17°

28°

Arte-Cultura

Guido Carmignani dimenticato

Guido Carmignani dimenticato
Ricevi gratis le news
0

Pier Paolo Mendogni

Parma sembra piuttosto distratta sulle ricorrenze storiche riguardanti i suoi artisti più noti, ad eccezione di Correggio e Parmigianino. Quest’anno sta passando sotto silenzio il bicentenario della morte di Gaetano Callani - artista che ebbe prestigiosi riconoscimenti anche all’estero e le cui splendide statue giacciono ignorate nella chiesa di Sant'Antonio Abate - e lo stesso avviene per il centenario della scomparsa di Guido Carmignani, uno dei più sensibili interpreti della Parma ottocentesca.
Nato il 23 gennaio 1838 da Giulio, pittore di notevoli qualità, e da Virginia Guidorossi, fin da ragazzo ha mostrato uno spiccato talento artistico, tanto da essere già definito a 13 anni «pittore paesista» e come dimostra la «Veduta del torrente Parma presa dal torrente» del 1853, unica opera da lui firmata col nome Guido per esteso.
Nel 1854, sedicenne, partecipava alla mostra della Società di Incoraggiamento con quel «Torrente Parma presso il Ponte Dattaro» (oggi nella Galleria Nazionale di Parma) in cui la visione si dilata su un ampio orizzonte in una tenue luminosità scandita dai riflessi verdi e rosa degli alberi e delle case nelle acque immote del torrente mentre all’orizzonte i monti trascolorano nella luce della sera.
Un altro esempio della sua sensibilità nel cogliere la poesia della natura nei suoi mutamenti di luce e di atmosfera l’abbiamo nel «Mulino sul Po, tramonto», conservato nel Museo Glauco Lombardi, dipinto nel 1856, anno in cui inviava ben 16 opere alla Mostra di Incoraggiamento: in questo dipinto emerge pure la sua attenzione alla concretezza materica, che lo caratterizzerà in tanti suoi lavori.
Del tutto diversa, rispetto alle opere precedenti, la splendida «Reale Aranciera colla esposizione floreale» realizzata a 19 anni, che si può ammirare nella Galleria Nazionale: «un piccolo capolavoro giovanile» - l’ha definita Roberto Tassi nella sua fondamentale monografia su «Carmignani padre e figlio» - in cui Guido «si mostra già un pittore della vita moderna, che riproduce dal vero con freschezza di impressione, con linguaggio immediato».
Il 13 settembre dello steso anno (1857) il giovane, su consiglio del padre Giulio, partiva per Parigi, dove si tratteneva fino a metà del luglio del '58 frequentando i musei ma interessandosi soprattutto della pittura contemporanea, che in quel momento era ferma al naturalismo e al realismo della Scuola di Barbizon, anche se non mancavano le suggestioni esotiche degli orientalisti, che lo porteranno a riprendere alcuni soggetti, quali gli «Arabi nel deserto» e i gruppi di beduini.
Ma il suo principale interesse era il paesaggio in cui poteva esprimere il suo amore per la natura, riproducendola con realistica concretezza in modo antiaccademico. Si accostava pure alla litografia e alla nascente fotografia, che già alcuni artisti parigini utilizzavano per ritrarre quei soggetti che avrebbero poi sviluppato pittoricamente; un sistema che userà più tardi anche lui a Parma.
Al suo ritorno la duchessa Luisa Maria l’incaricava di eseguire sei figurini per maschere e alcune caricature per il carnevale del 1859. Nel 1862 veniva nominato professore di Paesaggio all’Accademia di Belle Arti di Parma, incarico che conserverà fino al 1877 quando verrà abolita la cattedra di quella materia.
Sempre nel '62 vinceva la medaglia d’oro alla Mostra di Bologna con una «Veduta di Cuneo». L’esperienza parigina gli era servita per addolcire il segno, per usarlo con maggiore scioltezza e per accentuare la luminosità cromatica del chiaro-scuro. E i risultati si vedono nei paesaggi appenninici ma anche in quegli angoli di una Parma ormai scomparsa e che Guido ha dipinto con un amore che ha saputo trasformare la povertà in poesia, i muri corrosi in affascinanti brani pittorici.
 Numerosi erano i riconoscimenti che gli provenivano non solo dal mercato ma anche dalle istituzioni. La disastrosa inondazione dell’Oltretorrente del 24 settembre 1868 veniva fotografata da Guido e queste tragiche immagini verranno riportate sulla tela cinque anni più tardi con una qualità pittorica tale da trasportare la realtà contingente su un piano di dramma assoluto.
Nel 1878 veniva incaricato per un biennio di insegnare Pittura di Paese a Brera e fra i suoi allievi vi era Giovanni Segantini. Poco dopo partecipava con due opere alla Esposizione di Belle Arti a Roma. Quello che era stato un giovane artista estroso, curioso delle novità emergenti, con gli anni tendeva a limitare i suoi interessi, restringendoli su Parma e il territorio circostante.
Si muoveva a fatica dall’abitazione di Borgo Felino - di cui conosciamo la cucina descritta con affettuosa, tenerissima sensibilità pittorica e luministica - e si dilettava a scrivere poesie in dialetto parmigiano. Nelle sue ultime tele compare una Parma velata di tristezza, seppur connotata di poesia. Si spegneva l’8 marzo del 1909, a 71 anni.
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Le serate al Chiosco di Collecchio

FESTE PGN

Le serate al Chiosco di Collecchio Foto

Nadia Toffa, post dopo la bufala sulla sua morte: "Mi hanno allungato la vita..."

LE IENE

Nadia Toffa, post dopo la bufala sulla sua morte: "Mi hanno allungato la vita..." Foto

La festa del Parma, cori al Tardini: tifosi scatenati

CALCIO

La festa del Parma, cori al Tardini: tifosi scatenati Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Torna bambino e decidi qual è il miglior cartone animato degli anni '80!

Lealtrenotizie

La festa del Parma al Tardini: Lucarelli si ritira. Lizhang: "Abbiamo mostrato il nostro coraggio"

CALCIO

La festa del Parma al Tardini: Lucarelli si ritira. Lizhang: "Abbiamo mostrato il nostro coraggio" Video Foto

Ritirata la maglia numero 6. D'Aversa: "A Spezia un'escalation di emozioni". Carra ringrazia i tifosi. Faggiano: "Ce l'abbiamo messa tutta"

PARMA CALCIO

Lucarelli parla alla curva con il megafono: "Siamo diventati una forza bellissima" Video

ANTEPRIMA GAZZETTA

Violenze in classe e conseguenze sui bambini: parlano la mamma di una piccola vittima e una psicologa

Le principali notizie della Gazzetta di Parma in edicola: le anticipazioni del vicedirettore Claudio Rinaldi

PARMENSE

"Cantine aperte": le foto di una domenica... di gusto

cultura

La magica Notte del Terzo giorno: scatti tra le ali di folla (e di arte)

PARMENSE

Berceto, 46 cani stipati in una jeep: denunciata coppia della Lunigiana Video

SANT'ILARIO

Vuole impedire che la fidanzata si droghi e accoltella il pusher: denunciato 40enne 

I passanti hanno chiamato i carabinieri. Denunciato anche il pusher, un 25enne nigeriano

1commento

incidente

Cade in bici nei Boschi di Carrega: ferito 44enne

Curiosità

Il sindaco di Medesano si sposa con Elena Levati, assessore di Collecchio

berceto

Valbona, crolla una parte di "castello". Inagibile la casa di una pensionata

BASSA

Sicurezza, il Comune di Fontevivo ingaggia le guardie giurate

2commenti

Bellezza

Miss Mondo: le parmigiane Lorena e Fabiana in corsa per il titolo nazionale

Traversetolo

Raid alla Sandrini Legnami. «E' il dodicesimo, non ne possiamo più»

ramiola

Cade nella rotatoria: motociclista ferito

montecchio emilia

Vende gift card per Amazon ma è una truffa: denunciato 25enne

Un 20enne reggiano ha speso 300 euro per la gift card, che però era abilmente contraffatta

Sfida

Giochi delle 7 frazioni: si torna all'antico

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Per Salvini sarà comunque una vittoria

di Luca Tentoni

1commento

LA PEPPA

La ricetta - Cotolette vere e cotolette finte

ITALIA/MONDO

ROMA

Conte rimette il mandato al presidente Mattarella. Salvini: "Ora al voto"

2commenti

POLITICA

I vertici M5S: "Si ragiona sull'impeachment di Mattarella". No comment del Quirinale

1commento

SPORT

CALCIO

La festa al Tardini: "finalissimo" Video

FORMULA UNO

Ricciardo sa controllare la gara. Sul podio sono tutti contenti

SOCIETA'

IL DISCO

Jethro Tull, cinquant'anni fa “This was” Video

PARMA

Quattro cani cercano casa Foto

MOTORI

IL TEST

Nuova Mercedes Classe A. Come va

motori

Prova Yamaha Niken la “carver bike”