quello che giunge dalle opere esposte nel Museo Cervi di Gattatico per ricordare il sacrificio dei sette fratelli; è un pianto a risarcire con l’arte il fragore delle mitragliatrici e l’ultimo atto di una delle tante empietà della guerra. Domani alle 15, nel corso  della mostra «I Cervi, una storia che resiste. Arte per un museo della coscienza», che terminerà il 25 aprile ci sarà un momento di ricordo quando insieme ai curatori della mostra Orlando Piraccini (IBC), Paola Varesi (Istituto Cervi) e al critico d’arte Marzio Dall’Acqua saranno alcuni artisti a parlare, esprimendo anche a voce quanto già lasciato sulla tela. Nel 70° anniversario dell’eccidio, avvenuto il 28 dicembre del 1943, tanti autori già presenti nella raccolta museale, hanno portato la loro testimonianza.  Le prime opere si concentrano sul ritratto di papà Alcide Cervi, il volto segnato e forte come quello della quercia sulla medaglia realizzata dallo scultore Marino Mazzacurati, quercia di cui lui stesso parlò riferendosi alla sua famiglia dai rami spezzati, destinata a morire, ma a resistere nel seme, ovvero l’ideale nella testa dell’uomo. Quest’ideale risalta non soltanto nella scena drammatica della fucilazione, sulla quale si sono concentrati molti artisti con accenti prevalentemente realistici (Anna Coccoli, Mario Novellini, Omero Ettorre), ma emerge nei volti dei protagonisti, nelle scene di vita quotidiana. Spiccano quindi i ritratti realizzati da Luigi Bront e da Renato Guttuso che oltre aver rappresentato la sequenza dei volti dei sette fratelli, ha anche inserito il profilo di Alcide nella scena dei funerali di Togliatti, distinguendolo per la marcata caratterizzazione e la bandiera rossa scivolata sul capo.  La concentrazione espressionista nel segno e nel colore che quasi scolpisce il ricordo dei personaggi e ne esalta lo spirito, lo si trova in pressoché tutti gli autori presenti tra i quali vale la pena ricordare Aldo Borgonzoni, Nani Tedeschi, Ennio Calabria, Arnaldo Bartoli, Nikolaj Zukov, Franco Ori, Giovanni Sesia, Alfonso Borghi, Piero Ghizzardi e Gino Covili. Quest’ultimo ha lasciato al Museo Cervi forse una delle immagini più significative del suo ciclo dedicato alla Resistenza, tra l’altro vissuta in prima persona tra le montagne del Frignano. Nell’opera a china e acquarello si vede da una parte la famiglia contadina, con il padre che addita ai bimbi più piccoli i sette fratelli trucidati posti sullo sfondo e in alto, come su uno schermo e come un esempio d’eroismo. E’ un perentorio invito a non dimenticare. Le mani possenti in primo piano, tipiche dei personaggi di Covili, sono emblematiche di un’umanità forgiata dalla natura e che sa resistere, nonostante le sferzate del male, dell’ingiustizia, dell’oppressione. Il sangue versato sulla paglia che sembra disegnata dal pennello di Van Gogh, è l’indelebile traccia e il monito per il futuro. Il dito punta a un muro trafitto dalle pallottole, a corpi esanimi e insieme alla libertà di quel cielo blu profondo che va oltre la constatazione tragica della fine. Non c’è pertanto solo retorica, celebrazione, monumentalità, narrazione in questa mostra, ma la volontà di trasmettere la portata dell’ideale. Quindi ecco i libri di memorie di Alcide Cervi, i fotogrammi del film di Puccini per la sceneggiatura di Cesare Zavattini, l’installazione del Collettivo FX di Reggio Emilia sulla torre radar dell’Arpa vicina al Museo. Ma su questa memoria s’innesta il seme del futuro. E’ «una storia che resiste» come dice il titolo dell’esposizione, ma anche «arte per un museo della coscienza». Allora il dito puntato nell’opera di Gino Covili, è significativo vessillo e pungolo nella coscienza collettiva. Non è qui solo rappresentato il morire, ma il morire per qualcosa. Di quel qualcosa di giusto, d’irrinunciabile per il senso della vita umana parlano le opere e parleranno gli artisti in questa mostra. Dal silenzio dell’orrore, dell’odio scaturisce una voce di terra, di sangue, di verità. Rivolta a tutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Mariano

«Via Parasacchi, pericolo erbacce»

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita.

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

TENDENZE

Nuovi alimenti: presto i primi prodotti sul mercato. Ma non vedremo i grilli nel piatto

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno