12°

26°

Intervista

Diocleziano, ordine e stabilità

Parla Umberto Roberto, autore di un saggio sull'imperatore romano: «Contro l'inflazione promulgò l'Editto dei prezzi: alla base del provvedimento ragioni etiche e religiose di giustizia». Lo studioso è docente di storia romana all'università europea di Roma

Diocleziano, ordine e stabilità

L'imperatore Diocleziano

Ricevi gratis le news
0

Dopo la grande crisi che nel corso del III secolo aveva scosso dalle fondamenta la possente costruzione dell’impero romano, fu la ferrea volontà di ordine e di stabilità di Diocleziano a salvare l’unità dello Stato. Ciò grazie anche all’istituzione della tetrarchia, la suddivisione del potere fra due Augusti (Diocleziano per l’Oriente e Massimiano, dal 286 per l’Occidente) alle dipendenze dei quali l’imperatore pose due Cesari (dal 293), rispettivamente Galerio e Costanzo Cloro, con diritto di successione dei rispettivi Augusti. Il «Diocleziano» di Umberto Roberto, professore di Storia romana presso l’Università Europea di Roma, apre nuovi orizzonti interpretativi sulla figura carismatica del sovrano dalmata, illuminandone - alla luce della sua profonda religiosità romana - la politica riformatrice e al contempo tradizionalista. Assistiamo allo sviluppo della personalità di questo soldato semplice che giunge a conquistare il potere con l’uso di mezzi spietati; combatte per un ventennio una guerra continua contro i nemici dell’impero, i barbari alle frontiere e i ribelli all’interno; schiude una nuova era con la tetrarchia; abdica in cerca di silenzio nel 306; muore nell’oblio e nel crollo del suo sistema nel 313.
Professor Roberto, per restituire stabilità economica all’impero, Diocleziano promulgò l’Editto dei prezzi. Quali ne erano le finalità e quali i risultati?
L’editto dei prezzi (301) fu uno dei provvedimenti concepiti per salvare la circolazione della moneta nell’impero. Il segno più evidente della crisi del sistema monetario era la crescita senza controllo dell’inflazione. L’imperatore pensò di arrestare questo fenomeno ricorrendo a una sorta di gigantesco calmiere che stabilisse per legge i prezzi massimi di beni e servizi. I legislatori dell’epoca ignoravano la duttile natura dei fenomeni economici che tendono ad aggirare le imposizioni normative. L’editto nelle province si rivelò una misura-tampone di scarsa efficacia.
Lei afferma che la matrice dell’Editto fu religiosa. Perché?
Nel mondo antico non esisteva una scienza economica, secondo i nostri parametri. Alla radice dell’editto v’è la necessità di combattere un fenomeno odioso, l’inflazione spaventosa dei prezzi. Ma l’ispirazione del provvedimento e gli strumenti d’azione rimandano piuttosto alla sfera della religione e dell’etica. Nel prologo all’Editto, Diocleziano parte da una intollerabile constatazione: l’avidità e la malvagità di pochi speculatori e affaristi spingeva masse crescenti di sudditi alla povertà. La radice religiosa dell’editto è nei motivi dell’intervento imperiale: Diocleziano e i suoi colleghi, per volontà divina, si sentivano «padri del genere umano», e rispondevano dunque dell’ordine e della felicità del mondo loro affidato. La loro decisione, terribile e irrevocabile, doveva restituire giustizia. L’inflazione era il segno di un comportamento distorto che andava punito con rigore. Gli imperatori, intermediari tra umano e divino e custodi della tradizione dovevano assolvere questa missione per rispetto delle divinità.
Perché la tetrarchia fu un capolavoro politico?
Fu il frutto di anni di esperienza ai più alti livelli del potere; dell’ascolto ragionato del consiglio di giuristi ed esperti dei meccanismi del potere; del rispetto della più antica tradizione politica. Tra i segni più dolorosi della crisi del terzo secolo, v’era stata l’anarchia. I successi e le speranze degli imperatori, anche di quelli più validi, erano sovente svaniti per una rivolta militare o una congiura. Occorreva rimediare. Nella visione di Diocleziano, il rafforzamento del potere imperiale doveva realizzarsi recuperando gli strumenti più efficaci della tradizione politica romana: collegialità della carica, due Augusti e due Cesari; scelta del migliore, soldati capaci e fedeli disposti alla fatica e alla disciplina; introduzione di un criterio certo di successione all’interno del collegio, dunque di una durata prefissata della carica di imperatore, dieci anni da Cesare e dieci anni da Augusto. Il culto della tradizione giustifica questa nuova visione dell’imperatore che sembra molto più vicina ai magistrati supremi dell’antica repubblica, consoli e dittatori.
Quali furono le basi giuridiche della persecuzione contro i cristiani iniziata a Nicomedia all’alba del 23 febbraio 303?
I cristiani erano da sempre fuorilegge nel sistema religioso, e dunque politico, romano. Anche se i Romani praticavano un politeismo molto aperto all’introduzione di nuovi culti, la religione cristiana fu sempre considerata non lecita, perché estranea alla tradizione e al sistema di valori dell’impero. Questa estraneità fu la base giuridica della persecuzione; e la ragione del consenso all’iniziativa dei tetrarchi. Dopo aver sconfitto i barbari alle frontiere, Diocleziano sentì come impegno irrevocabile la battaglia contro i nemici interni dell’impero. Nella sua concezione non si trattò solo di una misura d’ordine per garantire la pace.
Quale la ragione-principe della persecuzione?
L’imperatore aveva compreso che nel tempo il vescovo avrebbe potuto rivaleggiare con il governatore come punto di riferimento per le comunità. Avviò la sua battaglia il giorno dei «terminalia» (23 febbraio), invocando la protezione di «Terminus», dio del confine, garante della stabilità delle cose.
Dopo di lui Costantino, il suo «Alter Ego». La storia, come sempre, la fanno i vincitori?
Sì, ma i valori di base di Diocleziano sono altissimi; sono quelli della più pura tradizione romana. Ecco perché egli ha suscitato tanto interesse a partire dall’età dell’Illuminismo; e nel pubblico degli specialisti si è ripreso il rispetto che merita.

Diocleziano
di Umberto Roberto
Salerno editore, pag. 387, € 24,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Traversetolo: calici e musica sul tramonto

FESTE PGN

Traversetolo: calici e musica sul tramonto Foto

Previsioni del tempo e soluzione Cubo di Rubik

FLORIDA

Aggiorna il meteo mentre risolve il cubo di Rubik in diretta tv

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon  Gallery

newcastle

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Caso sms, la rabbia di Lucarelli: "Danno pesantissimo all'immagine del club"

PARMA CALCIO

Caso sms, la rabbia di Lucarelli: "Danno pesantissimo all'immagine del club" Video

SORBOLO

Si sente male in casa, salvato da sindaco e carabinieri

agenda

E' il sabato di San Giovanni, ecco tutte le tortellate (e non solo)

PARMA

Lauryn Hill entusiasma la Cittadella: le foto della serata

LUTTO

Addio a Benecchi, storico oste di borgo dei Grassani

2commenti

PARMA

Spaccio in Oltretorrente, i residenti: "Chiediamo l'identificazione dei clienti" Video

6commenti

Processo

Public money, le difese: «Assolvete Costa e Villani»

2commenti

GAZZAREPORTER

"Anche per gli strajè è San Giovanni": foto dalla Germania

"Le tradizioni sono dure a morire", commenta il lettore Valerio

Ambiente

Le Guardie ecologiche: «Non possiamo più tutelare la natura come prima»

2commenti

BORGOTARO

Addio a Maria Rosaria Brugnoli, colonna del volontariato

Traversetolo

Musulmani, la polemica sul cambio di sede

1commento

Collecchio

Rompono i vetri ma nell'auto non c'è niente

1commento

BEDONIA

Addio alla maestra Maria Luisa Serpagli

PARMA

Incidente a Pontetaro sulla tangenziale cispadana: due feriti Gallery

AUTOSTRADA

Traffico intenso fino al primo pomeriggio in A1 e in Autocisa

In A15 si sono registrati fino a 7 km di coda tra Aulla e l'A12

REGIONE

Manutenzione dei torrenti: oltre un milione di euro per 14 interventi nel Parmense

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Censimento dei rom e schedature più urgenti

di Filiberto Molossi

2commenti

EDITORIALE

Contro il Parma il più assurdo dei processi

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

ROMA

La morte dello chef Narducci e dell'assistente: automobilista indagato per omicidio stradale

INCIDENTE

Auto con quattro ragazzi fa un volo di 21 metri a Napoli

SPORT

motori

F1, Gp Francia: Hamilton in pole, terza la Ferrari di Vettel

calcio

Mondiali: Belgio-Tunisia 5-2

SOCIETA'

Piacenza

Capriolo incastrato fra le sbarre: lo liberano i vigili del fuoco Video

IL DISCO

I Rockets “on the road”

MOTORI

MOTORI

Hyundai i20: restyling di sostanza

RESTYLING

La nuova Jeep Renegade in 5 mosse