13°

25°

Arte-Cultura

Alla scoperta di Parma romana

Alla scoperta di Parma romana
Ricevi gratis le news
0

 Manuela Catarsi è funzionaria e archeologa della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia Romagna. E' autrice del saggio «Storia di Parma. Il contributo dell’archeologia» all’interno del volume «Parma romana» (Mup Editore, 2009). In questo articolo la Catarsi ci guida alla scoperta di Parma romana.

 
La conquista da parte dei Romani della pianura padana, iniziata nel 268 a.C. con la fondazione di Rimini e proseguita con quelle di Piacenza e Cremona nel 218 a.C., riprese nel 187 a.C. con la fondazione di Bologna e proseguì nel 189 a.C. con il tracciamento della via Emilia e nel 183 a.C. con la deduzione delle colonie di Parma e Modena. La nostra città venne edificata sulla destra del torrente omonimo in posizione strategica a controllo dello sbocco in pianura di quattro vallate appenniniche (Enza e sistemi Taro-Ceno e Parma-Baganza) abitate da fiere e bellicose tribù di Liguri ostili ai Romani, che saranno domate dopo una lunga guerra soltanto nel 146 a.C. 
A ciascuno dei 2000 coloni che concorsero alla fondazione della città vennero assegnati 8 iugeri di terreno (circa 20.200 mq) e le operazioni centuriali, coordinate da una commissione triumvirale di cui faceva parte lo stesso Marco Emilio Lepido, portarono alla parcellizzazione del territorio in maglie quadrate di circa m. 710 di lato delimitate da strade, piantate arboree e canali. Quasi nulla sappiamo della città repubblicana che, nel corso delle guerre per il principato, schierata a favore di Ottaviano, venne devastata da Antonio nel 43 a.C. 
Gli scarsissimi ritrovamenti archeologici riferibili a queste prime fasi insediative sembrano tuttavia individuare già nell’area di piazza Garibaldi, là dove poi sorgerà il capitolium, il cuore della colonia, con la probabile presenza di una struttura templare ornata da un podio in blocchi di arenaria locale modanati e da una decorazione architettonica fittile, e rivelano l’impegno messo dai primi coloni nel raccordare piani e impedire pericolose risalite della falda acquifera. Nella foto aerea è ancora ben riconoscibile nel nucleo compatto e regolare attorno all’attuale piazza Garibaldi, compreso a Nord tra le vie del Vescovado e Melloni, a Est Cairoli - XXII Luglio, a Sud Riccio - ponte Caprazucca e a Ovest Carducci - Oberdan - Conservatorio, la colonia Iulia Augusta Parmensis.
L’impianto urbano d’epoca augustea risulta diviso dall’incrocio del decumano massimo (il tratto urbano della Via Emilia) col cardine massimo (Vie Farini e Cavour) in quattro settori di sei actus di ampiezza (circa 210 m.), di cui i due settentrionali di 7 actus e mezzo, quello sud-orientale di 9 actus e di minori proporzioni quello sud-occidentale, condizionato dal corso del torrente che all’epoca aveva un alveo diverso dall’attuale, come dimostrano i recentissimi ritrovamenti di Piazza Ghiaia. Un ponte in pietra consentiva il transito dell’Aemilia sul corso d’acqua e metteva la città in contatto col suo suburbio occidentale, dove scavi recenti hanno portato in luce imponenti opere di bonifica con anfore e quartieri produttivi già insediati in epoca giulio-claudia. 
All’interno della scacchiera urbana si sviluppavano le insulae d’abitazione di un actus e mezzo di lato (circa 53 m.), in cui sorgevano domus di una certa ricchezza, come testimoniano i pavimenti in signino o a mosaico, gli stucchi e gli intonaci dipinti, rinvenuti in diverse occasioni in più punti della città. All’incrocio delle due strade principali era il forum, dall’estensione pari a quella di due insulae, solo in parte coincidenti con l’attuale piazza Garibaldi, sul quale si affacciavano gli edifici pubblici principali tra i quali il capitolium (il tempio dedicato alle principali divinità) e la basilica (un edificio in cui si tributava il culto imperiale e si amministrava la giustizia).
 Sul margine cittadino meridionale, all’incirca in corrispondenza degli attuali piazzale Sant'Uldarico, via Farini, borgo della Salnitrara sono stati localizzati alla metà dell’Ottocento i resti del teatro che, innalzato in età giulio-claudia, chiudeva con la scaena a sud il cardine massimo addossandosi con la cavea all’argine del torrente. Un anfiteatro, che poteva ospitare più di 16.000 spettatori si elevava invece nel suburbio nord-orientale grosso modo nell’area degli attuali Palazzo del Campo e Convitto Maria Luigia, all’interno del pomerium cittadino, il cui confine era segnalato da un arco onorario, di cui è stato trovato sull'Emilia un potente basamento in conglomerato cementizio. 
Lungo le strade, sia di grande scorrimento, ma anche quelle che attraversavano obliquamente a centuriazione si dislocavano le necropoli, caratterizzate dal rito funebre ad incinerazione in epoca repubblicana e nel primo Impero, ad inumazione a partire dal II sec. d.C., pratica funeraria divenuta poi prevalente a seguito del diffondersi anche nel nostro territorio del Cristianesimo. Snodi viari importanti distribuiti sui lati del quadrilatero mettevano la città in comunicazione con le vallate appenniniche, il Po e il territorio centuriato.
Nel corso del III sec. d.C., in relazione alle difficoltà in cui si dibatteva l’Impero romano, anche la città di Parma cominciò a decadere e sul finire del secolo, all’epoca delle prime invasioni barbariche, per motivi di difesa si cinse di mura. Del mutare dei tempi resta testimonianza oltre che in diversi tesoretti di preziosi rinvenuti in città (es. Teatro Regio, Palazzo Orsoline, Via Mazzini) in una lettera del vescovo Ambrogio di Milano, scritta nella seconda metà del IV sec. d.C. in cui le antiche colonie lungo la via Emilia vengono definite «cadaveri di città semidiroccate». La città di Parma, tuttavia non sparirà ma, stretta attorno al suo Vescovo che finirà per diventare anche il capo politico della comunità, si preparerà ad affrontare le sfide e i nuovi fermenti del Medioevo.
MANUELA CATARSI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' nato il terzo royal-bay: è un maschio

Gran Bretagna

E' nato il terzo royal-baby: è un maschio

Silvia Olari furto tablet

Foto d'archivio

REGGIO EMILIA

Silvia Olari su Fb: "Mi hanno rubato il tablet". E i Carabinieri lo rintracciano subito

3commenti

Le matricole: il Trash party d'apertura. Le foto della festa

TONIC

Le matricole: il Trash party d'apertura Foto: ecco chi c'era

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Quiche tricolore, cucina patriottica

LA PEPPA

La ricetta - Quiche tricolore, cucina patriottica

Lealtrenotizie

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

SPORT

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

L'offerta è stata fatta dall'Istituto per il credito sportivo (Ics). Il Parma Calcio 1913 rassicura i tifosi: "Parteciperemo alla prossima asta pubblica"

5commenti

Parma

Vandalismi all'Itis, la preside chiude il bagno

PARMA

Incendio in uno scantinato: vigili del fuoco in zona San Lazzaro

Soccorritori al lavoro in via Bondi

LUTTO

Addio a Oddi, pilastro dell'Audace

PARMA

Uno sprint al tramonto: il 4 maggio torna la Cetilar Run

Ecco il percorso della manifestazione: 8 chilometri dal Parco Ducale alla Cittadella

Soragna

I ragazzini rapinati: abbiamo ancora paura

IL CASO

Massacro di via San Leonardo, chiesto il rinvio a giudizio di Solomon

'NDRANGHETA

Gigliotti deve restare in cella: no del gip alla scarcerazione

FELINO

Invalida per finta e denunciata per davvero

Sosta con un permesso falso sullo stallo per disabili in via Brigate Alpine: un'automobilista originaria del Napoletano scoperta e indagata dai vigili

PARMA

Casa nel Parco: gioco e lavoro vanno a braccetto Foto

CARABINIERI

Scompare da San Secondo: Claudio Lombino ritrovato a San Polo d'Enza

Il 29enne era scomparso venerdì, lasciando a casa portafogli e cellulare

INTERVISTA

Baronchelli e Bugno, ciclisti-bersaglieri

Il personaggio

Beppe Boldi, maestro di cori: 55 anni di carriera

MEMORIA

I luoghi della Resistenza a Parma

TERREMOTO

Il Bardigiano trema: 7 scosse in un'ora

RISSE

Via d'Azeglio, la lite finisce a morsi di pitbull

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Trattative perditempo: Mattarella in campo

di Vittorio Testa

ESTETICA

Smagliature, trattatele finché sono rosse. Dopo può essere tardi

di Maria Teresa Angella

ITALIA/MONDO

FRANCIA

Corruzione: in stato di fermo il finanziere Vincent Bolloré

CANADA

Furgone sulla folla a Toronto: 10 morti. Ma non è terrorismo

SPORT

RUGBY

Zebre: pullman per i tifosi sabato a Treviso

parma calcio

Al Tardini la nascita delle Parma Legends e il raduno di “Serie A: Operazione nostalgia” Foto

SOCIETA'

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

INTERVISTA

Pin-up e "mister barba", parla la modella: "Ecco come ho creato il servizio fotografico" Video

MOTORI

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover