17°

28°

libri

Caravaggio il tormento di un genio

Domenico Cacopardo si cala nel '600: carnalità, peccato, dolore e pietà

Domenico Cacopardo

Domenico Cacopardo

Ricevi gratis le news
0

Ricordiamo tutti questo inizio famoso: «L'Historia si può veramente definire una guerra illustre contro il Tempo, perché togliendoli di mano gl'anni suoi prigionieri, anzi già fatti cadaveri, li richiama in vita, li passa in rassegna, e li schiera di nuovo in battaglia». Romanzo storico per romanzo storico, Domenico Cacopardo con «Maddalena» (Betelgeuse editore), certamente il suo libro più impegnativo e rammentatore di un Tempo, di una Storia e di un Personaggio, ci introduce, come fece il gran Lombardo in mezzo ad un'epoca che ora ci sembra così lontana, così isolata e tuttavia così ancora in guerra illustre contro il Tempo per merito della letteratura, della pittura e della poesia in quanto tali arti conservano di eterno e di immortale, dunque, nelle loro migliori espressioni. E Cacopardo, vigilissimo nel riprendere e riusare gli strumenti del pensiero, del ricordo e del fascino che i suoi natii luoghi evocano, è riuscito a concepire una narrazione storica che «Maddalena» rimette in circolazione adesso con il profondo senso d'intuito di quel passato che non passa e dei suoi personaggi, a cominciare da Giovanni Alogna detto Ninì, gran sacerdote di tutte le presenti vicende. Esse trovano spiegazione - ma i romanzi, forse, non ne avrebbero bisogno - nella finale Postfazione di Paola Caretta che illustra l'amplissimo corredo «storico» sviscerato da Cacopardo con notarile precisione e poetica passione accomunate dalla nostalgia per i luoghi, ma soprattutto per il fascino che essi, mescolati al turbinare degli eventi, esercitano sul lettore di oggi: un lettore spesso distratto, disinteressato e solo a tratti incuriosito dal procedere dei fatti. I quali vorrebbero riassumere tutta la poetica di Caravaggio che Cacopardo «fedele ai luoghi della propria gioventù immagina percorsi dal Nerisi nel soggiorno sull'isola tra il 1608 e il 1609».
Ma se la storia finisse qui non ne avremmo che un solo e fugace episodio. «Maddalena» è, come tutti i solidi e ben concepiti libri di memoria invece quanto intendeva suggerire Manzoni nell'Introduzione ai P.S., cioè fatti schierati «di nuovo in battaglia», vivi, palpitanti di vita. In tal modo, quindi, Maddalena «la jarrusa» non solo entra tra i personaggi del Caravaggio, ma ne rappresenta la carnalità, la pietà, il peccato redento e quello riscattato, mentre don Albino lo Judice è già un modernissimo personaggio, vien da dire un illuminista ante litteram, che si confonde abilmente con Vincenzo e Galileo Galilei, coi cardinali Francesco Maria del Monte e Benedetto Giustiniani, col Boneri e col Minniti. Ma tutto questo pullulare di personaggi che l'autore registra in un finale Indice dei nomi, non è altro, alla fine, che uno stratagemma molto abile di Cacopardo per dar corso come si dice alla materia del romanzo, per dare ad esso, corpo e colori, odori, atmosfere, luci e ombre. Questa parte della ricerca espressiva (poetica ed umana insieme) è caricata d'un tono più alto, di una memoria più esclusiva e allo stesso tempo elusiva, drammatica e teatrale oltre ogni limite, in quel mondo dove si mangia, si beve, si fotte, si prega e si bestemmia con la naturalezza con cui Michelangelo Merisi dipinge, insomma per genio e vocazione umani dal fondo della Sicilia, sentito come centro dell'universo in pari tempo vicino e lontanissimo da Roma, dal Cinquecento colmo di storia e di gloria e dal Seicento che già odora di Riforma e Controriforma. Dai passaggi di Messina «accogliente emporio d'ogni mercanzia» a Sant'Ignazio, a fra' Gerolamo Errante, «ai dipintori d'ogni specie, fiamminghi, veneti, romani, quali Alessandro Allori e Filippo Paladini», dai Padri Crociferi ai «misteri dello Stretto» che ci ricordano certe pagine del darrighiano «Horcynus Orca» l'immaginoso, ironico e tragico mondo di Cacopardo sfiora o penetra atmosfere di vita, di morte e di sfida che non sono soltanto affreschi rinnovati di storia e memoria, ma inviti a confronti pressanti cui Maddalena Afella fa da vivente testamento e da finale destino, quello infatti «che presenta il conto». In tale estrema moralità del racconto, superato il limite posto dal Caravaggio e dalla sua densa realtà di sesso e di sangue, di possesso e di fantasia, come è facile immaginare dalla pressante astuzia cacopardiana che scivola al modo di una divina punizione verso il risarcimento ultimo della morte, Maddalena e i suoi personaggi acquistano via via uno spessore di simbolo e di pronuncia umana che va ben al di là della pur turbolenta historia. In essa vivono e agiscono, soffrono e delirano, sperano e gioiscono con la naturalezza che il destino concede loro e che lo scrittore, memore della dignità dei fatti e della malandrineria degli uomini, interpreta magistralmente sempre tenendo presente il saggio pensiero di Alogna: «Ne trassi la vicenda qui di seguito narrata, della cui autenticità storica non giuro, ma sulla cui verosomiglianza, invece, potrei scommettere la testa». Che è il più bell'omaggio che si possa rendere al romanzo.
Maddalena
Domenico Cacopardo
Betelgeuse editore, pag. 203, 18,50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein lascia la stazione di Polizia, dove si è consegnato, in manette

Harvey Weinstein

molestie e violenza

Weinstein lascia la stazione di Polizia in manette Video

Doppietta Ronaldinho, sposa entrambe le fidanzate

nozze

Ronaldinho, che doppietta: sposa entrambe le fidanzate Video

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco

PGN

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Torna bambino e decidi qual è il miglior cartone animato degli anni '80!

Lealtrenotizie

In manette la banda delle fogne: voleva fare il bis

Carabinieri

In manette la banda delle fogne: voleva fare il bis

Violenze alla materna

Una mamma: «In un video ho visto mio figlio maltrattato»

weekend

Tra fiori, cavalli e la Notte del Terzo giorno: l'agenda del sabato

Noceto

Festa per i soci di Parma partecipazioni calcistiche: ecco chi c'era Foto

CARABINIERI

Traffico di droga: sequestrati beni per 500mila euro a un 45enne agli arresti domiciliari a Parma

Leonardo Losito, pregiudicato, è accusato di essere l'organizzatore di un traffico di droga nella zona di Andria, in Puglia

Arbitri

Clara e Alberto, due generazioni con il fischietto

FIDENZA

Camion perde una barriera «new jersey», tragedia sfiorata

VIA CALATAFIMI

Rubata la borsa lasciata in auto: dentro un tablet e 300 euro

MALTRATTAMENTI

Insulta, picchia e minaccia la compagna con un'accetta: condannato

EVENTO

Langhirano-Parma: camminata per chiedere più sicurezza sulla Massese

Saranno lanciati in cielo dei palloncini nei punti dove furono investiti Filippo Ricotti, Giulia Demartis, Marina Tansini in Schianchi e Marco Bottazzi

CALCIO

Dai tifosi azionisti un caldo abbraccio ai gialloblù

CARCERE

Cento detenuti in più rispetto alla capienza normale

1commento

carabinieri

Via Cavour, nel covo e nel tunnel della banda del caveau: le foto Video

1commento

serie A

Mercato crociato: il procuratore Raiola a Parma. Balotelli al Parma? Video

allarme

Auto in fiamme in viale Vittoria: vigili del fuoco al lavoro Gallery

anteprima gazzetta

Nel carcere, cento detenuti in più alla capienza ottimale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il nodo Savona e lo scontro istituzionale con Mattarella

di Stefano Pileri

1commento

EDITORIALE

Le gesta del trio Salvini, Di Maio, Berlusconi

di Vittorio Testa

4commenti

ITALIA/MONDO

COMO

E' morto Carlo Castagna: perse la moglie, la figlia e il nipote nella strage di Erba

sangue sulle strade

Incidente stradale: scontro auto-scooter, morto un 25enne a Reggio Emilia

SPORT

ciclismo

Impresa di Froome, nuova maglia rosa e le mani sul Giro d'Italia

SERIE A

Parma: il futuro in tre mosse

SOCIETA'

como

Folle inversione ad U di un tir al casello Video

cultura

Il documentario sulle pastore alla volata finale del crowdfunding

MOTORI

il test

Skoda Superb, la sicurezza non è più un optional

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv