17°

28°

Intervista

Il piacere di un tuffo nel progetto

In un film è possibile far interagire l'opera con chi la abita, ne fruisce e la modifica

Il piacere di un tuffo nel progetto
Ricevi gratis le news
0
 

«Du gust is megl che uan» diceva un noto spot degli Anni '90. Nel campo dell’architettura, le coppie famose sono state tante. Da Charles e Ray Eames a Le Corbusier e Charlotte Perriand, a Franco Purini e Laura Thermes. Nel campo dei documentari d’architettura, Roberto Ronchi e Mara Corradi devono essere i primi. Marito e moglie nella vita, ma anche affiatato duo di autori di film sulla Musa di Vitruvio. Opere concepite con grazia e girate con arte. Mara è parmigiana, anche se da tempo vive a Milano, ed è giornalista di architettura e di design. Si è occupata di archivistica, conservazione e valorizzazione, curando il Fondo Disegni dell’Archivio Kartell e il patrimonio documentario di Michele De Lucchi, per il quale ha seguito per anni pubblicazioni e mostre personali. Oggi si occupa di commento e critica sul portale di architettura Floornature.com, e collabora alla realizzazione di eventi e mostre. Il bresciano Roberto è cameraman televisivo e regista. Ha cominciato la sua carriera come video-maker nel 1999 e, fin da subito, ha collaborato con le maggiori emittenti italiane ed europee nella produzione di cronaca, documentari e intrattenimento.

«I video di architettura ci danno la possibilità – racconta Roberto – di lavorare insieme, mettendo l’uno a disposizione dell’altro le nostre esperienze e le idee sviluppate negli anni. Mara porta le sue conoscenze nel campo della critica e io la mia visione della fotografia, maturata nel settore dell’intrattenimento e della documentaristica. Inoltre, produrre video ci pare un’interpretazione più ricca, rispetto al disegno, alla parola, alla fotografia e agli altri strumenti consueti».

Che importanza ha raccontare il progetto attraverso la forma del documentario?

Mara: «Bruno Zevi, grande critico, sosteneva che quando l’architettura, anziché sui libri, sarebbe stata insegnata al cinema, anche un pubblico non specializzato avrebbe potuto comprenderla e goderne al massimo. Il video è un mezzo completo ed estremamente immersivo. In un film possono essere messi in relazione tutti gli strumenti di rappresentazione dello spazio ed è possibile far interagire l’opera con chi la abita, ne fruisce e la modifica, evidenziando il cambiamento che avviene, rispetto all’idea concepita dal progettista».

Qual è stata l’idea guida nel vostro primo lavoro (visibile su vimeo), dedicato all’architetto bengalese Rafiq Azam e girato tra Bangladesh e Italia?

Roberto: «Tutto è nato come videointervista da proporre al portale di architettura Floornature. Mara conosceva già il lavoro di Rafiq, ma ha fatto uno studio approfondito per toccare tutti i punti più salienti della sua poetica. Quando poi lui ci ha invitato in Bangladesh siamo andati alla ricerca di quei temi e tratti che Rafiq aveva sottolineato a parole. Fare riprese a Dacca ci ha permesso di mostrare il paesaggio, la società, la condizione urbana, il clima, la storia e tutti quegli aspetti che influenzano l’architettura di Azam».

Di recente avete realizzato il book trailer del saggio «Architecture on the web» (visibile su youtube) del parmigiano Paolo Schianchi. Perché è più incisivo di una recensione scritta?

M.: «Perché la nostra comprensione del mondo oggi è veicolata attraverso l’immagine e non più mediante la parola. Sto estremizzando naturalmente, ma è così. Questo saggio, tra l’altro, lo spiega chiaramente».

La videointervista a Massimo Iosa Ghini (visibile su youtube), in occasione della sua personale al Mambo, ha un ritmo bolidista, come gli oggetti del designer bolognese, grazie a inquadrature, montaggio, musica. Quanto conta il commento sonoro in un racconto filmato?

R.: «Il montaggio serrato, le immagini vivaci degli oggetti, alternate ai disegni al pantone e il suo segno aggressivo, ci hanno fatto pensare al jazz. La nota jazz che spezza i brani dell’intervista scuote il pubblico, riportandolo a un dinamismo che è peculiarità del lavoro di Iosa Ghini. E tutto si è combinato con coerenza».

Ora avete un progetto: narrare la Chiesa di Santa Maria Assunta a Riola, l’unico progetto italiano di Alvar Aalto.

M.:«Ci siamo chiesti che cosa ci fa una chiesa progettata da un architetto noto in tutto il mondo, per giunta protestante, tra le montagne dell’Appennino bolognese. Ne è emerso un avvincente racconto di storia italiana, nei suoi aspetti religiosi, culturali e popolari. Abbiamo già realizzato molte interviste, ma è un progetto che ci appassiona troppo per portarlo avanti senza finanziamenti… Sta per essere ultimato il promo che ha proprio questo scopo. Restate in ascolto!».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein lascia la stazione di Polizia, dove si è consegnato, in manette

Harvey Weinstein

molestie e violenza

Weinstein lascia la stazione di Polizia in manette Video

Doppietta Ronaldinho, sposa entrambe le fidanzate

nozze

Ronaldinho, che doppietta: sposa entrambe le fidanzate Video

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco

PGN

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Torna bambino e decidi qual è il miglior cartone animato degli anni '80!

Lealtrenotizie

In manette la banda delle fogne: voleva fare il bis

Carabinieri

In manette la banda delle fogne: voleva fare il bis

Violenze alla materna

Una mamma: «In un video ho visto mio figlio maltrattato»

weekend

Tra fiori, cavalli e la Notte del Terzo giorno: l'agenda del sabato

Noceto

Festa per i soci di Parma partecipazioni calcistiche: ecco chi c'era Foto

CARABINIERI

Traffico di droga: sequestrati beni per 500mila euro a un 45enne agli arresti domiciliari a Parma

Leonardo Losito, pregiudicato, è accusato di essere l'organizzatore di un traffico di droga nella zona di Andria, in Puglia

Arbitri

Clara e Alberto, due generazioni con il fischietto

FIDENZA

Camion perde una barriera «new jersey», tragedia sfiorata

VIA CALATAFIMI

Rubata la borsa lasciata in auto: dentro un tablet e 300 euro

MALTRATTAMENTI

Insulta, picchia e minaccia la compagna con un'accetta: condannato

EVENTO

Langhirano-Parma: camminata per chiedere più sicurezza sulla Massese

Saranno lanciati in cielo dei palloncini nei punti dove furono investiti Filippo Ricotti, Giulia Demartis, Marina Tansini in Schianchi e Marco Bottazzi

CALCIO

Dai tifosi azionisti un caldo abbraccio ai gialloblù

CARCERE

Cento detenuti in più rispetto alla capienza normale

1commento

carabinieri

Via Cavour, nel covo e nel tunnel della banda del caveau: le foto Video

1commento

serie A

Mercato crociato: il procuratore Raiola a Parma. Balotelli al Parma? Video

allarme

Auto in fiamme in viale Vittoria: vigili del fuoco al lavoro Gallery

anteprima gazzetta

Nel carcere, cento detenuti in più alla capienza ottimale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il nodo Savona e lo scontro istituzionale con Mattarella

di Stefano Pileri

1commento

EDITORIALE

Le gesta del trio Salvini, Di Maio, Berlusconi

di Vittorio Testa

4commenti

ITALIA/MONDO

COMO

E' morto Carlo Castagna: perse la moglie, la figlia e il nipote nella strage di Erba

sangue sulle strade

Incidente stradale: scontro auto-scooter, morto un 25enne a Reggio Emilia

SPORT

ciclismo

Impresa di Froome, nuova maglia rosa e le mani sul Giro d'Italia

SERIE A

Parma: il futuro in tre mosse

SOCIETA'

como

Folle inversione ad U di un tir al casello Video

cultura

Il documentario sulle pastore alla volata finale del crowdfunding

MOTORI

il test

Skoda Superb, la sicurezza non è più un optional

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv