16°

29°

Arte-Cultura

Messa da requiem: in edicola il cd con la Gazzetta

Messa da requiem: in edicola il cd con la Gazzetta
Ricevi gratis le news
0

di Gian Paolo Minardi

Si tratta di un’occasione, questa dei tre titoli offerti dalla Gazzetta di Parma in concomitanza con il Festival Verdi, per compiere un viaggio retrospettivo nello sconfinato paesaggio dell’interpretazione, in quel territorio la cui fisionomia di un’opera va continuamente trasformandosi, per la natura stessa di quel linguaggio, la musica, che vive nell’attimo in cui la si produce per poi spegnersi nel silenzio. 
Se l’immagine di una composizione è quella fissata in partitura, la sua reale vita è quella che si rinnova ogni volta che l’interprete traduce in suono questa immagine, che non è mai la stessa, proprio per l’estemporaneità delle circostanze - contingenti, storiche, culturali - che rendono impossibile l’esattezza della replica. 
Ogni esecuzione, dunque, è un momento unico, la cui fugacità lascia tracce sensibili nell’animo dell’ascoltatore, decantandosi via via nella memoria; il disco ne prolunga e ne rinnova la suggestione consentendo approfondimenti, confronti, riflessioni. In tale prospettiva si pongono appunto questi suggerimenti indicati dalle tre opere proposte quest’anno dal Festival Verdi. 
Iniziando dalla «Messa da Requiem» , uno dei testi che per la sua intensità, la sua tensione ha coinvolto tutti i grandi direttori, come attesta la vastissima discografia: testimonianza quindi della complessità delle spettro interpretativo di fronte ad una partitura che con affascinante ambivalenza svela dietro l’impianto liturgico la pressione melodrammatica, due termini che si intersecano in tutte le possibili gradazioni a definire le scelte dell’interprete.
 Direi che in tal senso l’offerta di questo «Requiem» discografico costituisce una rarità, per molti un’autentica sorpresa, dato che il nome del direttore, Ferenc Fricsay, tra i più grandi apparsi sulla scena della seconda metà del novecento, a causa anche della scomparsa prematura, a nemmeno cinquant'anni, non ha la risonanza di un Karajan o di un Bernstein. Vale per questo la pena soffermarsi sulla sua personalità., quale emerge con tratti sempre più individuati da quel confuso orizzonte che si apre dopo la seconda guerra dove attorno alle grandi presenze, ormai storiche, quelle dei Klemperer, dei Furtwaengler, dei Walter, per citarne solo alcune, vanno affermandosi più giovani rappresentanti di una nuova generazione, sospinti da una visione interpretativa che, pur radicata nella grande tradizione, svela prospettive inedite. 
Come quelle indicate da Fricsay, con la sua straordinaria compenetrazione della vita con la musica, una passionalità nutrita dal lavoro tenace, da quel rigore che aveva trovato una particolare accensione dall’aver assistito ai concerti tenuti da Toscanini a Budapest; sua città natale. 
La musica quale armoniosa realizzazione di una realtà idealizzata, prospettiva che Fricsay poté raffigurare grazie anche all’influenza decisiva della personalità di Bartok, a quella sua tensione umanistica che gli si rivelò e che andò assimilando negli anni del suo apprendistato col grande musicista.
Fin dalle prime esperienze Fricsay si immerge nella pratica teatrale, affrontandone tutte le imprevedibili contingenze e stabilendo con l’opera un rapporto fortemente coinvolgente, come ben attestano i suoi approdi mozartiani non meno di quelli verdiani di cui ci restano preziose testimonianze: un «Don Carlos» del 1948 col giovane Fischer-Dieskau nel ruolo di Posa, una intensissima «Traviata», un serrato «Rigoletto» (in tedesco), e ancora «Otello», i «Quattro pezzi sacri»; fino a questo «Requiem», con i complessi della RIAS di Berlino e con quattro solisti di gran rilievo quali Maria Stader, Marianna Radev, Helmut Krebs e Kim Borg , tutti partecipi di una lettura incandescente ed insieme poeticissima. Il teatro era per Fricsay, infatti, il luogo in cui trovava pienezza di realizzazione quella sua profonda visione della musica come sintesi compiuta di una dato dell’esistenza, un viaggio il suo animato da un vitalismo bruciante ma sempre teso dalla perfezione, uno spirito tutto incarnato nella musica, rivissuto tanto attraverso l’energia strutturale quanto attraverso la sensibilità timbrica, due aspetti fortemente integrati tra loro in cui possiamo riconoscere lo specifico della portata davvero rivoluzionaria recata dall’apparizione del grande direttore ungherese sull'orizzonte interpretativo degli anni cinquanta.
 Ma pure momenti di straordinario rilievo riguardano le altre due opere in programma, rispettivamente «Nabucco» e «I due Foscari». Della prima è offerta una versione «storica», non solo per la data ma pure per presenza in un cast qualificato di una Callas agli inizi della sua vivida carriera; siamo a Napoli nel 1949 dove dopo il rivelatore esordio veronese del 1947 con «La Gioconda» il soprano ventiseienne affascinava il pubblico nei panni di una Abigaille ricreata con un’intensità sconvolgente, frutto di una vocalità fuori dal comune per saldezza d’impianto, argento del suono, duttilità estrema, ed insieme di quella drammaticità teatrale che rappresentò una vera e propria rivelazione nel dominio del melodramma. 
Uno scorcio di quel «Nabucco» napoletano, con l’autorevole direzione di Gui e la presenza prestigiosa di Gino Bechi e Gino Sinimberghi, la offre una colorita testimonianza di uno spettatore: «Come si fa a diventare protagonista di Abigaille? Si aspetta la chiusa della stretta del celebre duetto del terzo atto e mentre Nabucco chiude col sol acuto il ''Deh, perdona...'', la Callas senza preavviso lancia un interminabile mi bemolle acuto non scritto che copre persino l’orchestra incandescente e tira già dalla sedia chi era in teatro...». 
E pure emblematico l’altro disco, con la registrazione dal vivo dei «Foscari» al Regio di Torino nel 1984, diretti dalla mano esperta di Maurizio Arena, per la cifra che un Bruson nella pienezza della maturità imprime al personaggio del vecchio Doge, penetrando nelle pieghe più riposte del suo animo devastato: una delle incarnazioni più autentiche del nostro grande interprete. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

DOMENICA 1

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

6commenti

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

11commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

6commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

LONDRA

Davanti a Buckingham Palace con un taser, arrestato

SPORT

3a giornata

Roma ko a Bologna, crisi nera. E quel Parma lì, chi l'avrebbe detto Risultati, classifica

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

LA PROVA

Kia Sportage diventa «Mild Hybrid»

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street