14°

27°

Arte-Cultura

Ragione, fede e politica

Ragione, fede e politica
Ricevi gratis le news
0

 di Francesco Mannoni

Questo libro «non è una professione di fede. E’ una riflessione sulla laicità non come polo oppositivo, che più d’uno vor
rebbe rimuovere, ma come componente essenziale del discorso pubblico in democrazia». E’ l'incipit del nuovo saggio di Stefano Rodotà, «Perché laico» (Laterza, pag. 190, euro 15,00), ampia e incisiva indagine sul ruolo assunto dalla Chiesa nelle tante discussioni alla base di certe scelte che sembrerebbe voler contestare. Incontriamo il professor Stefano Rodotà che con questo saggio è finalista alla 19ª edizione del Premio Pen Club. 
Professore, perché come lei dice la laicità in Italia è vista come eccezione negativa?
Credo che ci sia stata soprattutto negli ultimi tempi una riflessione che definirei impropria sulla laicità. Per una ragione politica soprattutto, ci troviamo ancora di fronte al problema rappresentato da una pressione molto forte proveniente dalle gerarchie vaticane e in parte accettata anche dal sistema politico, di tradurre una serie di legittime posizioni di fede in norme vincolanti per tutti. Questo ha determinato la continuazione di un conflitto tra laici e cattolici che non avrebbe ragion d’essere se la laicità fosse intesa come deve essere e come ha detto la Corte Costituzione, ovvero un principio supremo dell’ordinamento.
Che cosa vuol dire questo professore?
Che il criterio della tolleranza, del rispetto delle opinioni degli altri, del dialogo sono una caratteristica del nostro sistema democratico. Nessuno può ritenere il proprio punto di vista talmente forte da imporsi agli altri per il semplice fatto che lo dichiara non negoziabile. Qui si è creato un corto circuito. In democrazia, le uniche posizioni non negoziabili sono quelle dei principi costituzionali perché hanno avuto una legittimazione democratica che gli altri principi non hanno.
Cosa intende dire veramente professore con questa distinzione?
Intendo dire che i principi costituzionali sono il risultato del voto del 1946 che ha eletto un’assemblea costituente che ha lavorato per due anni e ha prodotto una Costituzione approvata poi quasi all’unanimità. Le altre posizioni, gli altri valori e principi che entrano nella discussione pubblica e a mio giudizio devono entrare perché l’arricchiscono e la rendono più articolata e plurale, non possono però pretendere di avere poi la stessa forza o addirittura una forza superiore a quella dei principi costituzionali fino a quando non avranno avuto la stessa legittimazione della Costituzione. 
A chi si riferisce precisamente quando parla di altre posizioni?
Quando si discute di materie cosiddette sensibili intorno alle quali il tema della laicità è diventato molto caldo, per via di posizioni dalle fondamenti forti, entrano in discussione anche le encicliche papali, che però non sono un documento che può avere una forza maggiore di un principio costituzionale. Perciò da una parte abbiamo un’idea di laicità che dobbiamo salvaguardare come una laicità costitutiva che ormai fa corpo con la Costituzione, e dall’altra un residuo di laicità oppositiva, quella che verifichiamo nei dibattiti. C'e continuamente, a mio giudizio, il tentativo, non solo da parte delle gerarchie ecclesiastiche di imporre diversi punti di vista tutti legittimi, ma che non possono essere superiori a quanto stabilito dalla Costituzione.
Ma perché fa paura la laicità?
La laicità fa paura perché il principio di gerarchia e del valore autoritario è messo in discussione, e perché ciascuno di noi teme che anche le opinioni altrui siano legittime ed eliminino quel tanto di rassicurazione che viene da un principio di fede. 
Il confronto è reso difficile perché è in atto un conflitto di poteri?
Qui c'è un problema. All’inizio del libro cito una frase del 1907 di Gaetano Salvemini: «La scuola laica non deve imporre agli alunni credenze religiose, filosofiche o politiche in nome di autorità sottratte al sindacato della ragione. Ma deve mettere gli alunni in condizione di potere con piena libertà e consapevolezza formarsi da sé le proprie convinzioni politiche, filosofiche, religiose»; ebbene, io trovo che questa frase assolutamente attuale sia un po' l’emblema della laicità perché smentisce il luogo comune secondo cui i laici non vorrebbero che la religione entri nella sfera pubblica: ci entri pure, ma non ci può entrare come una sorta di privilegio. Chi è portatore di un punto di vista religioso, ha socialmente e politicamente più forza e più legittimazione. E poi c'è il punto del potere.
Sarebbe?
Negli ultimi anni in particolare, finita la mediazione della Democrazia Cristiana, le gerarchie ecclesiastiche vaticane si sono costituite in un vero e proprio soggetto politico e sono intervenute come tali nella discussione pubblica. L’intervento è legittimo, però nel momento in cui le gerarchie vaticane, il presidente della Cei, lo stesso pontefice agiscono come soggetti politici debbono rassegnarsi a essere giudicati come qualsiasi altro soggetto politico. Il tentativo che io faccio in questo libro è di uscire dalla laicità oppositiva legata alla contingenza politica italiana e recuperare le possibilità di dialogo comune. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Benny Benassi  ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza"

MUSICA

Benny Benassi ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza" Foto

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

PARMA

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

Cina

FOTOGRAFIA

Le città del futuro e le case come alveari: la Cina "mai vista" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

De André a  “Rimini”

IL DISCO

De André a “Rimini”

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Ambulanza

PARMENSE

Ancora sangue sulle strade: morti due uomini a Coltaro e Pastorello

In entrambi i casi, le auto sono uscite di strada

indagini

Alcol a bimba di 4 anni: famiglia denunciata per maltrattamenti

I protagonisti della vicenda abitano a Parma

2commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Due incidenti mortali in provincia: sulla Gazzetta il ritratto delle vittime

Le vittime sono Federico Miodini, che lascia due bimbi piccoli, e Luigi Bertolotti

tg parma

Mille persone a Corcagnano per ricordare Giulia Demartis Video

infortuni

Infermeria Parma calcio, cattive notizie per Munari e Lucarelli

3commenti

VERITA' CHOC

Il bimbo morto a 18 mesi aveva assunto metadone

5commenti

scomparso

Alla ricerca di Claudio: elicottero e squadre di terra a San Secondo e Cozzano

viabilità

Terrore in tangenziale Nord: auto contromano in corsia di sorpasso

2commenti

viale pasini

Parcheggio conteso: medico impugna spadino contro infermiere

3commenti

boretto

Spinto giù dalla finestra durante una lite: denunciato un 22enne residente a Parma

1commento

TRAVERSETOLO

Muore colpito alla testa da una fontana di cemento

2commenti

SORBOLO

Abbandona rifiuti: 50enne multato

Vigolante

Ladro in giardino, immortalato dalla telecamera

1commento

Centro Torri

Ruba bottiglie di liquore. Scoperto, se le beve

3commenti

gazzareporter

Tutti di corsa a... Langhirun Foto

INCIDENTI

Schianto in tangenziale nella notte: in quattro all'ospedale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La generazione che rinuncia a educare i propri figli

di Michele Brambilla

2commenti

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

NEW YORK

Stop alle auto a Central Park dopo un secolo Video

GIAPPONE

Morta la donna più longeva. Ora la seconda più anziana è in Toscana: ha 115 anni

SPORT

MOTOGP

Austin, domina Marquez. Iannone 3°, Rossi 4°. Dovizioso leader del Mondiale

1commento

TENNIS

Nadal trionfa a Montecarlo: è l'undicesima volta!

SOCIETA'

lutto

Morte di Avicii: "Non ci sono sospetti criminali"

low cost

Aerei, arrivano i sedili a forma di sella da cavallo per l'ultima classe Foto

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Bmw M2 Competion, 410 Cv più "democratici"

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover