16°

29°

Arte-Cultura

Ribelle per sempre: i "giovani Holden" piangono Salinger

Ribelle per sempre: i "giovani Holden" piangono Salinger
Ricevi gratis le news
0
Paolo Petroni
 
Negli anni Ottanta, per impedire la pubblicazione di una sua biografia non autorizzata, J.D. Salinger, il celeberrimo autore de «Il giovane Holden», nato il primo gennaio 1919 e scomparso ieri a 91 anni appena compiuti, fu costretto a recarsi in tribunale. A domanda del giudice rispose: «mi occupo di narrativa, non saprei come meglio definire il mio lavoro. Seguo i miei personaggi nella loro naturale evoluzione. È quello il mio punto di partenza». Essenziale sempre, anche in quell'occasione, che pure fece pensare a molti che, un giorno, si sarebbero potute trovare ulteriori avventure di Holden e di Seymour Glass, l’altro personaggio che compare in «Franny e Zoe» e in altri racconti. Oggi Holden, uscito nel 1951, è un classico e negli Usa lo si legge a scuola, da quando lo riscoprì ed esaltò la generazione bruciata del rock, che vi vide una sorta di fratello ideale di James Dean, un anticipatore delle insofferenze del '68. Così si è conquistato un posto nell’immaginario di tanti giovani, diventando emblematico. Salinger racconta della ribellione e dell’impossibilità a essere adulti, come ha fatto tanta letteratura americana da «Tom Sawyer» di Mark Twain a «Mr. Vertigo» di Paul Auster, quasi fosse il paese a non poter diventare adulto, orfano e lacerato tra la libertà personale e la necessità di una comunità di appartenenza. In Italia, dove uscì una prima volta nel 1952 col titolo «Vita da uomo», in realtà la sua fortuna è legata all’edizione Einaudi del 1961 e, soprattutto, alla felicissima traduzione di Adriana Motti, che seppe rendere il «college slang» originale con assoluta colloquiale vivacità e immediatezza di modi di dire, trovando tante diverse espressioni per il continuo intercalare «and all» del protagonista, da «e compagnia bella» a «e quel che segue» o «e tutto quanto».
 
Una rabbia forse oggi datata, ma che è quella di Salinger stesso, che rifiuta contatti e non pubblica più nulla, vivendo asserragliato nella piccola cittadina di Cornish nel New Hampshire, dove comunque gli arrivano gli echi di critiche e attacchi, come le recenti, acide memorie di sua figlia o quelle di una ex amante, cui fa rispondere al suo avvocato. Jerome David Salinger era nato a New York, a Manhattan, da un commerciante di carni ebreo di origini polacche. Finito il College in America, abbandonò tutto imbarcandosi su una nave da crociera e solo più vanti accettò di entrare nell’impresa del padre, che lo mandò alla filiale di Vienna della società, da dove fuggì giusto un mese prima dell’anschluss nazista. Tornato in patria frequentò il corso di scrittura della Columbia, dove il suo insegnante gli pubblicò il primo racconto nel 1940. Era il periodo in cui si dimostrava entusiasta del buddismo Zen e aveva una relazione con Oona O'Neill, figlia del celebre drammaturgo, che lo lasciò quando si innamorò di Charlie Chaplin. Dal 1942 prese parte alla guerra in Europa, presente allo sbarco in Normandia e alla battaglia delle Ardenne, quindi assegnato al controspionaggio, col quale fu tra i primi a entrare nei lager tedeschi. «E' impossibile non sentire più l'odore dei corpi bruciati, non importa quanto a lungo tu viva», la figlia ricorda di avergli sentito dire. Anche in guerra non smise mai di scrivere e, al ritorno, quando mandò al New Yorker «Una perfetta giornata per i pescibanana», ebbe un contratto di prelazione per tutti i suoi futuri lavori. Prima di partire soldato aveva scritto un racconto con protagonista Holden Caulfield e diceva che era una figura che avrebbe meritato un romanzo, come poi accadde.
 
«Il giovane Holden» a suo tempo fece persino scandalo, per il punto di vista contestatario, per il linguaggio disinibito, per come affrontava temi quali la religione e il rapporto con i genitori. Furono comunque quelle anche le ragioni del suo successo, dopo il quale e la pubblicazione di «Nove racconti» nel 1953, lo scrittore cominciò a ritirarsi dalla vita pubblica e a difendere la propria privacy, sino a raggiungere una sorta di isolamento totale. Si sa che si sposò nel 1955 con una studentessa, Claire Douglas, da cui ebbe due figli, Margaret e Matt, e dalla quale fu lasciato nel 1966. Pubblicò ancora nel 1961 «Franny e Zoooey» e nel '63 «Alzate l'architrave, carpentieri». All’inizio degli anni Settanta ebbe un’amante, che, finita la relazione, disse che Salinger scriveva regolarmente e aveva completato almeno altri due romanzi. Pare mettesse un segno rosso sui manoscritti che si potranno pubblicare così come sono e uno blu su quelli da revisionare. C'e chi proclamò di avergli sentito dire di avere completato «un romanzo romantico, ambientato negli anni della guerra». Nel 1997 fu annunciata l’uscita di un suo vecchio, breve racconto mai edito in volume, «Hapworth 16, 1924», più volte rimandata e poi sospesa. Insomma, le notizie sono tutte frammentarie. Ora non resta che aspettare che il suo archivio venga aperto.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Trovato a terra sulla pista da motocross: è gravissimo

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

5commenti

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

10commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

3commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

verdi off

Bianchi, rossi, verdi: variazioni (e sorrisi) a tema pic-nic al Parco Ducale Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

paura

Fuori da Buckingham Palace con un taser, arrestato

Firenze

Un sedicente artista rompe un quadro in testa a Marina Abramovic

SPORT

3a giornata

Roma ko a Bologna, crisi nera. E quel Parma lì, chi l'avrebbe detto Risultati, classifica

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

LA PROVA

Kia Sportage diventa «Mild Hybrid»

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse