10°

28°

Mostra

Sebastiano il bello dei nostri santi

"Bellezza e integrità nell'arte tra Quattrocento e Seicento", in corso (fino all'8 marzo) nel castello di Mirandolo

Sebastiano il bello dei nostri santi
Ricevi gratis le news
0

E'il santo più bello dell’arte cristiana: Sebastiano, rappresentato sempre seminudo, giovane, vigoroso e spesso in atteggiamenti che ne esaltano le fattezze fisiche, oltre le qualità morali. Secondo la «Leggenda Aurea» di Jacopo da Varagine, Sebastiano era un valoroso ufficiale della guardia imperiale a Roma al tempo di Diocleziano e Massimiano. Convertitosi al cristianesimo, è stato condannato a morte dall’imperatore nel 287. Un martirio atroce il suo: è stato colpito dalle frecce dei commilitoni che gli hanno causato dolori lancinanti penetrando nel corpo ma non l’hanno ucciso. Così è stato gettato nella Cloaca Massima dove il suo corpo è stato recuperato da una pietosa matrona e sepolto nelle catacombe sulla via Appia.
Nel 367 il Papa San Damaso ha costruito sulla sua tomba una basilica, più volte ristrutturata, che era una delle sette chiese visitate nei pellegrinaggi. Il martirio del santo è stato uno dei soggetti preferiti dai pittori rinascimentali e barocchi da Crivelli a Tiziano, da Rubens a Guercino, a Ribera in una varietà interpretativa che rende particolarmente affascinante la mostra ideata e curata da Vittorio Sgarbi «San Sebastiano. Bellezza e integrità nell’arte tra Quattrocento e Seicento», in corso (fino all’8 marzo) nel castello di Miradolo, immerso in uno splendido parco ai piedi delle colline di Pinerolo a pochi chilometri da Torino, sede della Fondazione Cosso.
Il catalogo, edito da Skira, è stato curato da Sgarbi e da Antonio D’Amico. San Sebastiano è diventato molto popolare all’inizio del Trecento, quando la pestilenza infieriva in Europa, in quanto era uno dei santi (come San Rocco e Sant’Antonio Abate) invocati contro la peste: i fedeli, infatti, speravano di guarire dalle piaghe del morbo così come il santo era uscito indenne dalle ferite delle frecce. L’immagine di San Sebastiano ha quindi avuto una larghissima diffusione per l’importanza devozionale assunta ma anche per l’interesse che gli artisti hanno trovato nel dipingere un giovane seminudo in cui la bellezza fisica corrispondeva a quella morale nel segno della integrità e della incorruttibilità. Così San Sebastiano dalla metà del Quattrocento è stato dipinto da tutti i più famosi artisti.
«A Miradolo – scrive Sgarbi – si è fatta una scelta piuttosto ampia fra la quantità di esempi che la pittura e la scultura dal Rinascimento al Seicento inoltrato offrono. Si tratta in gran parte di dipinti poco conosciuti». E proprio per questo la rassegna assume un maggior interesse, anche perché si scoprono capolavori raramente visibili.
Nel Quattrocento il martire è rappresentato in piedi, legato a un albero o a una colonna. Lo spagnolo Pedro Berruguete ne dà una splendida immagine di culturista trafitto da una decina di frecce con lo sguardo velato d’estasi divina.
Rivolge gli occhi rivolti serenamente al cielo il delicato santo del Perugino, colpito da una sola freccia a una natica mentre quello del parmigiano Francesco Marmitta esprime una dolente dolcezza che Francesco Francia trasforma in pia rassegnazione in un paesaggio metafisico. Straordinaria la scultura a tutto tondo in bianca terracotta invetriata di Andrea della Robbia. Poi alcuni artisti – come Genga e Palmezzano – ricorrono all’artificio di fargli alzare un braccio dando più slancio al corpo.
Plasmato di vellutata tenerezza di carne vera è il monumentale San Sebastiano di Tiziano (1530) legato a un albero e colpito da due frecce: il martire è raccolto nel suo dolore con la consapevolezza della gloria celeste che l’attende.
Accompagnano il cadorino altri artisti veneti come Paris Bordone e Girolamo da Santa Croce che inseriscono il santo in Sacre Conversazioni.
Il dolore composto di concezione rinascimentale si modifica verso la fine del Cinquecento in una gestualità più teatrale come emerge nella grande tela di Ludovico Carracci col santo inarcato con le braccia alzate e gli occhi stravolti.
Nello splendido quadro di Rubens, originale capolavoro palpitante di carni nude, la sofferenza si fa corale e coinvolge gli angeli che curano il giovane dai boccoli biondi, esausto e sanguinante: una «dimensione dolente» che Sgarbi accosta alla figura di Cristo; in un angolo è posta la corazza che ricorda il suo ruolo di soldato. I bolognesi Reni e Guercino continuano a mostrarci un santo ancora composto nel suo dolore che viene sottolineato dalla malinconica tristezza del paesaggio. Ma il Caravaggio ha portato uno spirito e un linguaggio nuovi: un realismo violento nella gestualità e nei chiaroscuri mirabilmente interpretato da diversi artisti tra cui il misterioso olandese (Dirck Van Baburen o David de Haen?) autore del capolavoro della Quadreria del Vescovado di Milano, e Trophime Bigot, il cui meraviglioso San Sebastiano di audace taglio «fotografico» a mezzo busto trasversale è un capolavoro di trasognato patetismo.
Il dolore straziante delle ferite scuote all’interno il santo di Ribera e di Luca Giordano mentre Mattia Preti esalta la luminosità del martire nella visione fulgida del martirio.
E sulla scia caravaggesca hanno camminato numerosi altri artisti fino al Settecento quando Sebastiano, in un pittore vicino a Pierre Subleyras, ha preso le forme di un modello accademico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

S-Chiusi in galleria

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

Bruce Springsteen ha compiuto 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen ha compiuto 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, nel mirino sponsorizzazioni a squadra di basket parmigiana

16 indagati e sequestro per 25 milioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

MONTAGNA

Corniglio, 14enne infortunata durante una gita con classe: interviene il Soccorso alpino

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

arte

Restaurata la Cassetta Farnese di Capodimonte: presto sarà (temporaneamente) a Parma

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

CASTELFRANCO EMILIA

Sparano a uno straniero ed esultano: indagini in corso

SPORT

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

2commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno