17°

28°

Arte-Cultura

Guarda la statua e scopri l'uomo

Guarda la statua e scopri l'uomo
Ricevi gratis le news
0

 Patrizia Ginepri

Neanche un mese fa è riuscito a far cambiare nome al famoso «Atleta che si incorona» custodito nel Getty Museum di Los Angeles. Invitato dal presidente Jens Deahner, il professor Riccardo Partinico, docente di scienze motorie a Reggio Calabria, ha tenuto nella città americana una lezione sulla «Identità perduta»  della statua risalente al periodo Classico, ribattezzata «Giovane giavellottista».  
«Attraverso l’osservazione della postura, della morfologia del sistema muscolare, della somatometria dei distretti muscolari, possiamo risalire, con poca percentuale di errore, alla specialità sportiva esercitata  da un atleta - spiega Partinico -. Ad esempio, un lottatore appare fisicamente diverso da un karateka, pur praticando entrambi sport di combattimento. Il metodo permette, inoltre, di poter stabilire se il personaggio rappresentato da una statua è stato ritratto da un modello vivente, di attribuire il significato di gesti ed il tipo di attività bellica esercitata». Questo approccio scientifico è stato utilizzato anche per identificare i famosi Bronzi di Riace, avvistati tra la sabbia del fondale calabrese nel 1972, risalenti, secondo gli archeologi, a duemilacinquecento anni fa. «Chi siano stati e da dove siano venuti non lo sapremo mai - premette Partinico - ma è certo che i loro corpi sono stati forgiati con l’arte della guerra. Quella particolare armoniosità muscolare ha acceso la mia curiosità e mi ha indotto ad analizzare con molta attenzione il vissuto di quei muscoli».  Così l’analisi scientifica sui Bronzi di Riace, svolta da Partinico a partire dalla fine degli anni ’90, ha permesso di fornire diverse risposte: perché le due statue rappresentavano personaggi eroici realmente vissuti; perché i due guerrieri presentavano deformazioni del sistema scheletrico; perché il «Vecchio» andava a cavallo ed il «Giovane» no; perché i due guerrieri hanno esercitato attività belliche differenti; perché effettuavano la respirazione diaframmatica; perché assumevano quella particolare postura della mano destra.  «Le statue rappresentavano due personaggi eroici realmente vissuti perché lo scultore o gli scultori che hanno realizzato le opere hanno copiato, fedelmente, alcune deformazioni del loro sistema scheletrico: scoliosi e ipercifosi della colonna vertebrale e varismo del quinto dito dei piedi del ''Vecchio” - sottolinea l'esperto -. Duemila e cinquecento anni fa, infatti, nessuno conosceva questi dismorfismi. Il sovraccarico dell’elmo, della corazza, dell’arma impugnata e dello scudo utilizzati dai guerrieri per eseguire azioni di combattimento hanno determinato alcune alterazioni strutturali del loro sistema scheletrico. In particolare, la colonna vertebrale del “Vecchio” presenta una “classica” scoliosi dorso-lombare  e l’appiattimento del tratto cervicale, mentre i suoi piedi presentano l’allargamento della zona di appoggio laterale con una leggera riduzione dell'altezza dell'arcata plantare ed il varismo». Sempre secondo Partinico, il  «Giovane», presenta «una scoliosi dorso-lombare di lieve entità ed un’accentuata iperlordosi, compensata, solo in parte, da un’ipercifosi del tratto dorsale. Questi dismorfismi che possono definirsi “professionali” non diminuiscono la funzionalità, la potenzialità e neanche l’estetica dei due guerrieri». 
Le loro strutture fisiche sono state forgiate proprio dal tipo di addestramento alla guerra. Dallo studio della fisionomia muscolare degli arti inferiori e dei muscoli posteriori delle spalle emergono dati molto interessanti, «da cui possiamo sicuramente dedurre che i Bronzi di Riace hanno esercitato attività belliche differenti - assicura lo studioso -. Gli arti inferiori del “Vecchio” sono compatibili, per fisionomia, con soggetti che cavalcano. Infatti, i glutei, gli adduttori ed i muscoli dei polpacci sono molto definiti ed ipertrofici. Diversamente, il “Giovane” presenta i piedi ben strutturati, le dita armoniose, simmetriche e senza alterazioni scheletriche. Inoltre, l’ipotonia di alcuni muscoli delle cosce, in particolare degli adduttori, dimostra che questo guerriero non andava a cavallo». 
Considerato, infine, che le due statue sono state realizzate in tempi diversi e che entrambe, per sorreggere la lancia o il giavellotto, utilizzano una particolare impugnatura della mano destra, si desume, dagli studi del professor Partinico che quella postura delle dita sia stata una «tecnica bellica». Infatti, una cinghia di cuoio, denominata amentum (latino) o ankulè (greco), che appare anche su numerose raffigurazioni dell’epoca, legata «a cappio» sulla parte centrale dell’asta, veniva utilizzata dai guerrieri greci proprio per lanciare l’arma.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein lascia la stazione di Polizia, dove si è consegnato, in manette

Harvey Weinstein

molestie e violenza

Weinstein lascia la stazione di Polizia in manette Video

Doppietta Ronaldinho, sposa entrambe le fidanzate

nozze

Ronaldinho, che doppietta: sposa entrambe le fidanzate Video

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco

PGN

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Torna bambino e decidi qual è il miglior cartone animato degli anni '80!

Lealtrenotizie

In manette la banda delle fogne: voleva fare il bis

Carabinieri

In manette la banda delle fogne: voleva fare il bis

Violenze alla materna

Una mamma: «In un video ho visto mio figlio maltrattato»

weekend

Tra fiori, cavalli e la Notte del Terzo giorno: l'agenda del sabato

Noceto

Festa per i soci di Parma partecipazioni calcistiche: ecco chi c'era Foto

CARABINIERI

Traffico di droga: sequestrati beni per 500mila euro a un 45enne agli arresti domiciliari a Parma

Leonardo Losito, pregiudicato, è accusato di essere l'organizzatore di un traffico di droga nella zona di Andria, in Puglia

Arbitri

Clara e Alberto, due generazioni con il fischietto

FIDENZA

Camion perde una barriera «new jersey», tragedia sfiorata

VIA CALATAFIMI

Rubata la borsa lasciata in auto: dentro un tablet e 300 euro

MALTRATTAMENTI

Insulta, picchia e minaccia la compagna con un'accetta: condannato

EVENTO

Langhirano-Parma: camminata per chiedere più sicurezza sulla Massese

Saranno lanciati in cielo dei palloncini nei punti dove furono investiti Filippo Ricotti, Giulia Demartis, Marina Tansini in Schianchi e Marco Bottazzi

CALCIO

Dai tifosi azionisti un caldo abbraccio ai gialloblù

CARCERE

Cento detenuti in più rispetto alla capienza normale

1commento

carabinieri

Via Cavour, nel covo e nel tunnel della banda del caveau: le foto Video

1commento

serie A

Mercato crociato: il procuratore Raiola a Parma. Balotelli al Parma? Video

allarme

Auto in fiamme in viale Vittoria: vigili del fuoco al lavoro Gallery

anteprima gazzetta

Nel carcere, cento detenuti in più alla capienza ottimale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il nodo Savona e lo scontro istituzionale con Mattarella

di Stefano Pileri

1commento

EDITORIALE

Le gesta del trio Salvini, Di Maio, Berlusconi

di Vittorio Testa

4commenti

ITALIA/MONDO

COMO

E' morto Carlo Castagna: perse la moglie, la figlia e il nipote nella strage di Erba

sangue sulle strade

Incidente stradale: scontro auto-scooter, morto un 25enne a Reggio Emilia

SPORT

ciclismo

Impresa di Froome, nuova maglia rosa e le mani sul Giro d'Italia

SERIE A

Parma: il futuro in tre mosse

SOCIETA'

como

Folle inversione ad U di un tir al casello Video

cultura

Il documentario sulle pastore alla volata finale del crowdfunding

MOTORI

il test

Skoda Superb, la sicurezza non è più un optional

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv