14°

26°

tutta parma

I barcaioli, zingari del grande fiume

I barcaioli, zingari del grande fiume

Foto di un pescatore nel Po scattata da Gigi Montali ed evocativa di antiche atmosfere

Ricevi gratis le news
0
 

Un tempo i barcaioli, di cui oggi restano più epici ricordi che epigoni nostalgici, solcavano senza sosta le acque del Po, come se officiassero solennemente un sacro rito: e così uscivano tra le nebbie invernali e nell’afa estiva, sotto la pioggia e con ogni tempo, senza mai temere nemmeno il vigore inconsulto e spaventoso delle piene. Ancora oggi le foto di Gigi Montali sembrano restituire quella sensazione degna di un mito. In un racconto pubblicato sulla Gazzetta il 30 maggio 1929, intitolato «Barcaioli», Leonida Fietta descrive le atmosfere del Po e narra di un tipico uomo del Grande fiume, il Corsetti, che «con la casa aveva ereditato il “porto”, come chiamavano da quelle parti l’impresa di traghettare dall’altra sponda del fiume chi doveva andar a dare nella strada provinciale». Il lavoro non mancava perché il punto in cui aveva scelto di esercitare il mestiere era strategico e tutti gli abitanti del circondario fruivano del servizio anziché passare dal ponte di ferro del capoluogo, lontano e scomodo. Fietta descrive anche i ritmi della vita, segnata dal suono di quella specie di trombetta «legata a un tronco apposta perché potesse chiamare chi voleva venire di qua». Poi ecco la piena, che incombe sull’esistenza quotidiana, le insidie e i mulinelli, affrontati sempre con vigore e coraggio. Certo, quello del barcaiolo, spesso definito anche «barcaro», era un mestiere antico e diffuso nella Bassa parmense: esistono famiglie che per generazioni si sono trasmesse tale lavoro, di cui restano attestazioni già nel Trecento. «Io – scrive un anonimo dell’epoca – sono nato come il pesce e lo gabbiano che nasce nelle acque profonde e dal cielo più alto. Nessuno può togliermi il dono di Dio che mi ha fatto. Lo mio vanto è di restare libero come l’augello nell’aria, e non faccio fumo sulla terra dove di pene e di dolor si vive». Bevilacqua richiama non di rado nelle sue opere questa figura: nel libro «La festa parmigiana», ma anche in altri volumi, emergono immagini molto connotate, frutto della cultura popolare a cui lo scrittore talora attinge, ad esempio quando scrive: «Mentre si guardava intorno e ritrovava nella semioscurità gesti naturali, tendendo le braccia ai resti del fuoco nel camino, mi fece pensare al barcaro pietrificato che spuntava dalle piene a Ghiare Bonvisi». Ma, al di là delle suggestioni letterarie e dell’ampia mitologia padana sorta intorno a queste figure, restano i dati storici. Come nota Galliano Cagnolati nel suo analitico contributo, intitolato «Il barcaro» e inserito nel saggio miscellaneo «Gli uomini del fiume. I mestieri del Po» (Sometti), questa sorta di “zingaro” del Grande Fiume è descritto come una vittima designata della tecnologia e della civiltà urbana e «i suoi eredi, che per un certo gusto del passato amano ancora chiamarsi “barcari”, sono tranquilli dipendenti di grosse imprese di navigazione (trasporti fluviali) o peggio dipendenti dello stato […] e della regione». Ma quella del barcaro non è solo una figura professionale: no, è molto di più, perché, come annota Cagnolati, «ha raggiunto per i padani un valore simbolico, simbolo di indipendenza, di libertà, di individualismo, da essere riuscita a trascendere i limiti della contingenza temporale e storica». Generalmente, i barcaioli avevano come unica ricchezza la propria barca, insieme all’amore e alla perizia nello svolgere il mestiere di famiglia. Sì, perché, proprio come nel racconto di Fietta, i giovani spesso accompagnavano i loro genitori, non solo per apprendere il mestiere che, insieme alla barca, un giorno sarebbe stato loro, ma anche per ripulire coi loro arpioni, soprattutto durante le piene, le acque dai grossi tronchi che ostruivano la navigazione, portandoli poi a seccare al sole. E poi piantavano la “palina”, segno della proprietà che tutti, nella civiltà contadina rivierasca, rispettavano. E le memorie di quel mestiere sono tutt’altro che opache, come dimostra la storia di Ezio Avanzini, classe 1932, che, come ha scritto nel novembre scorso Stefano Rotta, attribuendogli, già dal titolo, la patente ormai rara di «barcaiolo del Grande fiume», «naviga con le barche del Po, le “barbotte”, da quando aveva 12 anni; ce lo portava la mamma, Adele Pecchioni. Uno dei tipici uomini della Bassa: «nato a Fossa di Roccabianca», ma «vive e ama Stagno dal 1943» e, come tutte le persone legate al Po, non può prescindere da un rapporto quotidiano e intenso con il fiume. Non a caso, anche in occasione della piena di alcuni mesi fa, era «intento nel recuperare tronchi dall’acqua, ripulendo il corso del Grande Fiume e procacciando energia e calore per sé e per altri». Non è nemmeno un caso che queste notizie di cronaca corrispondano perfettamente alle ricostruzioni storiche. «Al momento opportuno, – spiega ancora nella sua attenta ricostruzione Cagnolati – con un carretto trainato da un cavallo per i più attrezzati, o con una carriola per i più poveri, portavano a casa la bisogna per il riscaldamento invernale». Ma come si vestivano i barcari? «Dalla primavera all’autunno, a piedi scalzi con i pantaloni rivoltati fino al ginocchio, camicia a quadri multicolore senza colletto con sotto lunghe maglie rosse accollate con pochi bottoni». Un modo di abbigliarsi spartano e dignitoso: degno di umili sacerdoti dediti a un rito antico, che, forse ormai negletto nella pratica quotidiana, certo è ancora ben vivo nella memoria collettiva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Traversetolo: calici e musica sul tramonto

FESTE PGN

Traversetolo: calici e musica sul tramonto Foto

Morto Vinnie Paul, batterista e co-fondatore Pantera

musica

E' morto Vinnie Paul, batterista dei Pantera

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon  Gallery

newcastle

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Opere incompiute: le date del taglio del nastro

Cantieri

Opere incompiute: le date del taglio del nastro

Ballottaggi

Urne aperte a Salso: alle 12 ha votato il 18,36%

pericolo

Voragine in via Volturno, via Musini La foto

appuntamenti

Dopo la rugiada, una domenica di eventi nel Parmense Agenda

Turismo

Pochi wc pubblici. Botta e risposta fra Comune e Confesercenti

3commenti

calcio e tribunale

Caso whatsapp-Parma (e match Frosinone), il Palermo: "Siamo parte lesa"

evento

Il dj set di Digitalism, ha chiuso il Cittadella Music festival Gallery

1commento

Rapina

Incappucciato aggredisce una donna per rubarle l'auto: arrestato

FIDENZA

Sicurezza, in arrivo 84 «occhi intelligenti»

Fontanellato

Morto il direttore della banda

BENECETO

L'abbraccio della maestra e dell'ex allieva

Il ministro Centinaio

«Il caso sms? Finirà in nulla»

1commento

Violenza

La gelosia come ossessione: in carcere il partner-aguzzino

CALCIO

Asprilla, Veron, Apolloni e gli altri: la giornata "Parma Legends" al Tardini Foto

La partita è finita 5-2

12Tg Parma

Ladri scatenati a Felino: settimana di furti in paese

SORBOLO

Si sente male in casa, salvato da sindaco e carabinieri Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Come potranno motivare una condanna?

di Michele Brambilla

LA PEPPA

Fusilli estivi, pasta fredda protagonista

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Urla in casa, arrivano i carabinieri e sequestrano marijuana

Superenalotto

Esce il 6: vinti oltre 51 milioni di euro

SPORT

Calcio

Mondiali: la Germania in 10 soffre ma piega la Svezia (2-1)

FORMULA UNO

Mercedes davanti a tutti: non è solo questione di gomme

SOCIETA'

cultura

E' morta Chichita, la moglie di Italo Calvino

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

MOTORI

MOTORI

Hyundai i20: restyling di sostanza

RESTYLING

La nuova Jeep Renegade in 5 mosse