16°

28°

Arte-Cultura

Fortuna, ossessione finale

Fortuna, ossessione finale
Ricevi gratis le news
0

di Francesco Mannoni
La superstizione, che come dice Edmund Burke «è la religione degli spiriti deboli», spesso deraglia in scetticismo, pusillanimità e gelosia, con conseguenze ilaro - tragiche. E’ quanto accade al protagonista del romanzo di Francesco Recami, «Il superstizioso» (Sellerio, pagine 199, euro 12,00) finalista al Premio Campiello. Camillo, commerciante con un avviato negozio di scarpe, una mattina, da sotto il cavalcavia ferroviario che attraversa per andare al lavoro, assiste ad un evento che per lui ha dello straordinario: il passaggio di tre treni sul ponte nella stessa direzione. Per lui è il preludio di qualcosa che deve andare storto. E decide di tornare a casa. Ma appena entrato sente come dei gemiti, dei sospiri che gli sembrano di piacere. Chiama la moglie e va verso la camera da letto, ma inciampa nel gatto e cade battendo la testa. Si risveglia all’ospedale ossessionato da un sospetto: che cosa stava facendo la moglie? 
Superstizione come ossessione: quanto influisce la fatalità sulla sensibilità di Camillo?
 «Camillo, il protagonista, ha quelle che lui definisce ''innocenti abitudini'', giochetti scaramantici con i quali cerca di avere anticipazioni sull'intenzione della realtà, come se questa avesse un piano per lui. Non è molto diverso quello che farà nei confronti della moglie: cercherà di capire qual è il suo piano segreto, per demolirlo. Ma di sensibilità non ne ha molta, se si intende la capacità di conoscere e capire gli altri, sua moglie compresa: si interessa solo di se stesso. Il protagonista che affida la sua vita a una sorta di copione in cui tutto deve filare alla perfezione, cambia il destino in superstizione».
Ma chi fa il destino? Il libero arbitrio quale ruolo ha in simili casi?
«Non è uno scherzo avere la presunzione di sapere chi fa il destino. I greci avevano le Moire, e ciò che loro stabilivano non si poteva cambiare. Però i greci erano tormentati dall’ansia di conoscerlo, il proprio destino, e lo domandavano all’oracolo. Mi ha sempre stupito la premessa delle vicende di Edipo. Laio, suo padre, viene a sapere che suo figlio lo ucciderà, e cerca di prendere provvedimenti contro il destino. Ma lo sa o non lo sa che questo è impossibile? Perché se il vaticinio è vero allora c'è ben poco da fare; e se è falso, di che preoccuparsi? Tutto è nato per l’insaziabile volontà di conoscere il proprio destino, ovviamente derivata da una incertezza di base, dalla paura, dall’ansia. Se Laio non avesse chiesto niente all’oracolo, e si fosse fatto la sua vita tranquillamente, come veniva veniva, magari sarebbe morto per mano di suo figlio, cosa che peraltro gli è capitata lo stesso, ma avrebbe risparmiato tanti guai a Edipo, Antigone e fratelli e a tutti i tebani in generale. Ma la superstizione, si sa, porta sfortuna, e Camillo avrà modo di rendersene conto».
Leggere in ogni frangente i segni del destino non è un po' affidarsi a qualcosa di superiore, come se in noi non ci fosse mai alcuna responsabilità?
«Camillo è un debole, un inetto del terzo millennio, come lo siamo tutti. Effettivamente si sente deresponsabilizzato, vittima delle circostanze, e di imperscrutabili oscillazioni della moda, delle vendite del suo negozio, delle sue vicende familiari. Purtroppo per lui quando cerca di prendere in mano il suo destino non fa che peggiorare la sua situazione. La morale non è molto ottimista. Posso aggiungere che il credere nel destino ineluttabile è un pesante fardello che si portano dietro le classi subalterne, cioè la maggioranza delle persone, quelle che della propria vita non decidono niente».
Quanto è responsabile il nostro tempo incerto della insopprimibile pratica della superstizione, antica quanto il mondo?
«Incertezza, aleatorietà, e superstizione vanno a braccetto. Basti pensare ai settori economici dove la superstizione impera: la finanza, lo spettacolo, il commercio, la moda e forse anche la politica. Oggi ho la vaga sensazione che la tipica convenzione borghese, che l'uomo è artefice del proprio destino stia perdendo dei colpi. Ma forse la cosa è più semplice di quanto non si pensi: meno democrazia c'è e più si accentua la forbice fra i ricchi (quelli che sono artefici del proprio destino) e i meno abbienti (quelli che non lo sono) e più aumenta il fatalismo, e anche la superstizione».

Il superstizioso
Sellerio, pag. 199, 12,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

5commenti

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

8commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

verdi off

Bianchi, rossi, verdi: variazioni (e sorrisi) a tema pic-nic al Parco Ducale Foto

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Firenze

Un sedicente artista rompe un quadro in testa a Marina Abramovic

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

SPORT

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

Tour Championship

Il ritorno della tigre: tutti pazzi per Tiger Woods Video

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

LA PROVA

Kia Sportage diventa «Mild Hybrid»

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse