13°

23°

Arte-Cultura

Il Battistero senza segreti

Il Battistero senza segreti
Ricevi gratis le news
0

Entrando nel Battistero di Parma si resta folgorati dallo straordinario fascino dei dipinti che lo decorano in tutta la sua amplissima estensione, facendone un eccezionale monumento di fede e di arte in cui nell’immensa volta il dotto discorso teologico sulla storia della salvezza è stato mirabilmente tradotto in immagini dalle maestranze romaniche, con conoscenze bizantine, del XIII secolo mentre nei nicchioni artisti trecenteschi hanno interpretato lo slancio di fede di quei parmigiani che hanno voluto lasciarvi il segno votivo della loro commossa devozione.  «Il Battistero di Parma - ha scritto Jacques Le Goff - è il prodotto di una ricerca di globalità armoniosa. Globalità dottrinale, globalità estetica».
Una globalità che lega strettamente l’interno con l’esterno, la decorazione pittorica con quella scultorea e con l’innovativa architettura, progettata da Benedetto Antelami, geniale artefice del passaggio tra il classicismo del romanico e il nuovo spirito gotico, il quale è riuscito a imprimere all’edificio una delicata leggerezza: geometrico fiore di pietra, mutevole nel rosa che brilla seducente alla carezza dei raggi solari o si stempera castamente nella luce perlacea delle brume autunnali. Un «unicum» impareggiabile in cui l’elevatissima abilità dell’Antelami è riuscita a legare anche l’architettura e la scultura al raffinato programma iconografico di base, dettato da qualche canonico dello «studium» vescovile, aggiornato sugli studi parigini dei Vittorini. Una edificante enciclopedia di pietra e di colore che stordisce per la sua grandiosità e complessità e che è difficilissimo potere osservare in tutti i suoi preziosi particolari.
A chi è interessato a conoscere più a fondo le singolari caratteristiche del Battistero viene ora offerta una eccezionale opportunità, quella della visione ravvicinata di tutte le immagini pittoriche e plastiche dell’interno così da poterne cogliere sfumature e peculiarità: una visita virtuale che si realizza mediante una sofisticata tecnologia consistente in una apposita «macchina» che su uno schermo rende consultabili tutte le immagini attuali e del passato, ossia prima degli interventi eseguiti negli ultimi due decenni del secolo scorso, sponsorizzati dalla Cassa di Risparmio di Parma, che hanno consentito il recupero alla piena visibilità di tutto l’apparato decorativo e lapideo.
 Il Battistero, iniziato da Benedetto Antelami nel 1196 e consacrato solennemente nel 1270, ha subito l’inevitabile degrado dovuto alle aggressioni atmosferiche e acuitosi nel Novecento con l’aumento dello smog; la pellicola pittorica inoltre presentava evidenti e pericolosissimi distacchi che rischiavano di lacerare il delicatissimo tessuto cromatico. E’ partita così una globale azione di recupero affiancata da una parallela campagna fotografica che ha fissato la situazione del monumento nelle sue varie parti prima, durante e dopo la pulitura e i restauri: 2900 fotografie che sono state digitalizzate e consentono di ripercorrere tutto il paziente e faticoso lavoro dei restauratori; le immagini ad altissima definizione si possono vedere nitidamente attraverso questa straordinaria apparecchiatura tecnologica, voluta dalla Diocesi e dalla Fondazione Cariparma, che l’ha finanziata. La postazione informatica - che sarà collocata nel Museo Diocesano ed è gestita con la fattiva collaborazione della Fabbriceria della Cattedrale - verrà presentata domani alle 11 in Battistero dal vescovo di Parma Enrico Solmi e dal presidente della Fondazione Cariparma Carlo Gabbi.
L'uso della postazione informatica - dotata di un grande schermo e di un software appositamente creato dalla Fotoscientifica, autrice delle foto - è piuttosto semplice e consente di vedere le incantevoli immagini sia nella loro successione orizzontale che in quella verticale così da agevolare le diverse possibili chiavi di lettura, nonché di osservarle tutte singolarmente e frontalmente per un approfondito studio tecnico, storico e iconografico.
Il Battistero, infatti, per la sua complessità può essere letto da molteplici angolazioni: religiosa, storica, artistica, simbolica, tecnica, urbanistica, economica. Si può esaminare, ad esempio, la produzione scultorea di Benedetto Antelami e del suo cantiere, che ha abbandonato improvvisamente Parma per motivi ancora ignoti, forse dopo il primo Battesimo avvenuto nel 1216, lasciando le statue dei mesi non finite né collocate.
Oppure «visitare» la vastissima superficie della volta (515 metri quadrati) dove è proclamato il trionfo di Cristo, signore del mondo e della storia, con immagini del Vecchio e Nuovo Testamento dipinte verso il 1230-35 con un contrasto tra le azioni sceniche di una dinamicità romanica e la ieraticità bizantina delle figure singole. Oppure si può ripercorrere l’articolato messaggio globale in positivo (e non per la paura del castigo) della salvezza tramite le opere buone, la misericordia di Dio e il sacrificio di Cristo la cui figura è dominante in tutto l’edificio. Oppure anche soddisfare semplici curiosità di stupendi incontri ravvicinati con santi e patriarchi, cogliendone fascino ed emozione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Mariano

«Via Parasacchi, pericolo erbacce»

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita.

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

TENDENZE

Nuovi alimenti: presto i primi prodotti sul mercato. Ma non vedremo i grilli nel piatto

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno