17°

28°

viaggi

New York tutto di tutto per tutti

Ricevi gratis le news
0
 

«Uèc’m tu Men-edd’n». Che vorrebbe dire benvenuti a Manhattan. Dimenticate la vecchia prof di inglese, quando arrivate a New York.

Se direte «a glass of milk and a cup of coffee» come vi hanno insegnato a scuola, nessun barista vi capirà, nonostante tutti ci mettano una gran buona volontà (non come in Inghilterra, tanto per capirci). Per intenderci: la bottiglia è «bad’l», il latte «miuul», il caffè «caffi». E Manhattan è Men-edd’n, appunto. Più deformi, più americaneggi, meglio ti capiscono. E’ talmente folta la variegata comunità ispanica che pare sia più parlato lo spagnolo dell’inglese, nei cinque quartieri di New York. Ma la lingua è l’ultimo dei problemi, in qualche modo ci si arrangia sempre. Nulla frena la gioia di godersi New York.

IL CENTRO DEL MONDO

Ogni volta è come fosse la prima. Per banale che sia dirlo, New York è il centro del mondo: te ne rendi conto a ogni isolato, non solo transitando davanti alla Borsa o entrando nel palazzo delle Nazioni Unite, o ammirando con il naso all’insù grattacieli vecchi e nuovi, art decò e avveniristici, dall’Empire State Building al Chrysler, alla Freedom Tower. Basta stare dieci minuti davanti all’ingresso del leggendario Waldorf Astoria (ahi, comprato dai cinesi): da taxi e limousine scendono i ricchi e i potenti più ricchi e più potenti del globo: sceicchi, nobili, cosiddetti vip. O passare un giovedì pomeriggio a Chelsea, nelle strade delle gallerie d’arte. Il giovedì è il giorno delle inaugurazioni, nel tardo pomeriggio. Dieci, venti, trenta inaugurazioni in contemporanea: entri in una galleria a caso (non servono inviti: e appena ti vedono ti fanno un gran sorriso e ti mettono un bicchiere di vino in mano) e ti senti dentro a un film. Se vuoi mangiare un boccone, fai due passi e puoi andare al popolarissimo Chelsea Market (grande spazio consacrato al cibo ricavato dalla spettacolare ristrutturazione di una ex fabbrica di biscotti) o al costosissimo «Del Posto», il più esclusivo tra i tanti locali newyorchesi di Joe Bastianich (alla sera menu da 149 e 179 dollari, più il bere e le mance, of course).

HAMBURGER DI SERIE A

A proposito di mangiare, a New York si trova di tutto, a tutti i livelli e per tutte le tasche. Nella ristorazione come nell’arte, nello sport, nella moda, in tutto. Lasciamo stare gli estremi, dall’hot dog in strada ai posti più «in». E parliamo degli hamburger, che qui sono una cosa seria. Anche i cuochi stellati e griffati li mettono in carta: carne di prima qualità, patatine fritte di serie A, ketchup fatto in cucina e non servito da un tubetto. Roba da leccarsi i baffi. Il bello di avere tutto a portata di una camminata o di una corsa in taxi (o di un «Uber car»: ce ne sono centinaia in ogni quartiere) induce (anche) a scorribande gastronomiche. Per gli amanti della carne, è il paradiso, dalle steak house alle churrascarie brasiliane, ai ristoranti argentini. C’è il top. Per il barbecue importato dagli Stati del Sud, idem. Per la cucina etnica, altrettanto.

A meno che uno non abbia budget quasi illimitati, meglio buttarsi sulla birra che sul vino, che ha costi proibitivi quasi ovunque, anche per un calice: vero che riempiono i bicchieri neanche servissero Coca Cola, ma un calice di un prosecco scadente costa dai 20-25 dollari in su, e non parliamo di un californiano medio.

Un rifugio sicuro è Lusardi’s, nell’Upper East Side. Un parmigiano a New York non può non passare in questo locale di due fratelli borgotaresi, Luigi e Mauro Lusardi, la cui storia è un romanzo: freschi di diploma, sono andati un’estate a trovare il fratello maggiore, impiegato all’Onu, e si sono innamorati subito di New York. «Tornare indietro? Neanche a parlarne», si sono detti. Si sono dati da fare (fuori di metafora: si sono fatti un mazzo così) e oggi sono alla guida di un piccolo impero della ristorazione, aiutati dai figli. Il Lusardi’s è il primo nato (1982) e il più caratteristico dei loro locali. Ambiente di charme e grande cucina. Meta di sportivi e personalità. «La gente famosa viene volentieri da noi perché sa che, se si presenta un paparazzo, lo sbattiamo fuori».

L’ULTIMA MODA

Anche lo shopping resta un’attrazione forte, nonostante non si facciano più gli affari di una volta (un dollaro ormai vale quasi un euro) e sul fronte della tecnologia non ci siano più le «primizie» di qualche anno fa. Certo, un oggetto Apple preso nell’ormai storico negozio sulla Fifth Avenue resterà sempre un bel ricordo. Il negozio è sotterraneo, in strada c’è solo un cubo, con dentro un neon a forma di mela morsicata. Un colpo di genio, grazie al quale l’Apple store è diventato famoso in tutto il mondo il giorno stesso dell’inaugurazione. Molto newyorchese l’orario di apertura del negozio: 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno.

Certo, boutique e negozi delle strade consacrate allo shopping – un lungo tratto della Madison Avenue e della Fifth Avenue e tutto Soho, in primis – hanno sempre il loro perché.

C’è lo spettacolare palazzo di Ralph Lauren, in Upper East Side, con l’omino fuori dal negozio pagato per fare sparire le cicche per terra, e c’è il negozio storico di Brooks Brothers di Midtown. E il lussuosissimo showroom di Prada, sulla Broadway, nel cuore di Soho: uno spettacolo nello spettacolo. Ma sono solo tre casi di un’offerta che fa spavento per quantità e qualità. E per originalità. Ci sono le mode che prima o poi arriveranno anche da noi: lo stivale nero con suola di gomma bianca, per esempio.

Tutto a New York è formato maxi: dai negozi agli atrii dei condomini, dai Duane Reade (una via di mezzo tra farmacie e supermercati: vendono di tutto e sono sempre aperti, giorno e notte) ai «delicatessen» di indiani e pakistani.

SPETTACOLO AL «GARDEN»

Piacciano o no gli sport americani, vale la pena di cercare un biglietto per un evento al Madison Square Garden, la «casa» dei Knicks (basket) e dei Rangers (hockey), e non solo. Ventimila spettatori, un tabellone che sembra un’astronave (con quattro giganteschi schermi curvi a led, di 8 metri e mezzo per quasi 5). Al di là dell’evento sportivo (di altissimo livello, questo è scontato), lo spettacolo è tutto ciò che ruota intorno alla partita. Due ore di puro divertimento e di adrenalina. Sulle gradinate, non ci sono ultrà molesti ma famiglie. Non ci si offende ma si vive insieme un’esperienza bellissima. La presentazione della squadra di casa è preceduta da uno show, con corpo di balletto, spettacolo di luci (da lasciare a bocca aperta), immancabile inno americano. A ogni time-out, minispettacoli divertentissimi. Nel caso del basket, si va dall’esibizione di schiacciatori acrobati (gente che, con un trampolino, vola a quattro metri da terra e schiaccia facendo una capriola) alle esibizioni delle cheerleader, agli attesissimi lanci di magliette: squadre di ragazzi e ragazze «armati» di fucili spara-tshirt lanciano le magliette al pubblico. Fino a quando entrano sul parquet quattro «mega machine», che di magliette ne sparano a decine al secondo, tra l’entusiasmo dei ragazzini (e non solo).

LA CAPITALE DELL’ARTE

Tutto è al top. Il teatro – tra i celeberrimi musical di Broadway e le innovative performance di off-Broadway – il balletto, la lirica al Metropolitan. L’arte, dalla preistoria ai giorni nostri, dal Metropolitan al Moma, al Guggenheim. E la Whitney, la «nuova» Whitney. Orgoglio tutto italiano: l’ha pensata, disegnata e realizzata Renzo Piano. Struttura tanto imponente quanto bella, sul fiume Hudson, a una estremità della High Line. Nel cuore del quartiere che i newyorchesi chiamano Meatpacking (letteralmente, lavorazioni delle carni): una volta c’erano solo macelli, adesso – grazie proprio alla Whitney e alla High Line – è una delle zone più trendy, con negozi, locali alla moda e ristoranti.

A TU PER TU CON PICASSO

Nei musei, ovunque, code alle biglietterie e folla nelle sale. E’ vero che al Moma è in corso una mostra temporanea (splendida) delle sculture di Picasso, ma la passione per l’arte è qualcosa di profondo, a New York. «Coltivata» fin dall’asilo: ci sono decine di scolaresche sedute a cerchio davanti ai quadri di Picasso e Kandinskij, con taccuino e pennarelli in mano. La maestra che spiega queste «strane» figure e i piccoli studenti che fanno a gara a copiarle sul taccuino e a fare domande. Da grandi, probabilmente, non si chiederanno «ma che roba è?» e nemmeno obietteranno «questo sarei capace anch’io di farlo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein lascia la stazione di Polizia, dove si è consegnato, in manette

Harvey Weinstein

molestie e violenza

Weinstein lascia la stazione di Polizia in manette Video

Doppietta Ronaldinho, sposa entrambe le fidanzate

nozze

Ronaldinho, che doppietta: sposa entrambe le fidanzate Video

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco

PGN

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Torna bambino e decidi qual è il miglior cartone animato degli anni '80!

Lealtrenotizie

In manette la banda delle fogne: voleva fare il bis

Carabinieri

In manette la banda delle fogne: voleva fare il bis

Violenze alla materna

Una mamma: «In un video ho visto mio figlio maltrattato»

weekend

Tra fiori, cavalli e la Notte del Terzo giorno: l'agenda del sabato

Noceto

Festa per i soci di Parma partecipazioni calcistiche: ecco chi c'era Foto

CARABINIERI

Traffico di droga: sequestrati beni per 500mila euro a un 45enne agli arresti domiciliari a Parma

Leonardo Losito, pregiudicato, è accusato di essere l'organizzatore di un traffico di droga nella zona di Andria, in Puglia

Arbitri

Clara e Alberto, due generazioni con il fischietto

FIDENZA

Camion perde una barriera «new jersey», tragedia sfiorata

VIA CALATAFIMI

Rubata la borsa lasciata in auto: dentro un tablet e 300 euro

MALTRATTAMENTI

Insulta, picchia e minaccia la compagna con un'accetta: condannato

EVENTO

Langhirano-Parma: camminata per chiedere più sicurezza sulla Massese

Saranno lanciati in cielo dei palloncini nei punti dove furono investiti Filippo Ricotti, Giulia Demartis, Marina Tansini in Schianchi e Marco Bottazzi

CALCIO

Dai tifosi azionisti un caldo abbraccio ai gialloblù

CARCERE

Cento detenuti in più rispetto alla capienza normale

1commento

carabinieri

Via Cavour, nel covo e nel tunnel della banda del caveau: le foto Video

1commento

serie A

Mercato crociato: il procuratore Raiola a Parma. Balotelli al Parma? Video

allarme

Auto in fiamme in viale Vittoria: vigili del fuoco al lavoro Gallery

anteprima gazzetta

Nel carcere, cento detenuti in più alla capienza ottimale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il nodo Savona e lo scontro istituzionale con Mattarella

di Stefano Pileri

1commento

EDITORIALE

Le gesta del trio Salvini, Di Maio, Berlusconi

di Vittorio Testa

4commenti

ITALIA/MONDO

COMO

E' morto Carlo Castagna: perse la moglie, la figlia e il nipote nella strage di Erba

sangue sulle strade

Incidente stradale: scontro auto-scooter, morto un 25enne a Reggio Emilia

SPORT

ciclismo

Impresa di Froome, nuova maglia rosa e le mani sul Giro d'Italia

SERIE A

Parma: il futuro in tre mosse

SOCIETA'

como

Folle inversione ad U di un tir al casello Video

cultura

Il documentario sulle pastore alla volata finale del crowdfunding

MOTORI

il test

Skoda Superb, la sicurezza non è più un optional

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv