13°

25°

libri

Intervista a Grammenos Mastrojeni autore del saggio «L'arca di Noè»

«Terra malata, serve la green economy»

ciminiere
Ricevi gratis le news
0

 

L’Italia delle alluvioni, delle nevicate, delle valanghe e dello sbriciolamento costante del territorio si dispera e recrimina sulle sue sventure, chiedendosi il perché di tanto accanimento da parte della natura, e se la stessa non si stia vendicando dei maltrattamenti attuati da un uomo sempre più avido e irresponsabile. Un saggio lucidissimo di Grammenos Mastrojeni scrittore e diplomatico italiano, «L'arca di Noè» (Chiarelettere, pag. 368, euro 15,90) mette a fuoco tutti i problemi legati all’effetto serra e le preoccupazioni sui cambiamenti climatici responsabili di bufere, cicloni e bombe d’acqua che stanno crivellando il mondo. Dovremo davvero approntare un’arca per il nostro futuro incerto? Siamo davvero alle soglie di una catastrofe? Quali gli stravolgimenti possibili? «Non si tratta di approntare un’Arca, ma di rendersi conto che siamo in un’arca, meravigliosa e fragile, chiamata Terra, in cui tutti assieme galleggiamo o affondiamo» precisa il professor Grammenos Mastrojeni che ha insegnato Soluzione dei conflitti in diversi atenei, in Italia e all’estero, in particolare alla Ottawa University in Canada che nel 2009 gli ha affidato il primo insegnamento sulla questione Ambiente, risorse e geostrategia. Collabora con il Climate Reality Project, iniziativa legata al cambiamento climatico lanciata dal premio Nobel Al Gore. «Per secoli - puntualizza - abbiamo dato per scontata la capacità della terra di sostenere il nostro progresso, come se avesse provviste inesauribili, e siamo giunti alla soglia di una catastrofe. Questo rischio è proiettato dagli scienziati, non dai visionari, e sarebbe follia non prendere sul serio le loro previsioni».
La causa del degrado ambientale è legata solo allo sfruttamento dissennato della natura, o ci sono altri fattori?
Un grande equivoco vuole che lo sviluppo si raggiunga a scapito dell’ambiente: è proprio il contrario, lo sviluppo pone tutti i popoli in condizione di concorrere a salvare il territorio. Non è quindi l’una o l’altra attività a essere pericolosa: tutto si può gestire in maniera intelligente. Il vero problema è il divario fra ricchi e poveri e la polarizzazione ultracompetitiva dell’economia fra grandi vincitori e piccoli destinati a soccombere: con queste regole, non si può pensare al domani e, dovendo sempre lottare per non essere estromessi dal mercato, non ci si può concedere il «lusso» di un’economia responsabile. Strano ma, alla radice, il degrado ambientale è un problema di giustizia fra gli uomini.
Quali, al momento gli aspetti del sistema che potrebbero portarci a breve a cambiamenti irreversibili?
Il superamento di alcuni punti di svolta nella biosfera: il riscaldamento globale, ha già fatto scattare lo scioglimento degli strati di terra ghiacciata da millenni nelle regioni più fredde, il cosiddetto permafrost: ma gli strati di permafrost sciogliendosi liberano metano a causa della decomposizione dei materiali organici che vi si sono depositati per millenni; il metano, a sua volta, è un gas a effetto serra molto maggiore della CO2, e accelera il riscaldamento, che accelera lo scioglimento del permafrost e via dicendo, in un ciclo cumulativo esponenziale che potrebbe rivelarsi devastante in tempi brevi. Ma meccanismi di questo genere – chiamati cicli di feed back – ce ne sono molti altri e molto temibili.
Tutto il sistema Gaia in che misura è compromesso?
Nessuno lo sa con certezza. Non sappiamo se abbiamo già superato delle soglie irreversibili, come l’innesco del nefasto ciclo del permafrost. Comunque, per convenzione si situa la soglia di catastrofe a un aumento della temperatura media pari a 2° centigradi e ci siamo molto, molto vicini.
Come orientarci per non suscitare alterazioni negative nell’ecosistema?
Dobbiamo orientare le nostre scelte secondo una misurazione del successo o fallimento molto più articolata di quella che ci siamo dati, il famoso Prodotto Interno Lordo, che misura solo alcuni progressi in termini monetari: che ce ne facciamo di un aumento del PIL se ci frutta un territorio devastato dalle inondazioni? Io propongo una matrice – la «matrice di Gaia» – che mette in relazione sviluppo, pace, ambiente e diritti umani, su cui fondare le nostre decisioni, ma il discorso è molto complesso.
E’ possibile uno sviluppo sostenibile? Come dovrebbe articolarsi?
Non solo è possibile, ma sarebbe anche uno sviluppo più rapido e migliore in termini di qualità della vita. Si articola – per quello che dicevo prima – in un sistema economico che distribuisce equamente la ricchezza: il resto – pace, ambiente, dignità umana – ne verrebbero come conseguenze. La Green Economy è un paradigma rivoluzionario, non l’iniezione di cautele marginali per non inquinare: ci dice che Madre Terra esige da noi la giustizia.
L'arca di Noè - Chiarelettere, pag. 368,15,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paola Di Benedetto dall'Isola al Grande Fratello: faccia a faccia con il suo ex Matteo

TELEVISIONE

Sexy Paola dall'Isola al Grande Fratello: faccia a faccia con il suo ex Matteo Foto Video

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore!": dai "massaggiatori" ai film porno, la rivoluzione sessuale passo per passo Video Foto

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Affitti, a Parma sono ancora tanti quelli che non pagano

INCHIESTA

Affitti, a Parma sono ancora tanti quelli che non pagano

1commento

MUSICA

Concerto del 25 Aprile, piazza Garibaldi si accende con i Baustelle Le foto

1commento

Via Farini

Ladro di cellulari incastrato dall'app

TRUFFA

Vende il camper, ma gli rifilano un assegno falso da 30mila euro

2commenti

Hobby

Pezzali e i trattori, storia di un amore

PARMA BASEBALL

400 giocatori in 60 anni di storia

Lutto

Addio a Sergio Alfieri, il partigiano «Felice»

INTERVISTA

Andrea Carè: «Davanti a Pavarotti mi tremarono le gambe»

Intervista

Jack Savoretti: «Fiero delle origini italiane»

evento

28 aprile (1 maggio) in Pilotta torna lo Street Food Festival

tg parma

Azzannata da un pitbull e insultata per il velo: la denuncia di una donna a Parma Video

La proprietaria del cane se n'è andata dopo il violento episodio

3commenti

fidenza

Si sente male mentre è alla guida e provoca incidente: gravissimo 67enne

borgo gallo

L'accumulatore seriale ha «ridotto» così il palazzo in centro: le foto Video

1commento

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

25 APRILE

In 5mila in piazza Garibaldi. I Baustelle sul palco

politica

25 Aprile, Pizzarotti e "quei parlamentari che non hanno partecipato al corteo..."

Cavandoli: "Entrambe le parti erano mosse da motivazione valide e giuste"

10commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il 25 aprile e la memoria perduta degli italiani

di Michele Brambilla

LA BACHECA

Ecco 20 nuovi annunci per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

stranieri

Falso matrimonio a Imperia per avere permesso di soggiorno

CAMERINO

Dopo la condanna per abusi assume un mix farmaci: morto prof di Anatomia

SPORT

CHAMPIONS

Il Real Madrid sbanca Monaco: 2-1 al Bayern

PARMA CALCIO

Verso Vercelli: Vacca torna in gruppo, si lavora per il recupero di Scavone Video

SOCIETA'

COPENHAGEN

Ergastolo all'inventore del Nautilus per l'uccisione della reporter

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

2017: IL SORPASSO

La CO2 emessa dai benzina supera quella dei diesel

1commento