20°

Arte-Cultura

Luce, grumo di verità

Luce, grumo di verità
Ricevi gratis le news
0

 di Gianni Cavazzini

La morte di Roberto Tassi, «sopraggiunta quasi all'improvviso, subdola e particolarmente crudele, all'inizio di agosto del 1996» - per usare le parole, intimamente partecipi, di Mario Lagavetto - lasciò un vuoto non più colmato nella vita culturale italiana. La profondità e, insieme, la discrezione del suo lavoro di critico tornano ora con la mostra che s'inaugura domani, alle 17,30, per l'iniziativa della Fondazione Cariparma e dell'Università degli Studi, nelle sale di Palazzo Bossi Bocchi: «Tre pittori per Roberto Tassi. Sutherland Morlotti Ruggeri», a cura di Mario Lavagetto con la collaborazione di Stefano Roffi (aperta sino al 31 gennaio 2010, ventisette le opere esposte). «Ho lavorato per lungo tempo a Parma - diceva di sé Roberto Tassi -, scrivendo pagine sull'arte di ogni paese e di ogni periodo, ma soprattutto d'Italia e di Francia, e dei secoli XIX e XX». Sono le «affinità elettive» che lasciano tracce indelebili sulle pagine dei due volumi editi da Guanda giusto dieci anni fa per documentare l'opera di Tassi «critico militante» sulla «Repubblica» nel periodo 1977-1996. La sola lettura dell'elenco delle mostre e degli autori recensiti basta a dare l'idea di un impegno totale, senza soluzione di continuità, nel rapporto che lega il critico all'oggetto della sua ricerca: l'opera d'arte. Se si aggiunge poi che la stesura di ogni articolo era preceduta da un lungo periodo di preparazione mirata sull'argomento, fatta di appunti e di  analitiche biografie sugli autori entrati, per l'occasione, sotto la sua lente critica. Era un processo di avvicinamento al testo compiuto su cui sovraintendeva il rigore di una moralità limpida e assoluta, impermeabile alle sollecitazioni interessate e ai compromessi. Si capiva, insomma, che dei giudizi di Roberto Tassi ci si poteva fidare. Si entrava così, senza timori, nella magia sottile di una scrittura morbida e leggera che portava il lettore nel cuore di una mostra, di un pittore, di una poetica, in modo che al termine della lettura ti sentivi, intimamente,  più vero. Sono le emozioni che si rinnovano, ora, dinnanzi ai dipinti dei tre artisti (Sutherland-Morlotti-Ruggeri) scelti per la loro vicinanza reale al sentire del critico: espressa nell'intensità degli incontri, decantata nei ripetuti rapporti epistolari, tradotta nelle reciproche visioni di un'unica forma di pittura e di scrittura.
Con Graham Sutherland la scintilla scoccò in occasione della mostra antologica allestita, nel 1965, alla Galleria Civica d'Arte Moderna di Torino. Andammo insieme e Roberto, con la mediazione di Franco Russoli, curatore dell'esposizione, parlò con il grande artista inglese. E fu il prodigio di un incontro fra due personalità estremamente riservate che si parlarono a lungo e gettarono le basi di una collaborazione che sarebbe culminata poi con la cura, da parte di Tassi, nel 1978, della  «Complete Graphic Work» di Sutherland. Per il pittore come per il critico il punto di partenza è sempre rappresentato dall'esperienza visiva ed emozionale del mondo. Ma è nell'attitudine alla trasposizione metaforica del reale, in questo filo continuo della rappresentazione di Sutherland, che si genera il contatto con l'intuizione interpretativa di Tassi: con le forme che, «in parallelo con la natura», si trasformano nel mito e nel miraggio della vita.
 Di Ennio  Morlotti è il segno - ma si potrebbe dire il gesto, che sostanzia il segno di energia e di emozione - a stringere di vincoli inestinguibili il rapporto con Roberto Tassi. E' la potenza espressiva che si racchiude nel corpo della materia-colore a colpire le sensibilissime membrane del critico che si fa, a partire dai primi anni Cinquanta, compagno di viaggio del pittore. L'accumulo lento e progressivo della sostanza fisica porta alla scoperta - reciproca fra i due dei «nudi». E scrive Tassi: «Nudi teneri, delicati, luminosi, forme appena segnate, come corpi emersi da una matrice di cui conservassero l'impronta». La tensione narrativa accompagna il  pittore sino ai macerati estremi delle «Bagnanti», ultimi segni d'amore: «E' stato questo amore, questa comprensione, che hanno aiutato Morlotti a costruire i corpi delle donne contro e prode d'erba o contro l'acqua del lago, come i muri irregolari e antichi contro le colline o contro il cielo». Infine Piero Ruggeri che chiude la triade: «con la sua pittura d'azione fortemente gestuale», dice Tassi. Il dissidio fra la coscienza dell'artista e il mondo della natura - questo filo rosso lungo la storia di Ruggeri - affascina la sensibilità vibratile di Roberto Tassi che lo segue in tutte le sue varianti, fino al suono aspro dell'ultima rivolta umana. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Smartphone: da nemici ad alleati in classe

HI-TECH

Smartphone in classe: nemici o alleati?

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Massaggi

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

1commento

VIABILITA'

Incidente in viale Milazzo, due auto coinvolte. Disagi anche in autostrada

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

1commento

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

2commenti

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

Napoli

"Lo sposo è scappato con i soldi dei regali". Scoppia una rissa al matrimonio

1commento

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

1commento

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno