17°

27°

Storia

Afghanistan, trappola per tutti

Il libro di Darlymple e il ritorno di un «re fantoccio»: iniziò nel 1842 l'infinita partita a scacchi dell'Occidente con Kabul

Afghanistan, trappola per tutti
Ricevi gratis le news
0
 

Nel 1842, un’armata di ventimila uomini inviata dallo Stato coloniale allora più potente del mondo viene sterminata da un gruppo di agguerriti ribelli nascosti fra le montagne e pochissimo coordinati tra di loro. E’ il tragico epilogo della spedizione voluta dalla Compagnia britannica delle Indie Orientali per mettere le mani sull'Afghanistan, in una delle prime mosse di quello che passerà alla storia come il «Grande Gioco»: il conflitto diplomatico e militare fra Londra e San Pietroburgo per il controllo di Medio Oriente e Asia centrale. La manciata di anni fra l’inizio dell’invasione, nel 1839, e la disastrosa ritirata è raccontata con dovizia di particolari e notevole talento narrativo nell’ultima opera dello storico scozzese William Darlymple, «Il ritorno di un re». Così, infatti, venne giustificata la spedizione: con la volontà di rimettere sul trono Shah Shuja, sovrano del clan dei Sadozai detronizzato da Dost Mohammad, appartenente al clan rivale dei Barakzai. Ben presto fu chiaro a tutti che Shuja altro non era che un fantoccio - anzi un «muli», un ravanello, dicono le fonti locali - e che erano gli inglesi i veri padroni della politica afghana.

Eppure, incapaci di destreggiarsi in un paese tormentato dalle rivalità tribali, mal guidati da comandanti inetti e miopi e sempre più osteggiati dalla popolazione musulmana, i conquistatori commisero un errore strategico dopo l'altro, con il risultato di fare la fine del topo fra le gole rocciose dell’Hindu Kush. La resistenza delle tribù locali, la fame e il freddo (quasi la metà del territorio afghano si trova a un’altitudine superiore ai 2 mila metri) inflissero ai soldati di Sua Maestà una delle batoste più solenni della loro storia.

Per descrivere la parabola inglese in Afghanistan, Darlymple - formatosi a Cambridge e oggi residente in India - ha consultato per tre anni un’enorme quantità di fonti e viaggiato da Londra a Dehli, da Lahore a Kabul. Soprattutto, ha tradotto e usato per la prima volta i poemi epico-eroici dedicati alla resistenza anticolonialista, una sorta, spiega lui, di «versione afghana della Chanson de Roland». Sono testi preziosi, che ci raccontano il conflitto con gli occhi dell’altra fazione coinvolta, danno un nome e un volto ai capi dei rivoltosi e ci fanno capire perchè Dost Mohammad sia tuttora celebrato come un eroe dell’Afghanistan moderno, mentre a Shah Shuja sia toccato il disprezzo che si riserva ai collaborazionisti.

L’autore ha trasformato questo lavoro scrupoloso sui documenti in una narrazione avvincente come un romanzo, pur senza alcuna concessione ad abbellimenti fantasiosi, corredata da oltre cento pagine di immagini, indici, glossari e bibliografia. Sebbene gli antichi credessero che la storia sia maestra di vita, Dalrymple dimostra che non sempre è così, visto che sia i sovietici nel 1979, sia gli americani nel 2001 ripeteranno, invadendo l’Afghanistan, gli stessi errori strategici dell’armata inglese. Si affideranno infatti a un intelligence propensa ad ingigantire le minacce provenienti dalla regione, entrandoci senza sapere come uscirne e finendo per rimanere invischiati in un conflitto molto più ampio di quanto preventivato.

Eppure, se la recente notizia della morte del leader dei talebani, il Mullah Omar, dovesse aprire scenari per ora imprevedibili per le truppe statunitensi tuttora in Afghanistan, forse non è troppo tardi per fare tesoro di quella prima, disastrosa esperienza britannica. Ricordando l'ammonimento di Mirza Ata, fra i più brillanti storici dell’epoca: «Non è cosa facile invadere o governare il regno del Khorasan».

Il ritorno di un re

di William Darlymple

Adelphi, pag. 664, euro 34,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Sicurezza, stamane incontro al Viminale tra Pizzarotti, Casa e il sottosegretario Molteni

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

Viabilità

Via Europa, apre il cantiere. E partono le code

1commento

Formaggio

Il caseificio dove il parmigiano è questione di fede. Ebraica

1commento

BIMBO CONTESO

Fuggì in Spagna con il figlio, condannato a 1 anno

carabinieri

E prima della campanella arriva anche il cane anti-droga: controlli davanti alle scuole Foto Video

Al parco Ducale trovata droga nascosta sugli alberi

lavori

San Prospero, il fosso sarà ripulito e coperto. E nascerà un (agognato) marciapiede

SICUREZZA

Il sindaco a Presadiretta: "Chiediamo al governo un presidio permanente in stazione"

Il primo cittadino, che oggi sarà al Viminale, proporrà anche un aumento di organico per le Forze dell'Ordine

16commenti

38 anni dopo

Strage di Bologna: ultimo sopralluogo sulle macerie, poi l’analisi dei frammenti a Parma

CORCAGNANO

Piazza Indipendenza off limits, scattano le proteste

ROCCABIANCA

Profughi, soluzione alternativa a via Verdi

1commento

Fidenza

La carica dei 300 scolaretti dalla Collodi all'ex Agraria

CONSIGLIO COMUNALE

Un semaforo pedonale in viale Fratti

Sarà all’altezza del polo pediatrico

1commento

Teatro

Cevoli: «Il mio Rossini? Un mattacchione»

Fidenza

36enne apre conti bancari (veri) con documenti falsi: scoperta, denunciata e arrestata

tar

(Chiusura) Open shop di via Bixio, Comune condannato al risarcimento

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Pietro Barilla, storia di un padre

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

ITALIA/MONDO

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: uno è morto

REGGIO EMILIA

Bidello di un asilo accusato di violenza su un bimbo di 4 anni

SPORT

USA

Giovane promessa del golf trovata morta sul campo in Iowa

SERIE A

La Spal stende l'Atalanta con la doppietta dell'ex Petagna

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

NAPOLI

Il set di Gomorra al centro di una protesta degli inquilini

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design