17°

29°

Arte-Cultura

Omaggio a Leonello Cavalli

Omaggio a Leonello Cavalli
Ricevi gratis le news
0

Tiziano Marcheselli
Fino a tutto gennaio resterà aperta nelle sale di Villa Soragna nel Parco Nevicati a Collecchio la mostra antologica postuma di Leonello Cavalli, voluta dalla famiglia del pittore, scomparso una terntina d’anni fa, e patrocinata dal Comune di Collecchio. In Italia esistono delle strane zone, dove tutti fanno la stessa cosa: e la fanno anche bene, come, ad esempio, i mobilieri della Brianza, i gelatai del Veneto o i vignaiuoli delle Langhe. A Colliculum e colline limitrofe, invece, sono tutti metà pittori e metà scultori. E nelle ore libere, magari, inventano carri da carnevale, oggetti geneticamente modificati e diavolerie del genere. Saranno i misteriosi Boschi di Carrega, sarà il fascino delle lanche del Taro, sarà quell’aria dolce, sotto forma di memoria, che ha respirato gente come Amos Nattini o Riccardo Fainardi. Chissà... Resta il fatto che nel Novecento sono nati in zona tanti bravi artisti, legati anche alla tradizione locale della Sagra della Croce, prima, e del Centro culturale Villa Soragna, poi. E tra questi è rimasto nella memoria Leonello Cavalli da Gaiano, artista modesto e sensibile, che oggi si vuole ricordare con questo omaggio dei figli e dell’assessorato alla cultura collecchiese. Negli anni Sessanta erano di grande attualità i premi di pittura estemporanea, cioè molti amministratori di paese (sia nel Parmense che nel Reggiano e nel Modenese) bandivano un concorso, spesso con un tema, e i pittori arrivavano, timbravano la tela (per evitare trucchi) e piazzavano i loro cavalletti nelle strade e nelle piazze, con gran sollazzo dei curiosi che sostavano a osservare come progrediva il dipinto. Con tanti aneddoti e curiosità.
 Ricordo - ad esempio - che una volta il pittore Giorgio Manini, che dipingeva in un pollaio, a forza di scuotere i pennelli, alla fine dell’opera aveva fatto diventare le galline di mille colori. Vincenzo Vernizzi, invece, grande dominatore delle estemporanee, faceva in fretta a finire il quadro per poter organizzare una partita di pallone. Ecco, credo proprio di aver conosciuto Cavalli a un’estemporanea, e c’è anche una bella foto (che riproponiamo) con tanti pittori, dai collecchiesi Cattani, Vernizzi e Cesari, ai fratelli Afro e Franco Bia di Gaiano, tutti insieme per una premiazione.
Avevamo concorsi a Collecchio (la mitica Croce, e poi anche rassegne in Municipio), Calestano (premio supportato - sindaco Tiziano Del Sante - dagli affreschi per le strade antiche), Cozzano (alla Pineta), Felino (per Ferragosto), Fornovo, Bedonia, Borgotaro e un po’ in tutti i paesi, che andavano a gara a trovare premi in denaro, in natura (una volta ho visto un noto artista coi baffi, a Sesta Inferiore, mettersi un salame sotto il tabarro) e in coppe e medaglie (un altro pittore, a Calestano, ha rifiutato una bella coppa d’argento perché voleva solo i contanti...).
Al Castello di Felino, poi, il titolare aveva già deciso chi doveva vincere il concorso e la commissione giudicatrice se n’era andata indignata. Ma Leonello Cavalli con tutti questi «inghippi» non c’entrava niente. Era un pittore serio, sereno, appassionato, che amava la campagna circostante, i casolari, i frantoi, le prime colline imbiancate di neve, e li dipingeva con la semplicità dell’artista innamorato della propria terra, del pittore che, anche se con poco tempo a disposizione, voleva restare nel «gruppo» degli amici della zona. C’era, evidentemente, Alberto Cattani a fare un po’ da «chioccia» ai vari Marchetti, Cesari e Vernizzi (e - a questo proposito - allora si raccontava che il fratello di Cattani, Orlando, da ragazzo dimostrava doti ancora maggiori di Alberto; di lui ho un ricordo tristissimo: l’ho visto morire d’infarto durante un’estemporanea a Corniglio). Cavalli si vedeva ogni tanto, e qualche quadro - anche in questa mostra - ricorda abbastanza Alberto Cattani, il Cattani delle periferie e dei frantoi, con quei colori freddi, invernali, improvvisamente accesi dalla piccola tessera di una luce rossa. Con i fratelli Bia, Cattani (che chiamava Bertino) e qualche volta Vernizzi, Cavalli amava recarsi in Taro e in vari luoghi della «Bassa», come il porto di Boretto, dove il gruppetto scavalcava anche recinzioni pur di immergersi nella natura prescelta. E quando si dipingeva - dice Franco Bia - non si sentiva il freddo. Nella vita privata, poi, Cavalli (che, da impresario, aveva continui rapporti con il Comune e varie ditte) viene ricordato amabile, che sopportava tutti, sempre disponibile magari a trasportare gli amici con la propria auto, una vettura francese - dicono - di cui nel Parmense avevano venduti solo due esemplari.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

Il caso

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento

san leonardo

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento. Video: lo spaventoso incendio - 2

1commento

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale Video

Ecco i progetti annunciati dal Comune

6commenti

Crédit Agricole

Giampiero Maioli insignito Cavaliere della Legione d’Onore dall'Ambasciata Francese

anteprima gazzetta

Sicurezza a Parma, il caso ora è politico: "Ma ai parmigiani interessa che si faccia qualcosa"

PARMA

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

4commenti

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

carabinieri

Salumi contraffatti: sequestri a Parma (Reggio e Piacenza) Video

trasporti

Campari (Lega) richiama Ferrovie: "Alta velocità, collegamenti con Parma carenti"

visita

Ferrero, il presidente "esplosivo" a Parma

incontro

Nando Dalla Chiesa: "Criminalità, mai abbassare la guardia" Video

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Si comincia con la danza verticale "Full Wall" e l'installazione "Macbeth"

QUARTIERE TAMBURI

Fondazione Pizzarotti e Parole di Lulù onlus insieme per i bambini di Taranto

gazzareporter

Bici e pure la borsetta sotto il ponte

PARMA

Riporta il carrello dopo la spesa e la borsa sparisce dall'auto: denunciato un 29enne

INCIDENTE

Auto sbanda e finisce contro un albero: muore un 69enne a San Polo d'Enza

Montechiarugolo

E' morto Mino Bruschi, fu psicoterapeuta nella clinica di Monticelli

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

GAZZAFUN

10 piazze della nostra provincia: in quale comune siamo?

ITALIA/MONDO

MILANO

Pedofilia: 6 anni e 4 mesi a don Galli

OMICIDIO-SUICIDIO

Uccide la madre e si getta da un ponte nel Reggiano

SPORT

EUROPA LEAGUE

Luis Alberto-Immobile: la Lazio piega l'Apollon

Serie C

Sospese fino a data da destinarsi le gare dell'Entella

SOCIETA'

dublino

Aereo tenta l'atterraggio: il vento costringe a riprendere il volo

PARMA

Ponte Romano, sopralluogo in vista dell'inaugurazione Foto

MOTORI

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse