17°

27°

Arte-Cultura

La nostra terra, le sue nobili radici

La nostra terra, le sue nobili radici
Ricevi gratis le news
0

Il sommario del secondo tomo della grande «Storia di Parma», a cura di Domenico Vera per i tipi di Mup coraggioso editore, è di tutto rispetto. Questo secondo volume (ricordiamo che l'impresa editoriale è promossa per volontà di Fondazione Monte Parma, Università e Banca Monte Parma) si apre sulla grande avventura di «Parma romana» e comprende saggi, studi e ricerche di Mauro Rottoli, Maria Bernabò Brea, Giuseppe Sassatelli e Roberto Macellari, Daniele Vitali, Gino Bandelli, Domenico Vera, Maria Giovanna Arrigoni Bertini, Emanuela Ercolani Cocchi, Manuela Catarsi,  Sara Santero, Pier Luigi Dall'Aglio, Bruno Zucchelli (che ci ha lasciato poche settimane or sono), Marcella Forlin  Patrucco e Alessia Morigi. Un'ampia bibliografia e gli indici dei nomi di persona e dei luoghi completano il grosso e attesissimo contributo. Contributo che comprende la storia dalla Parma del VI millennio prima di Cristo sino ai tempi del primo cristianesimo diffusosi in città, cioè un vasto ventaglio d'argomenti quasi tutti per la prima volta approfonditamente affrontati dagli studiosi in maniera critica, con ampia documentazione fotografica e con attento e provveduto uso delle più varie fonti antiche e moderne. Nel volume intitolato «Resistenza del Classico» che Rizzoli in questi giorni pubblica come «Almanacco Bur» 2010 a cura di Roberto Andreotti, il saggio introduttivo su «Cosa dovrebbe mai essere un classico» di Mario Lavagetto con rara chiarezza d'intuito critico offre alcune considerazioni che possono benissimo introdurre il nostro discorso oggi sulla storia di Parma romana. Citando Eliot, Lavagetto infatti scrive: «Una volta stabilita e accettata l'unità della cultura europea a partire dalla Grecia e da Roma, e una volta fissasti i requisiti indispensabili a definire un'opera classica, Eliot non ha difficoltà a indicare in Virgilio il poeta che meglio di tutti ha incarnato il modello del classico grazie a una miracolosa e irripetibile  sintonia». Mettiamo anche noi «Parma romana» dunque sotto il segno di Virgilio e della sua incomparabile avventura poetica e intraprendiamo la lettura di queste centinaia di pagine che verranno presentate  giovedì  alle  17  al Teatro Regio (saranno presenti Gino Ferretti, Gilberto Greci, Alberto Guareschi, Maurizio Dodi, Pietro Vignali, Vincenzo Bernazzoli, Andrea Zanlari, Paolo Scarpis, Giuseppe Guzzetti; presenteranno l'opera Domenico Vera  e Giovanni Brizzi; l'incontro è organizzato in collaborazione con Fondazione Teatro Regio, Gazzetta di Parma e TV Parma). Domenico Vera ci offre subito un chiaro progetto d'analisi quando osserva che «ferma restando l'impronta romanocentrica che si è voluto imprimere al volume, la trattazione non trascura le fasi di civiltà anteriormente attestate sul territorio: da un lato le presenze preistoriche a partire dal VI millennio di cui la testimonianza principale è costituita da un villaggio terramaricolo; dall'altro quelle immediatamente preromane: quindi i liguri, gli Etruschi e i Galli». Parma venne alla luce nel 183 a.C. come ci racconta Tito Livio in un passo importantissimo che è un vero e proprio «atto di nascita» della città. La colonia di cittadini romani era qui emigrata conservando la pienezza dei diritti politici e il suo lavoro consegnò subito alla Repubblica un territorio d'eccezionale importanza economica e politica sotto il consolato di Marco Emilio Lepido (187-175). Nel segno di tale nascita «Parma romana» procede per successive tappe di ricognizione che si fissano a Parma imperiale da Augusto a Giustiniano, alla sua società e religione, alla moneta, alla cultura artistica e all'artigianato, ai territori della civiltà urbana e agricola, alla cultura letteraria, alle trasformazioni della città dentro la città rispetto alle forme più antiche, e all'arrivo dei primi cristiani. Nel corso degli ultimi secoli molti di questi argomenti furono più volte settorialmente studiati, ma forse i risultati che ora abbiamo sotto gli occhi sono i più cospicui, ricchi e per certi versi completi essendo la somma di molte e approfondite ricerche e dello studio dei documenti e delle fonti che i moderni sistemi d'indagine enormemente favoriscono attraverso gli scavi, gli studi sulla lingua e sugli insediamenti delle popolazioni. Villaggi, strade, cimiteri, ville, luoghi pubblici comuni, teatri e templi parlano a chi sa decifrarne le voci ancora oggi. Essi rappresentano la civiltà, l'impegno e il lavoro di quei «duemila Romani poveri, giovani con moglie e uno-due bambini da mantenere, i quali, in cambio di poca terra e di un'esistenza non facile ma più dignitosa, si iscrissero a Roma nelle liste del contingente destinato a insediarsi in un'area remota da poco strappata a una bellicosa tribù celtica, immersa nel cuore di un'immensa pianura ancora insicura, in gran parte allo stato naturale». Così scrive Domenico Vera e l'immagine da lui suggerita è molto efficace per capire cosa sia stata, per Parma e per l'Emilia tutta, la romanità, cioè il dominio di quella civiltà che ha lasciato per sempre tracce indelebili. Torniamo dunque a quell'aggettivo «classico» che tanto c'intriga ancora oggi e scopriamo così tra le quasi mille pagine di «Parma romana» le nostre radici. Ci soccorre la poesia, come sempre, e quella di Virgilio in particolare, nato non molto lontano da qui «Mantua me genuit»). Approdiamo come tanti Enea alla nostra antica patria ascoltando voci così remote, segni così incisi nel tempo, storie così permeate di vita e di morte, e l'invito che ci giunge ben chiaro e preciso: «Antiquam exquirite matrem».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Sicurezza, stamane incontro al Viminale tra Pizzarotti, Casa e il sottosegretario Molteni

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

Viabilità

Via Europa, apre il cantiere. E partono le code

1commento

Formaggio

Il caseificio dove il parmigiano è questione di fede. Ebraica

1commento

BIMBO CONTESO

Fuggì in Spagna con il figlio, condannato a 1 anno

carabinieri

E prima della campanella arriva anche il cane anti-droga: controlli davanti alle scuole Foto Video

Al parco Ducale trovata droga nascosta sugli alberi

lavori

San Prospero, il fosso sarà ripulito e coperto. E nascerà un (agognato) marciapiede

SICUREZZA

Il sindaco a Presadiretta: "Chiediamo al governo un presidio permanente in stazione"

Il primo cittadino, che oggi sarà al Viminale, proporrà anche un aumento di organico per le Forze dell'Ordine

16commenti

38 anni dopo

Strage di Bologna: ultimo sopralluogo sulle macerie, poi l’analisi dei frammenti a Parma

CORCAGNANO

Piazza Indipendenza off limits, scattano le proteste

ROCCABIANCA

Profughi, soluzione alternativa a via Verdi

1commento

Fidenza

La carica dei 300 scolaretti dalla Collodi all'ex Agraria

CONSIGLIO COMUNALE

Un semaforo pedonale in viale Fratti

Sarà all’altezza del polo pediatrico

1commento

Teatro

Cevoli: «Il mio Rossini? Un mattacchione»

Fidenza

36enne apre conti bancari (veri) con documenti falsi: scoperta, denunciata e arrestata

tar

(Chiusura) Open shop di via Bixio, Comune condannato al risarcimento

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Pietro Barilla, storia di un padre

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

ITALIA/MONDO

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: uno è morto

REGGIO EMILIA

Bidello di un asilo accusato di violenza su un bimbo di 4 anni

SPORT

USA

Giovane promessa del golf trovata morta sul campo in Iowa

SERIE A

La Spal stende l'Atalanta con la doppietta dell'ex Petagna

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

NAPOLI

Il set di Gomorra al centro di una protesta degli inquilini

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design