13°

28°

Arte-Cultura

Quel Werther antico e magnifico

Quel Werther antico e magnifico
Ricevi gratis le news
0

  Gian Paolo Minardi

 

Si racconta un episodio significativo legato alla prima italiana di «Werther», al Lirico di Milano il primo dicembre del 1894, presente l’autore: pare che assistendo alle prove Massenet avesse colto, tra il bisbiglio di alcuni orchestrali nel momento in cui i violoncelli, nel finale del primo atto, commentano il trepido colloquio tra Werther e Charlotte il nome di Mascagni; con il garbo che gli era proprio ci tenne poi a precisare come quella melodia fosse nata prima della «Cavalleria», l’opera che in quei mesi aveva conquistato le platee.. 

Un equivoco che riviveva, con ben altro intento critico, nelle parole che Debussy scrisse in occasione della morte del musicista al quale era consapevole di dover pur qualcosa: «Gli si rimproverava di avere eccessiva simpatia per Mascagni e non abbastanza per Wagner, rimprovero tanto falso quanto inammissibile». 

Tra i due versanti si snoda infatti un filo sottile, delicatissimo qual'è il modo di porsi di Massenet, in «Werther» in particolare, quella sua inclinazione ad insinuarsi entro la vicenda e di carpirne gli echi e gli accenti più segreti attraverso un linguaggio armonioso, quasi autosufficiente nella sua elegante misura. 

Misura, appunto, esposta quanto mai ai rischi di fraintendimento se, ad esempio, si tocca il rapporto con la parola, così strettamente intrinseco alla musica dei francesi. Non c'è dubbio, infatti, che il «Werther» cantato in italiano, secondo una tradizione del resto consolidata e rafforzata da testimonianze vocali di grande rilievo, cambi fisionomia, proprio perché sono gli stessi caratteri della nostra lingua, con la predominanza delle vocali aperte, a mutare lo spessore della linea melodica e a imprimere al recitativo un’incidenza troppo marcata rispetto a quell'andamento più naturalmente fluente, tipico di quel passo conversativo che è proprio al modo di porsi di Massenet; tratto questo che ribadisce quel rapporto più stretto col teatro di prosa che l’opera francese, dalla «Tragédie» al teatro naturalista, ha sempre intrattenuto, in uno scambio quasi osmotico tra parola e musica, fino a quel supremo approdo, inimitabile nella sua solitudine che è il «Pelléas et Mélisande» di Debussy. 

Sono queste le ragioni che rendono più che interessante l’offerta discografica del nostro giornale (il doppio cd con il libretto dell'opera sarà in vendita  a partire da sabato 17 aprile a euro 12 più il prezzo del quotidiano): qualcuno potrà forse mostrare perplessità di fronte alla data di questa registrazione, 1931 e quindi agli inevitabili limiti tecnologici, per quanto attenuati da una scrupolosa rimasterizzazione; ma si tratta di osservazioni che non infirmano il significato della proposta, davvero «storica» più ancora che per la sua matrice anagrafica per la cifra stilistica che affiora con una sua incontestabile autorevolezza tra le tante testimonianze discografiche che sono andate sedimentandosi attorno a questo capolavoro, alcune indubbiamente di alto pregio, pensando a tutti i grandi cantanti che si sono cimentati con questo personaggio, da Tagliavini a Bergonzi, da Gedda a Domingo, ovviamente a Kraus che di Werther ha incarnato un modello incantevole. 

Ma ciò che si coglie nella edizione ora rispolverata è la particolare atmosfera con cui sembra ricomporsi tutto un tessuto evocativo rispondente alla sensibilità trepida di Massenet, quel clima avvolgente che la stessa orchestra dell’Opéra-Comique guidata dalla mano scorrevole di Elie Cohen, sembra stabilire nel modo di intrecciarsi alle voci, con il passo di una «normalità» che suona come garanzia dagli eccessi enfatici come dai compiacimenti estetizzanti. Punto di forza tuttavia è la presenza di Georges Thill il quale con il controllo di un’emissione davvero rara riesce a tracciare un profilo del protagonista plasmato in tutta la mobilità di trapassi che ne rivelano la fatalità della sua disperazione; merito della capacità del grande interprete di dosare gli accenti, controllare il timbro, senza mai cadere nelle trappole insidiose di una passionalità troppo sfogata o, al contrario, di un’inclinazione a distillare la misura sentimentale attraverso i filtri di quel manierismo artificioso che spesso viene scambiato per finezza. 

Lungo tale linea di naturalezza, frutto ovviamente di un controllo e di una sapiente condotta vocale, si muove anche Ninon Vallin nel creare una Charlotte di profonda intensità, proprio per la dignità con cui ne regola i segreti turbamenti. 

 

 

 

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

S-Chiusi in galleria

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolta anche una squadra di basket di Parma

16 indagati e sequestro per 25 milioni. Come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

MONTAGNA

Corniglio, 14enne infortunata durante una gita con classe: interviene il Soccorso alpino

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

arte

Restaurata la Cassetta Farnese di Capodimonte: presto sarà (temporaneamente) a Parma

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Incendio in una ditta di luminarie natalizie. Il Comune: "Chiudete le finestre"

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

CASTELFRANCO EMILIA

Sparano a uno straniero ed esultano: indagini in corso

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

4commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno