17°

28°

Arte-Cultura

Guido Carmignani dimenticato

Guido Carmignani dimenticato
Ricevi gratis le news
0

Pier Paolo Mendogni

Parma sembra piuttosto distratta sulle ricorrenze storiche riguardanti i suoi artisti più noti, ad eccezione di Correggio e Parmigianino. Quest’anno sta passando sotto silenzio il bicentenario della morte di Gaetano Callani - artista che ebbe prestigiosi riconoscimenti anche all’estero e le cui splendide statue giacciono ignorate nella chiesa di Sant'Antonio Abate - e lo stesso avviene per il centenario della scomparsa di Guido Carmignani, uno dei più sensibili interpreti della Parma ottocentesca.
Nato il 23 gennaio 1838 da Giulio, pittore di notevoli qualità, e da Virginia Guidorossi, fin da ragazzo ha mostrato uno spiccato talento artistico, tanto da essere già definito a 13 anni «pittore paesista» e come dimostra la «Veduta del torrente Parma presa dal torrente» del 1853, unica opera da lui firmata col nome Guido per esteso.
Nel 1854, sedicenne, partecipava alla mostra della Società di Incoraggiamento con quel «Torrente Parma presso il Ponte Dattaro» (oggi nella Galleria Nazionale di Parma) in cui la visione si dilata su un ampio orizzonte in una tenue luminosità scandita dai riflessi verdi e rosa degli alberi e delle case nelle acque immote del torrente mentre all’orizzonte i monti trascolorano nella luce della sera.
Un altro esempio della sua sensibilità nel cogliere la poesia della natura nei suoi mutamenti di luce e di atmosfera l’abbiamo nel «Mulino sul Po, tramonto», conservato nel Museo Glauco Lombardi, dipinto nel 1856, anno in cui inviava ben 16 opere alla Mostra di Incoraggiamento: in questo dipinto emerge pure la sua attenzione alla concretezza materica, che lo caratterizzerà in tanti suoi lavori.
Del tutto diversa, rispetto alle opere precedenti, la splendida «Reale Aranciera colla esposizione floreale» realizzata a 19 anni, che si può ammirare nella Galleria Nazionale: «un piccolo capolavoro giovanile» - l’ha definita Roberto Tassi nella sua fondamentale monografia su «Carmignani padre e figlio» - in cui Guido «si mostra già un pittore della vita moderna, che riproduce dal vero con freschezza di impressione, con linguaggio immediato».
Il 13 settembre dello steso anno (1857) il giovane, su consiglio del padre Giulio, partiva per Parigi, dove si tratteneva fino a metà del luglio del '58 frequentando i musei ma interessandosi soprattutto della pittura contemporanea, che in quel momento era ferma al naturalismo e al realismo della Scuola di Barbizon, anche se non mancavano le suggestioni esotiche degli orientalisti, che lo porteranno a riprendere alcuni soggetti, quali gli «Arabi nel deserto» e i gruppi di beduini.
Ma il suo principale interesse era il paesaggio in cui poteva esprimere il suo amore per la natura, riproducendola con realistica concretezza in modo antiaccademico. Si accostava pure alla litografia e alla nascente fotografia, che già alcuni artisti parigini utilizzavano per ritrarre quei soggetti che avrebbero poi sviluppato pittoricamente; un sistema che userà più tardi anche lui a Parma.
Al suo ritorno la duchessa Luisa Maria l’incaricava di eseguire sei figurini per maschere e alcune caricature per il carnevale del 1859. Nel 1862 veniva nominato professore di Paesaggio all’Accademia di Belle Arti di Parma, incarico che conserverà fino al 1877 quando verrà abolita la cattedra di quella materia.
Sempre nel '62 vinceva la medaglia d’oro alla Mostra di Bologna con una «Veduta di Cuneo». L’esperienza parigina gli era servita per addolcire il segno, per usarlo con maggiore scioltezza e per accentuare la luminosità cromatica del chiaro-scuro. E i risultati si vedono nei paesaggi appenninici ma anche in quegli angoli di una Parma ormai scomparsa e che Guido ha dipinto con un amore che ha saputo trasformare la povertà in poesia, i muri corrosi in affascinanti brani pittorici.
 Numerosi erano i riconoscimenti che gli provenivano non solo dal mercato ma anche dalle istituzioni. La disastrosa inondazione dell’Oltretorrente del 24 settembre 1868 veniva fotografata da Guido e queste tragiche immagini verranno riportate sulla tela cinque anni più tardi con una qualità pittorica tale da trasportare la realtà contingente su un piano di dramma assoluto.
Nel 1878 veniva incaricato per un biennio di insegnare Pittura di Paese a Brera e fra i suoi allievi vi era Giovanni Segantini. Poco dopo partecipava con due opere alla Esposizione di Belle Arti a Roma. Quello che era stato un giovane artista estroso, curioso delle novità emergenti, con gli anni tendeva a limitare i suoi interessi, restringendoli su Parma e il territorio circostante.
Si muoveva a fatica dall’abitazione di Borgo Felino - di cui conosciamo la cucina descritta con affettuosa, tenerissima sensibilità pittorica e luministica - e si dilettava a scrivere poesie in dialetto parmigiano. Nelle sue ultime tele compare una Parma velata di tristezza, seppur connotata di poesia. Si spegneva l’8 marzo del 1909, a 71 anni.
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

sicurezza

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

anteprima gazzetta

"La (poca) sicurezza a Parma sta diventando un caso nazionale"

sissa trecasali

Un altro rave party sulle rive del Po (a Coltaro): 28 denunciati Video

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

gazzareporter

"Acqua alta" in un vagone del treno Bologna-Milano

centro

Ponte Romano, lavori finiti: apertura confermata il 7 ottobre Video

Parma (e regione)

Ondate maltempo 2016-2107, entro il 23 ottobre le domande di risarcimento

Viabilità

Via Europa, apre il cantiere. E partono le code

2commenti

la festa

Serata Dadaumpa: beneficenza a pubblica e Croce rossa  Gallery

Formaggio

Il caseificio dove il parmigiano è questione di fede. Ebraica

1commento

BIMBO CONTESO

Fuggì in Spagna con il figlio, condannato a 1 anno

carabinieri

E prima della campanella arriva anche il cane anti-droga: controlli davanti alle scuole Foto Video

Al parco Ducale trovata droga nascosta sugli alberi

Ambiente

Dall'Olio dà mandato ai legali per diffamazione (contro M5S Forlì)

lavori

San Prospero, il fosso sarà ripulito e coperto. E nascerà un (agognato) marciapiede

SICUREZZA

Il sindaco a Presadiretta: "Chiediamo al governo un presidio permanente in stazione"

Il primo cittadino, che oggi sarà al Viminale, proporrà anche un aumento di organico per le Forze dell'Ordine

16commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

MONZA

Portata in Pakistan con l'inganno chiede aiuto (con una lettera) a scuola

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: la più piccola è morta

SPORT

CHAMPIONS

Magie di Icardi e Vecino, l'Inter vince all'ultimo respiro

Juventus

Sputo (gomitata e testata) a Di Francesco: 4 giornate a Douglas Costa

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

gossip

Il re delle notti? "Troppo noioso", la moglie lascia Bob Sinclar

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design