14°

26°

cultura

Finanza, umanità oppressa

 Alain Touraine

Alain Touraine

Ricevi gratis le news
0

In che mondo viviamo? In un mondo post-industriale o post- sociale, stando all’elaborazione che il novantunenne francese Alain Touraine (uno dei maggiori sociologi contemporanei, dal 1970 direttore di ricerca all’Ecole des Hautes études en Sciences soiciales di Parigi, Legion d’Onore nel 2014, che per primo coniò l'espressione «società post-industriale»), ha portato avanti nel corso della sua copiosa bibliografia della quale il saggio «Dopo la crisi» (2012, Armando editore, pag. 190, 18,00) è suggello di un percorso profetico. Il mondo, accelerato anche da una situazione economica pressante, è cambiato in modo ultraveloce dividendo società ed economia, e il sociologo l’analizza in profondità. «Le crisi economiche recenti – commenta Touraine – nascono generalmente da una separazione crescente dell’economia finanziaria, spesso contaminata dalla volontà di arricchimento personale dei dirigenti, e dell’economia reale, che non è definibile al di fuori dei confini sociali e degli interventi di Stato». E ciò lo induce, in capitoli agili e sferzanti, ad aggirarsi «al di fuori della società industriale», con la speranza di poter realizzare «una nuova società possibile» facendo affidamento sulle «nuove istituzioni sociali e politiche». Una strada con parecchie asperità, ma che l’illustre sociologo sa appianare con una vivace dialettica. Incontro a Percoto (Udine) Alain Touraine, dove ha vinto la quarantunesima edizione del Premio Nonino – Un maestro del nostro tempo.
Di recente al grande summit di Davos si è parlato molto della cosiddetta quarta rivoluzione industriale, che potrebbe creare nel tempo cinque milioni di disoccupati, mettendo in serio pericolo anche la classe media. Lei crede che la quarta rivoluzione industriale sia davvero alle porte? Che cosa comporterà?
Non posso dare una risposta tecnica a questo problema. E' certo che nel periodo attuale molte possibilità di lavoro sono soppresse dalla diffusione dei robot e per la delocalizzazione delle aziende. E' un fatto indiscutibile: la robotizzazione porta all’eliminazione di milioni di posti di lavoro. Non vale la pena discutere la capacità delle macchine di riprodurre il progresso industriale: in questo caso le macchine sono migliori degli uomini nei lavori di tutti i tipi. Viviamo un periodo del mondo nel quale, per la globalizzazione e per altri affanni compreso il rischio permanente di una guerra, abbiamo quasi paura a sviluppare tipi di attività importanti in grado di supplire ai vuoti createsi a seguito di problemi che ogni giorno ci sgomentano.
Perché questa paura?
Nel momento attuale la vita è cambiata e ridotta a iniziative che nel migliore dei casi sono imprenditoriali, ma i capitali disponibili sono usati non per le attività legali, ma per le speculazioni. Il che significa che se non si creano posti di lavoro la prima ragione è perché si punta solo alle speculazioni basate sulla compravendita. Il mondo capitalista di oggi è tornato al tempo di Balzac, all’Ottocento.
Ma questa è una retrocessione disastrosa...
E' un regresso dettato da un’incoscienza quasi totale. E questo in paesi più o meno democratici, non in Cina. Nel momento attuale il partito socialdemocratico è in maggioranza in molte nazioni e in altri paesi è il comunismo che comanda, come in Italia e in Francia; e in Germania comanda la Merkel. Gli investimenti però non sono diretti verso i lavoratori, e in molti paesi aumenta il numero di suicidi per l’assenza di lavoro, soprattutto tra gli impiegati della classe media. Questa è materia per uno psicologo. Quasi tutte le risorse finanziarie sono in mano alle multinazionali dominanti.
Lei in passato ha sostenuto che le più grandi novità in campo economico sarebbero arrivate dalla Cina e dall’India: si è avverata del tutto la sua profezia?
Queste cose le pensavo venti o trent’anni fa quando i paesi emergenti erano Cina, Brasile, l’Africa con una situazione molto primitiva e l’India che ha un progresso tecnologico di altissimo livello subissato però dal sistema illegale delle caste. Oggi è in azione ovunque un nuovo sistema di attività economica e sociale che vuol dire tecnologie, concentrazione di capitali per investimenti di vario genere, ma anche un sistema politico capace di organizzare ipotesi di lavoro diverse per controllare nuove dimensioni affaristiche. Intesa che al momento in Europa sembra scarseggiare.
Quali sono, secondo lei, gli errori che mettono in affanno il vecchio continente?
Senz’altro uno degli errori più vistosi è stato quello di coinvolgere ventotto Stati. E' un allargamento enorme, difficile da contenere soprattutto quando si vogliono stabilire degli obiettivi comuni. E questo mentre nel mondo si fanno strada nuovi giganti politici ed economici che potrebbero prendere in mano le redini del potere mondiale. Penso a un duopolio costituito dall’America e dalla Cina, le quali, a mio avviso, hanno tutti i numeri per diventare padroni dell’universo.
E dal terrorismo del mondo arabo che attacca l’Occidente, che cosa dobbiamo aspettarci?
Il costo economico del terrorismo in termini di vite umane è pesante, ma purtroppo non si può equiparare un dramma tragico come quello delle duecento e più persone che sono state uccise senza nessuna colpa o ragione a Parigi, a Londra o a Madrid, con un dramma sociale come quello dell’occupazione che costituisce una sorta di grimaldello pronto ad essere usato: potrebbe forzare il futuro del mondo favorendo tracolli imprevedibili.
Come vede il futuro dell’umanità?
Non dipenderà più dai movimenti sociali, ma dai movimenti etico-democratizzanti che si basano sull’individuo e sulla sua richiesta di essere rispettato come singolo essere umano.
Lei ha detto di essere ateo, ma ammira Papa Francesco e vorrebbe incontrarlo: perché?
Per tante ragioni, ma soprattutto per la verità che proclama e perché parla di dignità, un concetto che sembrava non abitasse più il mondo contemporaneo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Traversetolo: calici e musica sul tramonto

FESTE PGN

Traversetolo: calici e musica sul tramonto Foto

Morto Vinnie Paul, batterista e co-fondatore Pantera

musica

E' morto Vinnie Paul, batterista dei Pantera

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon  Gallery

newcastle

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Opere incompiute: le date del taglio del nastro

Cantieri

Opere incompiute: le date del taglio del nastro

Ballottaggi

Urne aperte a Salso: alle 12 ha votato il 18,36%

pericolo

Voragine in via Volturno, via Musini La foto

appuntamenti

Dopo la rugiada, una domenica di eventi nel Parmense Agenda

Turismo

Pochi wc pubblici. Botta e risposta fra Comune e Confesercenti

3commenti

calcio e tribunale

Caso whatsapp-Parma (e match Frosinone), il Palermo: "Siamo parte lesa"

evento

Il dj set di Digitalism, ha chiuso il Cittadella Music festival Gallery

1commento

Rapina

Incappucciato aggredisce una donna per rubarle l'auto: arrestato

FIDENZA

Sicurezza, in arrivo 84 «occhi intelligenti»

Fontanellato

Morto il direttore della banda

BENECETO

L'abbraccio della maestra e dell'ex allieva

Il ministro Centinaio

«Il caso sms? Finirà in nulla»

1commento

Violenza

La gelosia come ossessione: in carcere il partner-aguzzino

CALCIO

Asprilla, Veron, Apolloni e gli altri: la giornata "Parma Legends" al Tardini Foto

La partita è finita 5-2

12Tg Parma

Ladri scatenati a Felino: settimana di furti in paese

SORBOLO

Si sente male in casa, salvato da sindaco e carabinieri Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Come potranno motivare una condanna?

di Michele Brambilla

LA PEPPA

Fusilli estivi, pasta fredda protagonista

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Urla in casa, arrivano i carabinieri e sequestrano marijuana

Superenalotto

Esce il 6: vinti oltre 51 milioni di euro

SPORT

Calcio

Mondiali: la Germania in 10 soffre ma piega la Svezia (2-1)

FORMULA UNO

Mercedes davanti a tutti: non è solo questione di gomme

SOCIETA'

cultura

E' morta Chichita, la moglie di Italo Calvino

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

MOTORI

MOTORI

Hyundai i20: restyling di sostanza

RESTYLING

La nuova Jeep Renegade in 5 mosse