10°

28°

LIBRI

Montalbano, tutti i volti del reato

«Morte in mare aperto e altre indagini del giovane commissario»: otto racconti lunghi in cui l'investigatore indaga su diversi omicidi, strani furti, sequestri e altre azioni nelle quali la natura umana smarrisce il buon senso

Andrea Camilleri

Andrea Camilleri

Ricevi gratis le news
0

Che tipo d’uomo veramente è il commissario Montalbano? Otto nuove versioni del suo essere un poliziotto umano e straordinariamente intuitivo, ci sono offerte ora da Andrea Camilleri con «Morte in mare aperto e altre indagini del giovane commissario» (ed. Sellerio). Si tratta di otto racconti lunghi paragonabili ad altrettanti romanzi brevi in cui il celebre commissario indaga su diversi omicidi, strani furti, sequestri e azioni poco comprensibili in cui la natura umana si sbizzarrisce inquietando il buon senso. In queste prove narrative le mosse strategiche sono altrettante variazioni investigative attraverso le quali il commissario arriva a sbrogliare vicende apparentemente inestricabili dove l’umanità sembra coalizzata per esprimere se stessa nel peggiore dei modi. Otto racconti, otto momenti di tensione che si propaga per tutto il libro come una marea, un gioco funambolico di mimetismi eroici nei quali il giovane Montalbano appare ancora più intraprendente di quello maturo, anche se penso che l’età poco c’entri con le capacità del personaggio. Quello che ormai si muove sulla scena della narrativa italiana è un eroe senza età destinato a durare nel tempo. Un uomo, prima ancora che un poliziotto che, mai derogando alle leggi che sono una sorta di scorta evangelica per la sua morale, cerca sempre di giustificare e appianare; di trovare al fondo dell’apparente perfidia la ragione dei sentimenti e anche nell’intreccio più oscuro del malaffare una piccola luce di pietà e di speranza. Il racconto che dà il titolo alla raccolta, «Morte in mare aperto» è uno dei più densi e attanaglianti. Dietro la morte di un marinaio ucciso per errore da un suo collega a bordo di un peschereccio, si cela uno dei più grossi traffici internazionali, e Montalbano non perderà tempo a decifrare i complessi meccanismi dei malavitosi.
Otto racconti che potevano essere otto splendidi romanzi: ha così tante idee per la testa da permettersi di «sprecare» materiale prezioso?
Grazie davvero per il complimento ma sa, non sono io a scegliere se una storia deve diventare un romanzo o un racconto. Il respiro della scrittura è spesso modulato da qualcosa d’involontario, le idee s’intrecciano e si dipanano con un ritmo tutto loro che io devo rispettare.
In questi otto racconti gialli lei riesce a raccontare una Sicilia sempre nuova nonostante la descriva da svariati anni. Quale segreta forza, quale affetto o altro le detta un trasporto continuo verso la sua terra?
Semplicemente perché sono siciliano. Sono cresciuto respirando quell’aria e ascoltando quelle voci. D’altronde mi capita anche abbastanza spesso di scrivere in italiano di storie non necessariamente siciliane. Ma pare non se ne accorga nessuno...
Cos’è per lei la sicilianità?
La sicilianità è un’appartenenza a un insieme ancora più grande. Io dico sempre che vesto volentieri un bell’abito confezionato da un sarto europeo, ma preferirei che la camicia fosse italiana e la biancheria intima siciliana...
Il giovane Montalbano di questi racconti ha già le idee ben chiare anche se sono portato a pensare che il commissario non abbia età. É tale e quale quello che abbiamo conosciuto col primo romanzo. O sbaglio?
Sì, non sbaglia. La vecchiaia di Montalbano si manifesta più nei suoi pensieri che nelle sue azioni. Anche se in qualche romanzo pensa di essere diventato vecchio, reagisce spesso e volentieri alla sua condizione come se non lo fosse. Essendo un uomo di lunga esperienza in questo campo, per un poliziotto come lui, conta molto l’immediatezza e l’istintività.
La cosa che più sorprende leggendola, è che Montalbano, Fazi e Augello, non sono più personaggi di fantasia, ma persone vere che uno frequenta abitualmente o che magari incontra per strada. Questo solo perché ha infuso ai suoi personaggi una naturalezza spontanea? O c’è dell’altro?
No, non c’è niente altro. Forse a furia di leggerne sono diventati personaggi familiari.
A volte nelle storie che racconta sembra di risentire echi di fatti realmente accaduti. La cronaca reale, in che misura la contagia?
Tantissimo. Come ho detto spesso, non sono in grado di inventare nulla, tutto quello che scrivo nasce da una curiosità che poi rielaboro e distorco nella scrittura.
La mafia entra sempre di straforo nei suoi romanzi e racconti. Ma perché ne registra la presenza ma raramente ne approfondisce l’importanza, magari alla Sciascia tanto per intenderci?
Perché ritengo che della mafia se ne debbano occupare i rapporti dei carabinieri e non la letteratura. Poi io probabilmente non sarei bravo come Sciascia a scriverne. Non credo però che ci siano molte differenze, perché la Sicilia che vedo io è indubbiamente quella di Sciascia, anche paesaggisticamente parlando. Credo che ci siano pochi chilometri di distanza fra il paese di Sciascia e il mio, perciò come fatto logistico – geografico, siamo in assoluta armonia. Il punto di vista di Sciascia e quello mio per ciò che riguarda la Sicilia, molto spesso coincidono. Ma questo coincidere, non è la passiva accettazione di certi caratteri della Sicilia. Tutt’altro: è una posizione critica nei riguardi dei siciliani, e questo mi sta molto bene.
I film di Montalbano andati in onda recentemente, anche se si trattava di repliche, hanno avuto indici d’ascolto altissimi. Lo stesso non può dirsi dei film con protagonista Maigret andati in onda su altro canale nello stesso periodo. Il suo personaggio ha superato quello di Simenon perché più vicino allo «spirito» italiano?
A parte che sia io che Simenon poco ci entriamo come autori dei nostri commissari con la trasposizione tv, ci tengo a dire che i nostri romanzi non sono in nessun modo “con tagiati” dalla riduzione filmica e restano felicemente intatti nelle librerie. Per quanto riguarda i Maigret, non so che dire: della fiction di Montalbano voglio dire che è fatta benissimo e questo mi fa molto piacere.
Morte in mare aperto e altre indagini del giovane commissario
di Andrea Camilleri - Sellerio, pag. 320,14,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

S-Chiusi in galleria

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, nel mirino sponsorizzazioni a squadra di basket parmigiana

16 indagati e sequestro per 25 milioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

MONTAGNA

Corniglio, 14enne infortunata durante una gita con classe: interviene il Soccorso alpino

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

arte

Restaurata la Cassetta Farnese di Capodimonte: presto sarà (temporaneamente) a Parma

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

CASTELFRANCO EMILIA

Sparano a uno straniero ed esultano: indagini in corso

SPORT

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

2commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno